Top

Affluenza, si (è) conferma(ta) la tradizione Se al ballottaggio la destra perde elettori Guardate come crollano voti di Lettieri(?) A Milano cresce dove Pisapia è più forte

maggio 30, 2011 di Redazione 

I dati sull’afflusso alle urne forniti alle 22 di domeni- ca ci offrono la possibilità di un’interpretazione capace di svelarci quello che sta presumibilmente accadendo nel segreto delle cabine elettorali. Se nel capoluogo lombardo l’affluenza rispetto al primo turno si mantiene sugli stessi livelli e non ci sono roccaforti dell’uno o dell’altro candidato sulla base delle quali azzardare una valutazione sul comportamento degli elettori pro-Moratti o pro-Pisapia, a Napoli l’andamento è “chiaro”: nei quartieri in cui quattordici giorni fa ha trionfato il candidato del Pdl si registra un forte calo, mentre tengono (maggiormente) i numeri delle zone favorevoli a De Magistris. A Milano comunque l’unico differenziale positivo corrisponde al miglior risultato di zona di Pisapia. L’analisi, all’interno.
di MAURO DE DONATIS

Nella foto, il ghigno di De Magistris

-

di MAURO DE DONATIS

Milano

Confronto tra le affluenze alle ore 22 (differenza rispetto alle ore 22 del I turno; tra parentesi il risultato di Pisapia in quella zona)

Zona1 -1,01% (44,8%)

Zona2 -0,27% (46,7%)

Zona3 -0,21% (49%)

Zona4 -0,32% (48,6%)

Zona5 -0,38% (48,9%)

Zona6 +0,09% (49,2%)

Zona7 -0,01% (47%)

Zona8 -0,41% (47,9%)

Zona9 -0,37% (49,1%)

-

Totale: 53,19% (-0,37%)

Affluenza praticamente identica a quella del primo turno. Anche le variazioni all’interno delle zone sono statisticamente irrilevanti. Da segnalare, comunque, che l’unica zona con segno positivo è quella in cui Pisapia ha preso la percentuale più alta. Maggiore disaffezione nella zona1, la zona più a destra della città.

-

Napoli

Qui invece prendiamo i cinque quartieri che al primo turno erano pro-Lettieri e i cinque (maggiormente) pro-De Magistris (tra parentesi il risultato di Lettieri al I turno)

pro-Lettieri

San Pietro -13,01% (53,9%)

Secondigliano -8,35% (50,3%)

Pianura -7,6% (49,3%)

San Lorenzo -7,3% (44,8%)

Poggioreale -8,6% (44,2%)

-

pro-De Magistris

Porto -2,94% (31,5%)

San Giovanni -10,08% (30,4%)

Bagnoli -4,91% (30%)

Arenella -1,71% (29,3%)

Vomero -1,16% (28,7%)

-

Totale 34,78%(-6,5%)

Al contrario di Milano, a Napoli ci sono grandi differenze di orientamento al voto tra quartiere e quartiere. E l’affluenza sembra risentirne. Si registra un’enorme differenza tra i quartieri pro-Lettieri e quelli pro-De Magistris (specialmente nei grossi quartieri di Arenella e Vomero che quasi mantengono gli stessi elettori del I turno). In calo, vicino al 10%, i quartieri in cui Morcone era forte. E’ quindi evidente che molti elettori di Lettieri e Morcone siano rimasti a casa, al contrario quelli di De Magistris stanno votando tutti. Nel complesso è una situazione nettamente favorevole a De Magistris.

MAURO DE DONATIS

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom