Top

Il caso/ 2. Scrivi “Br=magistrati” e avrai fatto bingo! di Virgilio Falco

aprile 24, 2011 di Redazione 

Per non essere più la “Repubblica delle banane” la nostra nazione ha bisogno di una iniezione di cultura liberale. Cultura delle istituzioni, cultura delle regole, etica pubblica. In una parola: rigore. Manca a destra (?) come a sinistra. E’ una delle tre parole-chiave – indicate dal nostro direttore - su cui costruire programmaticamente la nuova politica. Le altre sono nazione e cultura (nel senso di consapevolezza - di sé, di educazione alla Bellezza). L’ex dirigente nazionale dei giovani del Pdl passato all’Udc per prendere le distanze dall’autoreferenzialità della leadership (?) del presidente del Consiglio analizza l’ultimo esempio di “bananismo”. di VIRGILIO FALCO

Nella foto, i manifesti incriminati (in tutti i sensi)

-

di VIRGILIO FALCO

Roberto Lassini era uno dei tanti candidati al consiglio comunale di Milano (in lista con il PDL) fino a qualche giorno fa.

Oggi è il candidato. La persona che non fa dormire la notte i dirigenti lombardi del principale partito italiano.

Lassini, per chi non lo ricordasse, è l’autore dei famosi manifesti “Via le BR dalle procure”.

Dopo aver ammesso di esser stato lui il responsabile di queste affissioni, Lassini ha ricevuto la censura da parte di quasi tutte le istituzioni politiche italiane (a partire dal Presidente Napolitano).

Lassini ha immediatamente fatto ammenda con la nazione, ha inviato una lettera di scuse a Napolitano, e ha sottoscritto una lettera dove dichiara di sospendere la campagna elettorale per il comune.

In tutto ciò la cosa assurda è che Lassini sarà, molto probabilmente (anche senza fare campagna elettorale), il più votato della città meneghina.

Infatti dietro Lassini stanno avvenendo strane manovre perchè questo risulti il più acclamato tra i candidati al consiglio comunale così da far passare il messaggio che i milanesi (e in generale gli italiani) condividano l’equazione magistrati=BR.

Protagonisti di questa manovra sono, in particolare, il sottosegretario Daniela Santanchè e il quotidiano milanese il Giornale.

Naturalmente per vedere se questa previsione si avvererà dovremo aspettare le elezioni, ma quello che sta avvenendo in questi giorni non fa altro che confermare il paradosso di questa repubblica che in molti continuano a chiamare “delle banane”!

VIRGILIO FALCO

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom