Top

Gelo Monti su pers. omosessuali ‘Temi etici? Vengon dopo riforme’

gennaio 24, 2013 di Redazione 

Monti: “Le questioni etiche (cioè la possibilità per due persone omosessuali di unirsi o di poter prestare assistenza l’una all’altra in ospedale, o ancora di poterne commutare la pensione dopo la morte. Ma anche testamento biologico, e quant’altro riguardi in profondità le circostanze più drammatiche della vita di tutti noi, ndr) sono meno urgenti delle riforme”.

Quelle che Monti ha annunciato di voler fare per prime: legge elettorale, architettura istituzionale, numero dei parlamentari.

Dimenticando, oltre alla vita delle Persone, anche una crescita – che sia ‘funzionale’ all’obiettivo di migliorarle! – con la quale – del resto. Vedi Pil a -2,4% dopo un anno di suo governo; vedi totale assenza di ogni riferimento in materia nei suoi editoriali pre-nomina – una scelta, col senno di poi, molto discutibile, presidente Napolitano – il premier dimissionario non ha mai mostrato di avere molta familiarità.

E le due cose – le due idiosincrasie – sono connesse. E – proprio per questo – l’Italia oggi ha bisogno di qualcuno che capisca che non ci sarà crescita, che non ci sarà salvezza (in tutti i sensi), senza partire – senza passare – per un miglioramento – e il coinvolgimento – della vita di TUTTI gli italiani.

Monti che – invece – parlò – dei nostri connazionali che non ce la fecero più ad andare avanti, a causa dell’immobilismo e dell’insipienza della politica politicante – come di “costi umani” (le loro morti) della crisi.

E disse, del resto – è lo stesso tema, attiene alla demos-crazia – che “i parlamenti sono inutili”.

Un premier uscente così – spiace ribadirlo – non potrà mai rappresentare la soluzione (reale. E non di – puro (?) - maquillage) ai problemi dell’Italia.

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom