Top

Trasparenze involontarie. “Socio” di Scili riabilita la mafia di V. Falco

giugno 11, 2011 by Redazione · Commenti disabilitati 

Elio Belcastro, ex Mpa, parla di “mafiosità positiva”. Ma può esistere una versione “positiva” della mafia? E chi lo dice, cosa lascia intendere (in tutti i sensi?) di VIRGILIO FALCO Read more

***L’intervento***
UN GOVERNO OMERTOSO SULLA MAFIA
di FRANCO LARATTA e ANGELA NAPOLI*

ottobre 8, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il nostro deputato del Pd e la parlamentare di Futuro e Libertà in prima linea nella lotta alla criminalità organizzata. Ieri un’interpellanza al governo. Che però (non) risponde (vagamente). Laratta e Napoli scelgono il giornale della politica italiana per criticare la scelta del ministro Maroni di non comparire in aula (è proprio il caso di dirlo?) e per raccontare la situazione calabrese, dove migliaia di cittadini onesti che «hanno tanta paura ma anche tanta voglia di dire basta» sono scesi in piazza e attendono, ora, la sponda dell’esecutivo. di FRANCO LARATTA e ANGELA NAPOLI Read more

Beni confiscati e lotta alla mafia, se una norma rischia di favorire le organizzazioni criminali

agosto 16, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La lotta alla criminalità organizzata raggiunge risultati di rilievo, soprattutto quando si riesce a toccare il ‘portafoglio’ delle diverse organizzazioni. Eppure si corre il rischio, in Parlamento, di ritrovarsi con una norma che rischia di segnare un passo indietro: assegnare i beni confiscati entro sei mesi, altrimenti provvedere alla vendita, che spesso vede partecipare proprio le organizzazioni ‘nascoste’. L’associazione ‘Libera’ ha promosso una raccolta di firme contro l’emendamento, collocato nella Legge Finanziaria, che prevede questo aggiornamento. Tutto questo mentre Maria Grazia Laganà, deputata Pd e vedova di Francesco Fortugno, riceve l’ennesima lettera di minacce. A conferma che la mafia, come le altre organizzazioni criminali, è ancora lontana dall’essere sconfitta. Ne parliamo con un pezzo di Chiara Burgio.

Read more

A Palermo ecco Italia che batterà la mafia Fini: ‘L’eroe è chi si sacrifica per lo Stato’ L’applauso delle agende rosse di sinistra Donadi: “Ora ripulire la nostra politica” Questo è il Paese onesto e responsabile

luglio 19, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Lo straordinario pezzo del capogruppo di Italia dei Valori che state per leggere parla della fatica di uno Stato tradito da alcuni suoi membri nella lotta contro la criminalità organizzata. «La mafia è un fenomeno umano e come tale finirà», diceva Giovanni Falcone. Ma rimane in vita se il fronte di chi lo deve sconfiggere presenta delle incrinature, dalle quali passa ossigeno vitale per i boss. Dunque le parole di Falcone non sono più attuali?, si chiede Donadi. E la tentazione di rispondere di sì c’è per tutti, non c’è dubbio. Ma poi ti ricordi che ad aprire quelle incrinature è davvero solo una particina del nostro Paese. Che l’unione delle forze oneste e responsabili, di destra e di sinistra, espellerà dalla politica italiana. Ricompattando così il muro che dobbiamo all’impegno di Falcone e Borsellino. Fini, da una parte. I Democratici dall’altra. Non è tanto una questione di larghe intese. E’ questione di una grande convergenza democratica e nazionale, nel solco, peraltro, dell’eredità di Almirante e Berlinguer. Una destra e una sinistra al servizio del Paese possono vincere la mafia. Oggi. Gli applausi al coraggio del presidente della Camera sono lì a testimoniarlo. Il problema analizzato come mai prima, dalla grande penna di Donadi. All’interno. Read more

Esclusivo. Fu il Kgb ad uccidere Falcone e Borsellino di P. Guzzanti

luglio 11, 2010 by Redazione · 8 Comments 

Una gigantesca operazione di riciclaggio dei soldi dei servizi segreti e del PCUS. I conti della mafia in Italia come “lavatrice” del tesoro sovietico. Un misterioso finanziere italiano. Il gran rifiuto di D’Alema, ma anche, subito dopo la morte dei due magistrati, l’impegno del Pci-Pds-Ds per alzare un polverone e celare la terribile e scomoda verità. L’ex vicedirettore de “il Giornale” e deputato del Partito Liberale Italiano svela al giornale della politica italiana questo misconosciuto “mistero italiano” (e non solo): una vera e propria operazione di guerra, che non sarebbe stata nelle possibilità e nemmeno nella volontà della mafia siciliana, alla base del martirio, possiamo chiamarlo così, di Falcone e Borsellino, che stavano indagando sulla vicenda. Una storia che sfugge al controllo persino di un protagonista della nostra politica della potenza di Giulio Andreotti, che ad un certo punto ammette di trovarsi di fronte a qualcosa di «più grande di me» e invita Giancarlo Lehner a lasciare perdere il progetto di scrivere un libro-denuncia su tutto questo. A distanza di anni, Guzzanti riapre il caso. Un pezzo da non perdere, solo sul giornale della politica italiana. Read more

Diario politico. Uno, dieci, mille Brancher Spazzati via processi a premier e ministri Nuovo lodo Alfano retroattivo-”allargato” Ma nel Pdl anche onestà e responsabilità Pisanu: “Anche per me gli eroi sono altri”

giugno 30, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidia- na de il Politico.it. Uscito dalla porta, lo scudo per Brancher rischia di rientrare dalla finestra. Di fronte alla reazione di sdegno per il caso del ministro nominato perché potesse sfuggire dai suoi guai giudiziari – a differenza di tutti noi cittadini – che – come ci ha rivelato ieri il nostro Crespi – trascina il presidente del Consiglio al punto più basso – in termini di fiducia – dal giorno del suo ritorno a Palazzo Chigi, Berlusconi non lascia, raddoppia. Accelera e si prepara a far approvare la versione costituzionale della norma che consente la sospensione (permanente) dei processi per… lui. E non solo. Stavolta anche le accuse “maturate” prima dell’inizio dell’attività di governo, nelle vesti di comuni cittadini, di fatto decadranno e – come già con la formula finale del legittimo impedimento – tutto ciò non varrà più solo per il capo del governo, ma anche per i suoi ministri. Silvio conta sull’effetto dispersivo e distensivo dell’estate ormai cominciata e su una memoria dell’opinione pubblica che si è già dimostrata corta. Ma questa volta la fretta (necessaria, dal suo punto di vista) potrebbe avergli giocato un brutto scherzo. Brancher ha segnato un punto di svolta e, forse, di non ritorno nel rapporto tra la maggioranza e il Paese. Che non sembra più disposto a farsi prendere in giro, a colpi di provvedimenti che sollevano i membri del governo dalle responsabilità per le quali un comune cittadino passa anni interi entrando e uscendo dai tribunali. In questo quadro il risveglio, per un Berlusconi che, come abbiamo avuto modo di scrivere, non appare più brillante come una volta, potrebbe essere bru- sco. Il racconto della giornata, all’interno, di Bagnoli. Read more

Dell’Utri mediatore tra Berlusconi e mafia “Ma non c’è legame con FI e le stragi ’93″

giugno 29, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il senato- re Pdl condan- nato in appello a 7 anni per concorso esterno in associa- zione mafiosa. Ridotta la pena – 9 anni – di primo grado. Il Pg ne aveva chiesti 11. Dell’Utri – secondo la sentenza – è stato il tramite con l’allora imprendi- tore di Arcore per l’assunzione come stalliere del boss mafioso Mangano (che ha assicurato protezione contro eventuali sequestri). E poi avrebbe contrattato con la mafia anche per proteggere le aziende del futuro presidente del Consiglio. Smentito invece il ruolo di Cosa nostra nella nascita di Forza Italia e qualsiasi rapporto con le stragi del ’93. Il servizio, all’interno, è di Stefano Catone. Read more

Diario politico. Crisi tra Berlusconi e Fini FareFuturo: ‘C’è una differenza culturale‘ “Legalità, noi pensiamo Paolo Borsellino Loro prima tempistica di processo Mills” Premier: “Saviano propaganda la mafia”

aprile 16, 2010 by Redazione · 1 Comment 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma è di Ginevra Baffigo. I giornali della destra finiana vanno all’attacco del presidente del Consiglio che, involontariamente, nel giorno in cui peraltro il governo – va detto – comunica i buoni risultati nella lotta alla criminalità organizzata, sembra dare loro ragione, rispolverando un punto di vista già espresso sul tema della lotta alla mafia: ovvero quello per cui parlarne sia un modo non per contribuire a sconfiggerla ma, più che altro, per macchiare l’immagine dell’Italia all’estero. Una concezione strettamente connessa con la sua abilità di comunicatore e, per estensione, con il tentativo di chiudere le trasmissioni che “macchiano”, a loro volta, la sua immagine, costruita con, appunto, tanta capacità e nel tempo e rispetto alla quale quindi ogni intervento esterno che la può colpire è un vero e proprio atto di lesa maestà. In ogni caso una presa di posizione inaccettabile, quella del premier nei confronti dell’autore di Gomorra, che conferma ciò che, appunto, FareFuturo e Flavia Perina sul Secolo d’Italia scrivono oggi: tra Fini e Berlusconi c’è una differenza culturale, che si manifesta anche, tra il resto, nella diversa concezione della legalità. Tutto questo per spiegare quello scontro, tra i due cofondatori del Pdl, che dopo lo strappo di ieri prosegue e che Baffigo ci racconta, all’interno.

Read more

Diario politico. E’ decaduto dl salva-liste Maggioranza sotto (per 8 voti) a Camera

aprile 13, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La prima firma è Carmine Finelli. Diario “minore”, in una giornata che non offre altri spunti di rilievo – che non siano di pura politica politicante – oltre a quelli che abbiamo sviluppato nel corso del pomeriggio. La notizia è che il provvedimento varato alla vigilia delle elezioni dal governo per consentire la riammissione della lista Pdl nel Lazio incontra una nuova bocciatura: quella finale, quella politica. Nonostante la sproporzione di forze centrodestra battuto. Pesano anche le assenze “illustri” di Cicchitto, Lupi, Ghedini e Verdini. E riesplode la polemica. Il racconto.            Read more

Diario. Ecco l’Italia del bene (e del male) Berlusconi: ‘I (miei) paladini della libertà’ “Sinistra vuole invasione”. Fini: ‘Sbaglia’

febbraio 24, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Ginevra Baffigo. Dopo esserci concen- trati, nel pomeriggio, sul tema delle intercettazioni, svolgiamo (per intero) il filo (del resto) dell’intervento-fiume del presidente del Consiglio, che narra di un Paese in cui c’è «una forza del bene (il centrodestra) contro le forze del male (la “sinistra”)» che vogliono fare entrare gli immigrati per cambiare gli equilibri (elettorali) di un Paese «moderato». E anche instaurare uno «stato di polizia» che in realtà «c’è già». Vi rendiamo conto di tutto ciò che il premier ha detto. Dissente, ancora una volta, il presidente della Camera. Poi la Cei, che lancia l’allarme sul Mezzogiorno su cui pesano le «inadeguatezze delle classi dirigenti» e il «cancro» della criminalità organizzata. Ieri vi avevamo raccontato la vicenda di Red Tv, la televisione di D’Alema che chiude perché al leader Maximo non serve più (ora che ha ripreso il controllo del Partito Democratico e, tra l’altro, con esso, anche della sua Youdem) che si intrecciava con il tema dei tagli all’editoria: nel Milleproroghe licenziato oggi dalla Camera tutto questo viene differito al 2011. Il racconto. Read more

Napoli, finiana, una vita contro le mafie “Pdl frena protocollo candidature pulite” E su Gasparri: “Difende le collusioni”

febbraio 15, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Proposto da Pisanu in Antimafia, sostenuto dalla deputata ex An e dall’altro finiano Fabio Granata, dal centrosinistra e dalla Lega, ha trovato l’opposizione del partito del premier. E del governo. Cruciale a poche settimane dalla chiusura delle liste per le Regionali, prevede che non si possano mettere in campo candidati anche solo rinviati a giudizio e non necessariamente già condannati. La Commissione si riunisce in queste ore a Reggio Calabria e Angela Napoli spera ancora che il “suo” centrodestra possa fare un passo indietro e non tradire più la (sua) battaglia di tutta una vita. In questa intervista al giornale della politica italiana, la deputata Pdl spiega perché è importante approvare quel codice e ci racconta a che punto è la nostra battaglia contro la criminalità organizzata. E sulla giustizia chiarisce: «No al processo breve». L’ha sentita Ginevra Baffigo.

Read more

Diario. Eluana, Berlusconi si “rammarica” Duro Fini: “Meglio tacere”. Faida-Chiesa

febbraio 9, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La più completa, la più autorevole. La nota del giornale della politica italiana. La prima firma è Carmine Finelli. Il premier: «Dolore per non averle salvato la vita». Il presidente della Camera: «Avrei preferito che tutti tacessero». L’apertura è per questo ma poi passiamo ad altro, in ossequio alla serietà di questo giornale, che oggi ha preferito tornare sulla vicenda Englaro con le due importanti – e più serie, appunto – riflessioni di Cristiana Alicata e Andrea Sarubbi che trovate in pagina. Punti di vista diversi offerti alla vostra valutazione, ché gli unici “giudici” di ciò di cui trattiamo siete voi, cari lettori. Ma torniamo al Diario. Fuoco di fila del centrodestra nei confronti di Massimo Ciancimino, il giorno dopo il “macigno”, come abbiamo titolato noi ieri, delle accuse di legami con la mafia a Forza Italia e Berlusconi. Bersani: «Lasciamo lavorare i magistrati». Vi rendiamo conto del dibattito di oggi. Ma il tema più succoso è forse l’(auto)difesa alla quale è stata costretta la Santa Sede, dopo le rivelazioni dei giorni scorsi circa un coinvolgimento di esponenti vaticani anche di alto rango nella vicenda che ha portato all’ingiuria, e poi alle dimissioni dell’ex direttore di Avvenire Guido Boffo. E’ costretto ad intervenire il Papa, con un comunicato: «Si diffama anche la mia figura». Ma vi raccontiamo nel dettaglio. Read more

Diario. “Ciancimino scrisse a Berlusconi” Ecco la lettera (FOTO). Alfano: “Agguato”

febbraio 8, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La prima firma è Carmine Finelli. A sorpresa, il figlio dell’ex sindaco di Palermo legato ai Corleonesi di Riina e Provenzano mostra una missiva del padre al premier, in cui Vito Ciancimino avverte Berlusconi: potrei parlare (sul modo in cui è nata Forza Italia: come vi abbiamo anticipato oggi, Ciancimino jr. riferisce che il padre l’aveva definita «un frutto – avvelenato, ndr – della trattativa tra Stato e mafia», della quale Vito era stato uno dei fautori sostituito poi, sempre secondo la testimonianza, da Marcello Dell’Utri). Vi diciamo tutto della deposizione e vi rendiamo conto delle reazioni degli uomini vicini (e non solo, naturalmente) al presidente del Consiglio, a cominciare dal ministro della Giustizia, all’epoca, peraltro, dirigente di Forza Italia nella terra di confine (tra Stato e – questa – illegalità, tra verso e falso) siciliana. Poi, le opzioni sul tavolo di Scajola per riampiazzare lo stabilimento Fiat di Termini che chiuderà («Abbiamo tempo un anno e mezzo», dice il ministro per le Attività produttive) e la deplorazione di Benedetto XVI nei confronti dei preti pedofili, ma la giornata della nostra politica è – comprensibilmente – monopolizzata dal processo di Palermo. Il racconto. Read more

Macigno di Ciancimino jr. su Berlusconi “Forza Italia frutto trattativa Stato-mafia”

febbraio 8, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il figlio dell’ex sindaco di Palermo depone come testimone al processo che vede imputato l’ex capo dei servizi segreti Mario Mori. Il partito del premier sarebbe stato “battezzato” da Cosa nostra, che in seguito avrebbe richiamato Berlusconi – anche attra- verso minacce all’erede – a rispettare gli “accordi”. Dell’Utri: «Follia». Il servizio di Stefano Catone.            Read more

Diario. Congresso Idv, Di Pietro: “Sogno? Fusione col Pd”. Mafia, processi a rischio

febbraio 5, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La prima firma è Carmine Finelli. E’ cominciata l’assise del partito dell’ex magistrato che si concluderà domenica. Lui parlerà sabato, ma in conferenza stampa anticipa – e ribadisce – il suo progetto. De Magistris: «Sostengo Tonino, tra noi nessun dualismo». Anche se «non dimentichi che ho vent’anni in meno…». Candidatura sul lungo periodo dell’ex pm della procura di Catanzaro rigettata, però, da una parte di Idv che spinge Barbato alla segreteria: «Luigi vuole farci sciogliere per aprirci alla sinistra radicale e ai no global», dicono i dissidenti, evocando un disegno di ri-fondazione dell’area lanciato settimane fa da Paolo Flores d’Arcais. Ci penserà Di Pietro, come ci racconta il nostro theHand nella vignetta di copertina, a rimettere le cose – in un senso o nell’altro – nel giusto ordine. Ma oggi è stato anche il giorno, potenzialmente drammatico, in cui una sentenza della Consulta stabilisce che alcuni procedimenti antimafia – a causa di alcune norme, che prevedono aggravanti. introdotte con il pacchetto sicurezza approvato dal Cdm a Reggio Calabria – sono di competenza della Corte d’assise. Il che, se confermato, comporterebbe un intasamento e un conseguente blocco dei processi e, peggio ancora, l’azzeramento di alcuni in corso. Alfano: «Aggiusteremo il meccanismo, non ci sarà l’effetto-paradosso» che l’inasprimento delle pene produca un beneficio per i boss. Infine, Papa Benedetto XVI torna a parlare di fine vita: «Eutanasia contro dignità umana». Il racconto. Read more

Corto circuito con la giustizia, i tre casi di oggi. E allora theHand ci racconta Alfano

febbraio 2, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Come nei giorni della bocciatura da parte della Consulta del Lodo Alfano, che – lo ricorderete, cari lettori – venne raccontata dal giornale della politica italiana anche con una serie di vignette del nostro Maurizio Di Bona, affrontiamo il tema della giustizia, in attesa di tornarci con le nostre firme, con la sagacia del vignettista de il Politico.it e de Il Fatto Quotidiano. Dopo le tensioni dei giorni scorsi e la protesta delle toghe durante l’inaugurazione dell’anno giudiziario, oggi è stato un altro giorno (tre volte) infuocato sul fronte politica italiana-sistema giudiziario. Primo, Massimo Ciancimino denuncia rapporti «diretti» tra Marcello Dell’Utri e Provenzano, con il quale il senatore e braccio destro del presidente del Consiglio avrebbe proseguito la trattativa con la mafia al posto del padre del deponente già sindaco di Palermo. Poi, è continuata in mattinata la discussione sul legittimo impedimento, che domani verrà votato alla Camera, e di cui vi renderemo ampiamente conto. Infine, in relazione al ruolo dei pentiti, arriva la proposta del vice di Ghedini Valentini di rendere, sostanzialmente, inefficaci le deposizioni che non abbiano il riscontro di prove certe, un’ipotesi di fronte alla quale insorge il centrosinistra che denuncia il rischio di far fallire i processi per mafia. Nel pomeriggio, presa di posizione del ministro della Giustizia che liquida il ddl come una «iniziativa personale» del senatore Pdl. Alfano che già in altre occasioni aveva avuto modo di rintuzzare, per quanto possibile, la stessa smania di Berlusconi in tema di riforma del sistema. Un Alfano che, tuttavia, il nostro theHand ci racconta così. Sentiamo.

Read more

La bomba atomica di Spatuzza sul premier “I due ci hanno messo il Paese in mano”

dicembre 4, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il pentito cita Berlusconi: «Graviano mi parlo di “quello di Canale 5″. C’era pure un altro paesano nostro (Dell’Utri, ndr; nella foto). Mi disse che grazie a loro avevamo ottenuto tanto. Non come con i socialisti che avevano avuto i voti e poi ci avevano fatto la guerra». Il presidente del Consiglio in partenza per la Calabria annulla il viaggio e rientra a Palazzo Grazioli. La replica affidata a Bonaiuti: «Dicono così perchè il Governo ha fatto tanto contro la mafia». Bersani: «Tocca ai giudici giudicare le parole di un pentito». Il servizio di Carosella.           Read more

A Berlusconi dico: sei contro la mafia? Dimostralo così F. Laratta

dicembre 1, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Immediata decadenza degli eletti che abbiano avuto i voti della crimi- nalità organizzata. Divieto per i mafiosi di fare propaganda elettorale. Due principi quasi scontati, perchè sacrosanti ma non ancora previsti nel nostro ordinamento. Il deputato del Partito Democratico sceglie come sempre il giornale della politica italiana per incalzare il Cavaliere e rilanciare questa proposta di legge che giace da anni nei cassetti di Montecitorio. L’intervento. Sentiamo.            Read more

Diario politico. Il senso di Berlusconi per la mafia: ‘Strozzo chi ha scritto La Piovra’

novembre 28, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Francesco Carosella. Sotto pressione per il temuto, possibile avviso di garanzia in arrivo (si diceva) dalla procura di Firenze che indaga sulle stragi mafiose del ’93, il presidente del Consiglio attacca «chi scrive libri» su Cosa nostra, che sempre secondo Berlusconi ci farebbero fare «brutta figura». Mondo della cultura in rivolta. Placido: «Un autogol». Remo Girone, protagonista della fiction Rai sulla mafia: «Molti presero coscienza grazie a quei film». Quanto alle accuse riferite da “Libero” che stamattina titolava di un premier già iscritto nel registro degli indagati sempre nell’ambito dell’inchiesta sulle stragi, sono «infondate e infamanti», dice Berlusconi. Dalla procura comunque arriva una completa smentita: le posizioni di «nè lui, nè Dell’Utri» sono al vaglio degli investigatori. C’è solo la maggioranza sul palcoscenico della politica italiana di oggi – è sempre più assordante, comunque, il silenzio dei Democratici pur ripartiti e rinnovati di Bersani, che faticano a tenere, anzi, a prendere in mano il pallino del gioco – perchè è anche il giorno in cui la Lega ritira frettolosamente l’emendamento che prevedeva un limite di tempo per la cassa integrazione per gli immigrati. E di Fini che indica la strada: «L’inserimento degli stranieri nella vita civile e politica dei Paesi europei – dice il presidente della Camera – si ottiene attraverso un’estensione dei diritti di cittadinanza sociale e politica» e non, ovviamente, con il contrario. Racconto. Read more

L’editoriale. Minacce a Schifani da mafia di Reggio E. di A. Torchiaro

novembre 27, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il volto di Red e grande firma del giornale della politica italiana ana- lizza il caso della lettera minatoria giunta al presidente del Senato dalla cittadina emiliana. Mafia che dunque ha messo le radici anche nella bassa, scrive Torchiaro. Un fenomeno dovuto forse alla destinazione nelle carceri di alcuni boss, ipotesi che resta tale in quanto la collocazione dei mafiosi è segreta. Fenomeno che comunque comincia ad intrecciare e a contaminare, inevitabilmente, il tessuto economico locale. Un pezzo da non perdere. Read more

Diario. La furia di Berlusconi: ‘Magistrati eversivi contro governo. E’ guerra civile’

novembre 26, 2009 by Redazione · 1 Comment 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La prima firma è Carmine Finelli. La giornata era stata segnata dalla notizia delle minacce di morte al presidente del Senato Schifani, di cui vi rendiamo conto, ma si era per il resto svolta nel segno di una certa tranquillità per la politica italiana. C’era stato il voto contrario di Pdl e Lega alla commercializzazione della Ru486 di cui vi abbiamo raccontato nel pomeriggio, e le conseguenti polemiche, ma tutto nel solco del normale confronto dialettico della nostra politica. Poi, l’ufficio di presidenza del Pdl, e il violento attacco del presidente del Consiglio alla magistratura. Vi lasciamo senz’altro al racconto di Finelli, che ci parla poi anche del sommovimento della base del Partito Democratico rispetto alla scelta di Bersani di non aderire al No B day del 5 dicembre. Con, prima, però, una chicca: nel solco della migliore tradizione dei maggiori quotidiani, oggi il Politico.it esce con il suo appuntamento con il racconto della giornata con una vignetta fresca fresca del suo theHand. Una confezione speciale per un grande Diario. Buona lettura sul giornale della politica italiana. Read more

Il ritratto del personaggio della settimana ECCO IL SERVITORE SCHIFANI di L. Lena

novembre 21, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

E’ il personaggio della settimana per essere stato al centro dell’agone della politica italiana parlando di elezioni anticipate. Ma l’affresco del nostro vicedirettore è come sempre l’occasione per approfondire a tuttotondo i caratteri del presidente del Senato. Sentiamo. Read more

Diario politico. Berlusconi: “Sono io il più perseguitato. E giudici sovvertono voto”

ottobre 10, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, oggi, è di Carmine Finelli. La più completa, la più approfondita. Lasciato spazio all’editorialino di Torchiaro sul possibile divorzio del Pd da Di Pietro e alla rivelazione dei maldipancia degli ex An dentro la maggioranza, apriamo con il consueto racconto della giornata molto amato dai nostri lettori che ne fanno uno strumento per vivere di più ogni giorno la politica italiana oltre che di lavoro. Berlusconi contro tutti, la proposta da ambienti del centrodestra di reintrodurre l’immunità parlamentare, l’offesa del presidente del Consiglio a Rosy Bindi (con la reazione del ministro Meloni), la risposta di Mancino alle rivelazioni di Martelli giovedì sera ad “Annozero”, i temi che affrontiamo e sviluppiamo in questo pezzo come sempre da non perdere. Sentiamo. Read more

L’opinione. De Magistris lo incalza, Di Pietro fuori misura di L. Crespi

ottobre 5, 2009 by Redazione · 1 Comment 

Chi meglio del più autorevole esperto di comunicazione politica in Italia può giudicare le ultime uscite – contro il presidente Napolitano; con il basco da mafioso in testa – del leader Idv? Il capo di Crespi Ricerche lascia pochi margini all’ex pm di Mani Pulite, che potrebbe essersi costruito con le proprie mani l’alternativa a se stesso e, ora, pagarla. Solo così, scrive l’ex spin doctor di Silvio Berlusconi, si spiegano gli eccessi di questi giorni di Di Pietro. Ma sentiamo, nel dettaglio. Solo sul giornale della politica italiana. Read more

L’opinione. Carfagna, Dell’Utri e le giocate del week-end M. Adinolfi

settembre 25, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Nuovo giro d’orizzonte del vicediret- tore di Red e grande blogger, membro della direzione naziona- le del Partito Democratico, sul giornale della politica italiana, dopo il grande successo delle uscite precedenti. Oggi Adinolfi ci parla della querela del ministro per le Pari opportunità a ”Repubblica” (che si aggiunge a quella del premier); del processo d’appello a, tra gli altri, il consigliere del presidente del Consiglio ed ex parlamentare di Fi; di nuove rivelazioni sull’inchiesta barese che coinvolge esponenti del centrosinistra pugliese, e, ancora, “Annozero”, il debutto de “Il Fatto”, Travaglio… Infine, come sempre, calcio e scommesse. Da non perdere. Solo su il Politico.it. Sentiamo. Read more

***Diario, si accende il dibattito politico*** Bossi: “Escort? La mafia… Suicidio Fini” Stragi, Alfano: “Magistrati cercano solo la verità” Ma Schifani: ‘No, teoremi politici’

settembre 11, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Carmine Finelli. Il leader della Lega parla da Pian del Re, sorgenti del Po, dove rinnova la cerimonia dell’ampolla: “Le prostitute sono in mano alle cosche, sono quest’ultime ad aver organizzato questa cosa qui”, dice riferendosi alla vicenda che ha coinvolto il presidente del Consiglio. Sull’ex capo di An: “Ma sugli immigrati rispetterà i patti”. Botta e risposta indiretto tra il ministro della Giustizia e il presidente del Senato sul tema della riapertura delle indagini sui delitti di Cosa nostra. Alfano: ”Nessuno ha obiettivi politici”. Lo contraddice l’ex capogruppo di Forza Italia, che invita anche la stampa a “smetterla con le calunnie”. In serata poi irrompono le dichiarazioni di Josè Luis Zapatero, che torna sulle esternazioni di Berlusconi di ieri durante la conferenza stampa congiunta: “Taccio per rispetto istituzionale”, dice il primo ministro spagnolo. Vi aggiorniamo infine sull’inchiesta di Bari e su Napolitano che parla di emergenza-povertà. Ancora una volta al sud. Il racconto. Read more

***L’intervento***
ANTIMAFIA, NON SI TOCCHI IL DDL LAZZATI
di FRANCO LARATTA*

giugno 21, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il deputato del Partito Democratico, membro della Commissione nazionale Antimafia, lancia un appello-richiamo affinchè il Parlamento non modifichi la proposta di legge giacente da 15 anni a Montecitorio e finalmente incardinata, che prevede, tra l’altro, la “decadenza degli eletti con voti organizzati delle associazioni criminali”. Lo fa dalle colonne del giornale della politica italiana, il “suo” giornale. Sentiamo. Read more

L’intervento. Decreto sicurezza, il tema-lotta alla mafia di F. Laratta

maggio 13, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

E’ stato votato oggi, il ddl del Go- verno in tema di sicurezza e immigrazione. E proprio delle parti che riguardano i migranti si è parlato in questi giorni. Ma ci sono anche dei risvolti per il contrasto alla criminalità organizzata. Ed è su questo che il deputato del Partito Democratico, membro della Commissione Nazionale Antimafia, dice la sua. Sentiamo. Read more

Laratta: “Grazie alla crisi mafia e ‘ndrangheta controllano economia

marzo 15, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

“Approfittano della recessione economica per fare affari e per rafforzare il loro potere sulle imprese”. Il rischio dell’aumento del numero dei reati “di strada”, con la conseguente “distrazione” delle forze dell’ordine. Il ruolo delle intercettazioni. Il deputato del Partito democratico anticipa a il Politico.it le proprie conclusioni. Sentiamo. Read more

Conferenza sulla criminalità organizzata con Raffaele Cantone, Pisanu e Veltroni

marzo 3, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Alla presentazione romana di “Solo per giustizia”, il libro dell’ex pm della procura di Napoli, c’erano anche il presidente della Commissione Antimafia e l’ex segretario del Pd. E’ stata l’occasione per una riflessione comune in particolare sulla camorra, e sul ruolo della politica. Sentiamo. Read more

“Io ricordo”, dedicato alle vittime di mafia ‘Mi chiamo come Giovanni Falcone’

febbraio 19, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

E’ un docu-film tratto dal libro “Per questo mi chiamo Giovanni” di Luigi Garlando. Parla della lotta contro la criminalità organizzata. Un padre spiega al figlio le ragioni di quel nome. Sta cercando di ottenere passaggi in televisione e nei circuiti cinematografici. Volentieri scegliamo di parlarvene e, in qualche modo, di favorirne la diffusione. Read more

Intervista a Salvatore Borsellino. La rabbia verso le istituzioni. Su Politico Tv

ottobre 21, 2008 by Redazione · Commenti disabilitati 

Nel luglio del 2007 il fratello del magistrato ucciso scrive una lettera aperta per denunciare il rischio che le indagini sulla morte di Borsellino vengano interrotte. Amalia Di Carlo lo rintraccia e raccoglie uno sfogo sulla maniera in cui parte della politica sta seguendo la vicenda. Il video. E il racconto di com’è nata l’intervista. Read more

Ecco il testo della lettera di Borsellino del 19 luglio 2007

ottobre 21, 2008 by Redazione · Commenti disabilitati 

Per anni, dopo l’estate del 1992 sono stato in tante scuole d’Italia a parlare del sogno di Paolo e Giovanni, a parlare di speranza, di volontà di lottare, di quell’alba che vedevo vicina grazie alla rinascita della coscienza civile dopo il loro sacrificio, dopo la lunga notte di stragi senza colpevoli e della interminabile serie di assassini di magistrati, poliziotti e giornalisti indegna di un paese cosiddetto civile. Read more

Caso Parmaliana, ricostruiamo la vicenda attraverso un’interrogazione parlamentare

ottobre 20, 2008 by Redazione · Commenti disabilitati 

Torneremo sul caso della morte di Adolfo Parmaliana, professore di chimica all’Università di Messina, morto suicida il 2 ottobre scorso dopo essere stato rinviato giudizio dalla procura di Barcellona Pozzo di Gotto con l’accusa di aver diffamato alcuni esponenti del consiglio comunale di Terme Vigliatore che era riuscito, al termine di una lunga battaglia, a far sciogliere per infiltrazione mafiosa. Un’interrogazione parlamentare di Beppe Lumia ci dà modo intanto di ricostruire brevemente la vicenda Read more

Bottom