Top

Audience: Pigi 2 mln, sfiducia M. 6, B. 8. Svegliarsi prima che sia tardi

gennaio 12, 2013 di Redazione 

Per un anno abbiamo scritto che era meglio andare a votare prima. Lui no: “Leali a Monti fino al 2013″. Si è visto come il premier abbia ricambiato la cortesia. Berlusconi-candidato non è come Berlusconi presidente del Consiglio (svogliato), e se il rischio di ‘rimonta’ (tout court) è un’esagerazione del Corriere, però la vittoria al Senato rischia di apparire (alla luce di ciò) un obiettivo labile. Ora sono settimane che avvertiamo: campagna elettorale, Pigi n.p.; (non) andando avanti (così) perdiamo (ancora). Oggi arriva la conferma: 8 milioni per Berlusconi su La7 (sia pure col ‘ricostituente’ del duello con Santoro-Travaglio); per Pigi 2 milioncini (appena) (sia pure) in seconda serata a Porta a porta. Per chi vuole illudersi (ancora), alambiccando di differenze in termini di audience (televisiva), c’è il dato di Monti nello stesso salotto di Vespa (anche se nelle ore della caduta del governo, il 7 dicembre: c’è un – sicuro – effetto-traino, ma una differenza esiste), stessa ora: 6 milioni e passa. O il segretario si sveglia (?) adesso (declinando il progetto! Non inseguendo Monti e Berlusconi. Se non lo fa lui, lo facciano Massimo e Walter – e, magari, Matteo (Renzi) – al posto suo), o – è davvero l’ultima chiamata – presto sarà troppo tardi. Per tutti (i Democratici). E dunque per l’Italia.

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom