Top

***Il futuro dell’Italia: formarci per crescere***
UNA (VERA) RIVOLUZIONE (DI LIBERTA’)
di MATTEO PATRONE

agosto 5, 2012 di Redazione 

E’ quando non si conoscono le proprie potenzialità, quando non si sa cosa si può dare davvero, che si finisce per non riuscire ad esprimerle, e a condurre una vita molto inferiore alle proprie possibilità. Ecco perché l’istruzione e la formazione non sono soltanto la più potente leva di crescita (per il nostro Paese), ma anche il più straordinario strumento di eguaglianza che la Sinistra abbia (mai avuto: il che vale tanto più oggi, nell’era della comunicazione) per rielevare le condizioni (culturali, e quindi umane, e sociali) delle Persone (così dette) più ‘deboli’.

Sopra, il simbolo della Nazione

-

di MATTEO PATRONE

Se i nostri lavoratori, invece di essere minacciati di vedersi gettati nella povertà – alimentando una spirale di scelte estreme – loro e degli (stessi) imprenditori – che continua a stupire, e a inorridirci, nessuno degli attuali politicanti abbia la forza, e l’onestà, per contribuire almeno con una parola a fermare – vengono forniti degli strumenti per poter godere (al contrario) di una libertà più profonda di quella di sottrarsi il posto l’un l’altro nel “mercato” (“consolidato” – ? – in senso liberista) del lavoro (mossi solo da un disperato, e lacerante – la coesione e il senso di unità – istinto di sopravvivenza), formandoli (a 360°) a svolgere nuove mansioni in aziende (ri)lanciate nel senso dell’innovazione, e valorizzando poi appieno quel (“ritrovato” – ?) spessore (umano) facendoli partecipare – come accade in Germania! – alle scelte delle imprese, si otterrà il triplice effetto di non lasciare più soli (in tutti i sensi) i nostri imprenditori, di consentire agli “operai” di emanciparsi (loro, e le – proprie – famiglie – sempre di più: se è vero che i figli di genitori “istruiti” hanno – ancora – più possibilità di costruirsi un futuro all’altezza delle – nostre – aspettative) dalla loro (insostenibile) condizione (“puramente” materiale), e di determinare (attraverso la – loro – crescita. Culturale e, quindi, umana, e a “cascata” tecnica e professionale) la crescita (della – nostra – economia). E’ questa la (vera) rivoluzione (di libertà)! Ed è in questa chiave che la Sinistra (del – nuovo – ? – millennio) può (e deve) trovare la propria ragione d’esistere.

MATTEO PATRONE

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom