Top

Lettera aperta a Ambrogio Crespi Dopo 100 gg carceraz. preventiva

gennaio 20, 2013 di Redazione 

100 giorni di carcerazione preven- tiva sono davvero troppi (anche senza conoscere i termini – specifici – della vicenda. Non esistendo alcun pericolo di fuga, di inquinamento di prove e alcun ‘rilievo’ di pericolosità sociale).

Sono un tutt’uno con la ‘corruzione’ (in senso ampio), la ‘burocratizzazione’ (nel senso della trasformazione di funzionari in veri e propri ‘cacicchi’ – clientelarmente parlando) e l’idea di impunità che serpeggia all’interno del corpo dello Stato e del nostro Paese (e che riguarda alcuni magistrati come alt-r-i funzionari dello Stato).

Il sacrificio (inaccettabile) di questo tempo passato in carcere, non sarà però, trasformando l’indignazione e la rabbia in una battaglia per accelerare nel (ri)fare dell’Italia finalmente un Paese civile, democratico, moderno, stato compiuto invano.

Almeno Politicamente. Anche se umanamente (ma crediamo tu ti possa, a ragione, considerare vittima di un sistema vecchio, che mostra i segni della corruzione – e – del tempo e ‘malato’) capiamo che sia una violenza incomprensibile.

Non sei comunque solo. Ci sono molte persone che possono forse immaginare un pezzetto del dolore che stai provando e che in qualche misura ti sono vicine.

Di certo ‘non lasceremo’ che il tuo caso attuale e quello di altri continuino e siano lasciati passare impunemente.

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom