Top

Diario politico. Dossier decreto sviluppo C’è la sburocratizzazione (per le imprese) (è primo impegno mantenuto da Silvio?) Sulla casa c’è rischio cemento selvaggio Un “riconoscimento” a scuola e ricerca Confindustria: ‘Ma (ciò) non è strutturale’ Perciò non basta e c’è il marchio destra Ma il governo finalmente batte un colpo E il Pd perde un’occasione di confronto

maggio 6, 2011 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. Il giornale della politica italiana scrive da mesi che per salvarsi e tornare grande, l’Italia è chiamata a mettere in campo un progetto organico e complessivo che rifondi, sostanzialmente, da “zero” e strutturalmente il Paese. E – da ultimo ancora ieri, con il suo direttore - ha fatto seguito a questa dichiarazione teorica con la pratica di proposte, spunti e suggerimenti – portati a maturazione nel progetto organico e complessivo concepito da il Politico.it – tali da consentire di attuare quell’intendimento. Il decreto dell’esecutivo contiene invece una serie di piccoli interventi che probabilmente non basteranno ad aggiustare strutturalmente la nostra situazione, e tanto meno ci consentiranno di esplodere. Ma, colpi di testa a parte – come la “vendita”, in tempi “brevi”, delle nostre spiagge – si tratta comunque di un lodevole “inizio”, che pone fine a lunghi mesi di immobilismo a fronte della richiesta, non solo (evidentemente) da parte nostra di un cambio di direzione. E male ha fatto il Pd ad occuparsi di altro – la possibilità di una nuova manovra che si profilerebbe all’orizzonte – invece di dire la sua nel merito sulle specifiche iniziative. Dopo avere messo in campo le proprie, proposte, il Politico.it vi racconta il decreto sviluppo del governo. La firma è di Ginevra Baffigo. Read more

Donne&politica/1. Il mutuo del ministro Carfagna di Luigi Crespi

ottobre 3, 2009 by Redazione · 1 Comment 

Il giornale della politica italiana e- sce oggi con uno speciale al fem- minile. Con le storie di due donne, schierate su fronti opposti, protagoniste di due “casi” che hanno fatto rumore dentro e fuori la politica italiana. La prima è diventata l’altroieri direttore di un grande telegiornale nazionale, seppure con l’”aiutino” (definizione di Mauro Mazza) della politica stessa; l’altra, la vicenda è personale, ha contratto un mutuo – ebbene sì - per l’acquisto della prima casa. Un fatto, quest’ultimo, che sarebbe politicamente irrilevante se non fosse che la protagonista di questa storia è un ministro della Repubblica, in un Paese nel quale siamo abituati a ben altri stili da parte dei nostri rappresentanti. “Il Fatto”, autore dello scoop, ha dato alla notizia una connotazione negativa, lasciando intendere che dietro la compravendita si potrebbe nascondere una frode fiscale; a noi piace invece stare ai fatti e sottolineare la portata innovativa, proprio sul piano dello stile, della scelta del ministro. Le due donne sono Bianca Berlinguer e Mara Carfagna. Le firme di questi due racconti di Gad Lerner e Luigi Crespi. Cominciamo con la Carfagna. Sotto, Berlinguer. Buona lettura. Read more

Bottom