Top

Dietro 5s malcontento tutto Paese Rischio ribellione senza risposte

marzo 1, 2013 di Redazione 

La nostra politica autoreferenziale di oggi dimostra di non capire. Di non capire che il voto ai 5S è solo in minima parte un voto anti-casta. Cioè un voto contro i ‘privilegi’. Gli italiani votano contro l’immobilismo e l’autoreferenzialità di una classe dirigente che non dà risposte alle loro esigenze; e dunque sarà dando una risposta alle esigenze degli italiani – e non mettendo in campo – solo – un pacchetto di demagogici finti tagli ai costi della politica! Non, almeno, avendo questa come opzione prioritaria – che si risponderà ai tanti che hanno votato 5S – e allo stesso Movimento! Se Grillo non vuole tradire i suoi elettori – ma soprattutto ai nostri connazionali. Perché dietro il successo del M5S, c’è il malcontento di un intero paese che si vede affondare nella melma della crisi e osserva una classe dirigente fine a se stessa che mira a preservare le proprie rendite di posizione e non a trovare soluzioni a tutto ciò. E se non si cominceranno ad assumere scelte per far uscire l’Italia dalla crisi – e non per rispondere con la demagogia ad una parte – minoritaria – degli italiani – quel malcontento sfocerà prima o poi in ribellione che andrà ben oltre un successo dei 5S alle elezioni. Dunque nessun governo serio può nascere senza darsi l’obiettivo di rispondere alle esigenze degli italiani; che coincidono con la ripresa della nostra economia, e non (prima) con i tagli ai costi della politica. O la seconda opzione come parte dell’impianto per determinare il primo effetto; e non come fine ultimo e unico.

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom