Top

Il mondo è unito e Giappone lo dimostra Soffriamo per loro come (di) nostri fratelli Ma proprio per questo ci deve insegnare No, centrali non danno (ancora) garanzie Ok, il Mediterraneo non farà (?) tsunami Ma noi s(t)iamo molto “peggio” di “loro” Nostro territorio tra più ‘agitati’ d’Europa NO – netto – al ‘ritorno’ a questo nucleare

marzo 13, 2011 di Redazione 

A meno che non vogliamo assumerci ora, noi di questo Tempo, la (ir)responsabilità di future sciagure che possono colpire migliaia (milioni) di vite e la Storia del nostro Paese. “Meglio se questa notizia non passava”, dicono ora dalla lobby dell’energia atomica. Perché dimostra la mancanza di sicurezza di un’opzione che ha già portato a tragedie inumane, e la cui (perversa) seduzione l’Italia seppe riconoscere e respingere – ennesima dimostrazione del nostro valore intrinseco – e alla quale solo il conflitto di interessi di una nostra politica a cui preme solo del (proprio) potere fine a se stesso e a cui non importa nulla dei cittadini e della nostra nazione, può ora riaprire le porte. Il giornale della politica italiana pensa che l’Italia sia di tutti. E anche i valori universali (appunto) dell’onestà e della responsabilità. il Politico.it non ama che una parte, in questo caso la sinistra, si appropri (sia pure in chiave difensiva) di simboli di tutti (appunto, ancora) quali la scuola e la nostra Costituzione, il cui valore fondamentale (in senso letterale) nella costruzione del nostro futuro merita maggiore rispetto, e di non essere brandito (e perciò vanificato) come arma di una parte. Ma proprio per questo, non può parimenti non rilevare come un’altra parte sembri avere messo nel mirino la distruzione del futuro dell’Italia, attraverso lo smembramento della scuola – la chiave con cui aprire il portone di un ritorno ai fasti del passato!, che si (ri)fa futuro – e, ora, il lasciapassare a questa bomba atomica (in tutti i sensi; ad orologeria) di un’energia che, (soltanto) fin- ché non avrà dato garanzie assolute circa la propria sicurezza, non potrà e non dovrà essere scelta da un Paese che si vuole fare guida della civiltà, e deve cominciare ad assumersene la responsabilità.

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom