Top

Crescita non cade dal cielo. Siamo noi (con scelte Politiche) a ‘agirla’

gennaio 24, 2013 di Redazione 

Caro Monti, perché il bilancio Ue sia orientato alla crescita (come il presidente del Consiglio uscente ha – ancora una volta: lo ha fatto decine e decine di volte durante l’estate – annunciato debba essere. Scaricando su Merkel e sulle – presunte – ‘pretese’ europee l’(ir)responsabilità del proprio vuoto di iniziativa – Politica – e delle correlative difficoltà di ripartenza della nostra economia – reale), c’è un solo modo: che si (ri)cominci ad offrire una (più Alta) prospettiva (Politica! E non solo un ‘habitat’ tecnico-regolativo nel quale ciascuno prenda poi una – effimera – (im)propria, e contraddittoria, direzione) comune che rimotivi i nostri connazionali nel senso di una maggiore responsabilità a fare ciascuno la propria parte per far ripartire la nostra macchina (statale e nazionale) in quella direzione.

Trainando con i fatti – e con l’esempio. E non con le parole e con gli annunci. Come – non – è stato fatto in questo anno di esecutivo dei professori – la ripartenza (anche) dell’Europa (intera).

L’Italia, per la sua leadership storica, è il Paese chiamato a fare questo sforzo (per primo). Ora. O non ci salveremo.

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom