Top

L’editoriale. Napolitano simbolo della nostra nazione di F. Laratta

marzo 17, 2011 di Redazione 

In un Paese che, costretto ad un lungo digiuno dalla nostra politica autoreferenziale di oggi, desidera più di ogni altra cosa ritrovare punti di riferimento morali che sappiano motivarne la riscossa, il capo dello Stato incarna con sempre maggiore autorevolezza la figura del padre (politico) di cui siamo orfani. Applaudito nel corso di tutta la giornata di celebrazioni per il centocinquantenario, sullo sfondo di una Lega ritiratasi su un Aventino illegittimo, trincerata nell’isolamento di un rancore inspiegabile, con un presidente del Consiglio costretto ad uscire alla chetichella dalla chiesa in cui si celebra la messa solenne per non essere sommerso da una pioggia di fischi, in questo contesto il comunista Napolitano rappresenta il ritorno della politica vera, non a caso incarnata da un già esponente di una Prima Repubblica che, riaffacciandosi sulla scena, fa fare la figura del nano a quella di oggi. E’, scrive il deputato del Pd, il trionfo di un passato che si prende un presente che non c’è più, anzi, non c’è mai stato. In attesa del futuro. di FRANCO LARATTA*

Nella foto, il capo dello Stato stamane all’Altare della patria

-

di FRANCO LARATTA*

Centocinquant’anni! Il passato si è preso il presente. Si è mangiato un tempo che non c’è più, e che forse non c’è mai stato.

Centocinquant’anni. Nel Parlamento in seduta comune, l’unico che ne esce vittorioso, vivo, forte è il presidente Napolitano. Con il suo ingresso lieve e solenne, salutato da un’autentica ovazione dei parlamentari e delle più alte cariche dello stato. Tutti in piedi per lui, simbolo di una Patria rinata. Molti di noi si sono commossi nell’ascoltare il Presidente. Nessun altro come Napolitano, uomo del passato, appare come un eroe del presente. Anzi, solo un altro uomo, anche lui appartenente al passato, ha meritato un autentico e sentito trionfo alla Camera: Carlo Azeglio Ciampi, il vecchio e malato presidente, il viso stravolto dalla malattia che lo tiene da almeno 3 anni lontano dalle scene pubbliche. Il suo ingresso barcollante ha commosso l’Aula del Parlamento. A lui ogni onore per essere stato il presidente che ha riportato in alto i valori della Patria e della Bandiera.

Il passato, con Napolitano, Ciampi, Oscar Luigi Scalfaro, si è ripreso la rivincita su questo strano presente in eterna transizione. Le toccanti e forti parole di Napolitano per i 150 anni dell’Unità, cozzano terribilmente con il presente di un Berlusconi in affanno, contestato al mattino davanti all’Altare della Patria, contestato nel pomeriggio in almeno altre due occasioni solenni. E sempre il solito urlo dalla folla: “Vattene, dimettiti…”! Segni di un tempo che sta drammaticamente consumandosi. Ma Qualcuno non vuole capirlo.

Il presente è anche quello della stupidaggine della Lega Nord-Padania, apparsa improvvisamente così vuota, così rozza, così insopportabile. Tanto che ovunque, soprattutto al nord, le bandiere Tricolore sventolavano contro i volti rabbiosi dei leghisti: contro quello del presidente piemontese Cota, rimasto in Regione ‘a lavorare’, mentre tutti i torinesi erano in piazza a festeggiare. E sventolavano contro i deputati e senatori del Caroccio rimasti a casa mentre il Parlamento celebrava l’Unità del Paese; contro i consiglieri regionali leghisti che nelle diverse regioni uscivano fuori mentre in Aula suonava l’Inno d’Italia. La Lega da oggi è chiaramente la forza più arretrata e pericolosa del Paese.

Com’è brutto questo nostro presente, fatto di uomini sempre più inadeguati, superati, autori di grandi inganni politici, che hanno prodotto fallimenti economoci, crisi insopportabili, immoralità galoppante, corruzione devastante. La Prima Repubblica è sempre più viva e forte, davanti ad una sedicente Seconda Repubblica fatta da piccoli uomini.

Davanti ad un Paese sottomesso alle voglie del Padrone e ai suoi volgari Bunga Bunga, emerge forte la personalità del Presidente della Repubblica, nel giorno in cui il Tricolore sventola su quasi tutti i luoghi del Paese: ne ho visto uno perfino in una chiesa romana, la chiesetta storica di San Nicola in via dei Prefetti. Un tricolore, che sventola in una chiesa cattolica di Roma, beh! è davvero una bella immagine.

Centocinquant’anni dell’Unità d’Italia. Un solo colore: il Tricolore che sventola in tutta Italia.

Un grande simbolo di unità del Paese: il Presidente della Repubblica, l’anziano comunista che tutta l’Italia ama e apprezza. E poi l’Inno di Mameli: mi ha fatto effetto vedere in Parlamento lo storico leader leghista costretto ad alzarsi mentre la banda dei carabinieri intonava le prime note dell’Inno. Sopra di lui il presidente della Repubblica. Sopra tutti un tripudio di gigantesche bandieri tricolori.

FRANCO LARATTA*

*Deputato del Partito Democratico

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom