Top

Italia, un Paese ipnotizzato da se stesso Oggi tutta la politica in piazza per Battisti Mentre le urgenze vengono dimenticate Ma proseguiamo così e non ci salveremo Intanto Berlusconi: “Ci modernizziamo” Mentre il Pd fa ancora il quarto sindacato

gennaio 4, 2011 di Redazione 

E’ importante il caso dell’ex uomo dei Pac? Sì, per la giustizia (in cui è insito il rispetto che si deve ai familiari delle vittime). E dunque va seguito e possibilmente risolto. E’ ciò da cui dipende il futuro dell’Italia? No. Ciò da cui dipende il futuro dell’Italia può essere rinviato? No. Ne consegue che non possiamo permetterci di dedicare intere settimane della nostra vita pubblica a Battisti, sia pure sotto le feste. Il guaio è che anche questo caso dimostra l’autoreferenzialità della nostra politica di oggi, per la quale la vicenda brasiliana è un fatto eminentemente ideologico (per una parte della destra) o strumentale. Nello stesso momento, il presidente del Consiglio mostra di avere colto, a 75 anni, la necessità di un completo ribaltamento di piano che porti l’Italia nella modernità. Annunci a cui non seguirà alcun atto concreto, naturalmente, come sempre. Ma Berlusconi si è fatto un’idea di ciò che è necessario. E la comunica, primo fra tutti tra gli attuali protagonisti (?) della nostra politica. Il Pd di oggi, al contrario, latita, silente, inseguendo abulico le correnti del vento quotidiano – come nel caso di Battisti – senza gettare un’occhiata sul domani.     

Nella foto, Battisti: ormai protagonista dell’ennesima telenovela del teatrino della politica italiana autoreferenziale di oggi

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom