Top

***Silvio a Lampedusa***
MA LA CASA CHE FU DI MODUGNO NON E’ GIA’ DI PROPRIETA’ FININVEST?
di FRANCO MONTORRO

aprile 12, 2011 di Redazione 

Gli oltraggi del presidente del Consiglio all’isola e alla sua popolazione. Prima l’annuncio dell’acquisto di villa Due Palme a Cala Francese si rivela una boutade. Oggi, dopo lo smascheramento e le conseguenti polemiche l’intenzione (dichiarata) di acquistare una nuova abitazione. Che però apparterrebbe già alla “famiglia” (finanziaria) di Berlusconi, è irraggiungibile con mezzi motorizzati o via mare a meno di non infrangere vincoli ambientali rigidissimi (come ci è arrivato il Cavaliere per compiere il suo sopralluogo?), per i quali molto difficilmente potrà ospitare vulcani o (nuove) dependances… e non sembra molto adatta allo “stile” di Berlusconi. Ce ne parla l’ex direttore di Giganti e Superbasket e de Il Sole 24 Ore-Sport. di FRANCO MONTORRO

 

Nella foto, il presidente del Consiglio durante la sua seconda “visita” a Lampedusa

-

di FRANCO MONTORRO

Amo Lampedusa e non sopporto venga oltraggiata dall’ignoranza. Avete letto bene: dall’ignoranza. Temo venga sopraffatta anche dalla potenza, almeno finché gli va bene, al soggetto in questione. Silvio Berlusconi, certo. Che nella sua prima visita a Lampedusa dichiara di aver comprato una casa, per poter dire tronfio “Io sono lampedusano”, versione molto minore di John Kennedy a Berlino. Parere personale: fa l’acquisto nella cala peggiore dell’isola meravigliosa, ma magari l’avessi potuta comprare io. Andiamo avanti. Oggi torna e le immagini ufficiali lo mostrano davanti all’Isola dei Conigli e gli viene attribuita l’intenzione di acquistare la casa che sta nella spiaggia antistante. Ora:

1) La casa che fu di Domenico Modugno dovrebbe già essere di proprietà del Gruppo Fininvest, o comunque di un personaggio al gruppo assai vicino, ma anche non fosse, andiamo avanti…

2) Per raggiungere la posizione della foto di oggi e soprattutto la casa in questione bisogna scarpinare a piedi per un bel po’. Non credo sia quello che ha fatto oggi Berlusconi; non credo sarebbe quello che farebbe. Modugno, fra parentesi, ci è morto a piedi una mattina di estate, risalendo la scarpata che separa la spiaggia dalla strada asfaltata;

3) La spiaggia è sottoposta a vincoli ambientali rigidissimi, perché è quella in cui vanno a deporre le uova le tartarughe Caretta Caretta. Presidiata dai volontari di Legambiente e chiusa dalle otto di sera alle otto di mattina. Per una larga porzione non è consentito piantare ombrelloni, non si possono spostare sassi, nel mare antistante la navigazione è negata a qualsiasi tipo di imbarcazione, fosse anche un canotto a remi. Io sono stato “cazziato” per aver catturato con la maschera da sub e gettato in un angolo della spiaggia una medusa.

Non aggiungo altro.

FRANCO MONTORRO

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom