Top

E un anno dopo siamo “daccapo” Vs immobilismo, il rinnovamento

luglio 26, 2012 di Redazione 

Un altro anno è passato (quasi) i- nutilmente per un nostro paese che da trenta è costretto a pensare di essere peggiore di quello che è a causa dello Specchio (“di” – è proprio il caso di dirlo – una classe dirigente) che preferisce porre al centro della scena se stessa piuttosto che le questioni che riguardano la vita reale delle Persone.

L’abuso che ne è stato fatto a scopo anche in questo caso personalistico e (in parte) autoreferenziale, rischia di far apparire retorico un concetto che invece è essenziale: dopo venti anni di discorsi triti e ritriti su se stessa, è necessario (e improrogabile) che si faccia posto ad un’altra generazione e classe dirigente.

Gli italiani, che pagano ogni giorno sulla loro pelle il prezzo di una crisi provocata dallo stesso, irresponsabile immobilismo di chi punta “solo” (?) a salvare se stesso, chiedono che si torni nient’altro che a risolvere i loro “problemi” – perché nessuno ha spiegato loro che la Politica non è questa, ma che la vera Politica è anche capace di creare opportunità.

Se un anno dopo siamo ancora qui, apprestandoci (almeno, noi) a rinunciare ad ogni possibile “pausa” ad agosto perché lo spread è ancora a quote insostenibili (esattamente come un anno fa!), non è (solo) perché l’”Europa (che siamo noi!) non fa quello che deve”, perché gli speculatori sono “insensibili” a chi fa bene “i compiti a casa”, ma anche perché questa classe al potere manca completamente di visione e capacità di leadership, e invece di decidere DISCUTE di decidere, e rinvia “al prossimo vertice europeo” (o assemblea del Pd) ogni decisione.

Stanchezza, rassegnazione, rabbia (per chi ha cognizione di come vadano davvero le cose) sono i sentimenti che accomunano oggi la stragrande maggioranza degli italiani. E con quel tipo di “spinta” in corpo non si va lontano; e fra un anno, ammesso che allora il nostro paese sia ancora in piedi, rischiamo di dover cancellare un’altra volta le ferie estive.

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom