Top

***Aprirci (‘da subito’) alla Turchia***
PER RISOLVERE LA CRISI (SIRIANA E DELLA NOSTRA ECONOMIA)
di MATTEO PATRONE

gennaio 4, 2013 di Redazione 

Un’Europa che non fosse tecnocratica e ombelicale, immaginando di accelerare i tempi e di allargarsi (da subito) alla Turchia, acquisirebbe immediatamente una posizione di vantaggio (rispetto ad ogni altro, possibile competitore. A cominciare dalla – stessa – Russia, che oggi ha un rapporto privilegiato – anche, ma non solo, per ragioni geografiche – con le nazioni del blocco asiatico meridionale, e dagli Stati Uniti) nel confronto (Politico e commerciale) con i Paesi dell’area (medio) orientale (a partire dalle stesse Cina e India, che guarderebbero con favore ad un Continente occidentale che si aprisse ai ‘contributi’ e alla collaborazione con il mondo – arabo e – panasia- tico), e comincerebbe così a porre le basi per quella riorganizzazione – e correlativo ‘riorientamento’ – dei traffici (e dunque degli equilibri – anche – geopolitici) che da Cindia giungono (e provengono da) al Vecchio continente, che potrebbe fare dell’Italia – e in particolare del nostro Mezzogiorno – la piattaforma di accesso all’Europa e la ‘rampa di lancio’ (dell’economia europea) verso l’Asia (attraverso il corridoio dello stretto di Suez e del Mar Rosso. Forse non si ha idea di quanto ‘prossima’ sia l’India attraverso la via del mare – di cui parlò per primo – ancora una volta – Romano Prodi – Verificare per credere – ma anche attraverso la stessa fascia mediorientale). CONTINUA ALL’INTERNO

Compiendo così, ca va sans dire, una straordinaria ‘mossa’ utile al riavvicinamento tra occidente e mondo arabo, per la stessa riapertura di un dialogo (che offra loro motivazioni) con i Paesi islamici più oltranzisti (a cominciare dall’Iran), e che aiuterebbe a concludere (rapidamente) una crisi siriana la cui (immediata. E – urgente) risoluzione non può che passare per una collaborazione (che richiede un passo in avanti di una delle due parti) tra oriente ed occidente.

Quale migliore ‘passaporto’, in questo senso, di una Turchia che fosse ad un tempo una delle vecchie culle del mondo arabo (e – ottomano), e che diventasse oggi il punto di congiunzione tra le due sfere d’influenza? (M. Patr.)

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom