Top

Pigi non sacrifichi Quirinale su altare sopravvivenza (politicante)

marzo 16, 2013 di Redazione 

Anche una persona miope vedreb- be nitidamente cosa si profila all’o- rizzonte: Pigi, illuso e fuorviato dalla vittoria (?) della doppia autoattribuzione di Camera e Senato, sogna di poter fare ancora un giro di giostra, parlamentare e politicante, ottenendo (dai grillini) i voti per formare il proprio governo.

E a questa residua speranza, è già pronto a sacrificare – come sempre – l’Italia e la Politica.

Che in questa legislatura possono consistere ormai in una sola scelta, l’unico regalo che il Pd, autocastratosi nel voto, può ancora permettersi di fare alla nostra Nazione: l’elezione di una personalità onesta e responsabile – dunque di centrosinistra – forte e salda, al Quirinale.

Dove, nonostante slealtà ricevute, tradimenti incassati, insipienza registrata, insensibilità verso le istituzioni, la premiata ditta D’Alema&Bersani, testardamente, è pronta a far salire – ancora una volta – chiunque sia disposto a seguire le loro architetture politiciste.

Ma il Quirinale non è una fiche da distribuire a piacimento nelle proprie costruzioni fini a loro stesse; è il punto più alto della Repubblica italiana; e il ruolo garante della nostra democrazia. E non può essere affidato ad una persona sleale qualunque.

La partita per il Quirinale deve vedere il Pd sgombrare la propria mente da ogni altro (retro)pensiero (inciucista), e mirare dritto all’obiettivo di eleggere sulla soglia più alta della nostra Repubblica (per noi) Romano Prodi (e comunque una personalità di centrosinistra – di centrosinistra! Dunque comprovatamente al di fuori di ogni gioco manipolatorio della nostra democrazia – senza cedere alle tentazioni e ai ricatti di altri).

Caro Pigi, il tuo governo difficilmente nascerà e anche difficilmente durerebbe, visto che potrebbe contare su una manciata di voti di maggioranza. Il capo dello Stato resta in carica sette anni. Ti preghiamo di non lasciarti tentare e ingannare (ancora una volta) da una destra pronta ad approfittare della tua debolezza, per farci incassare una nuova sconfitta (dopo l’incredibile capitombolo elettorale, ampiamente preconizzato da il Politico.it seguendo la tua linea di “lealtà a Monti fino al 2013″) e per riempire con una propria figura (al solito, gravata di ombre e ambiguità) l’unica casella che conta, la casella che presiede alla nostra democrazia.

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom