Top

Il commento. Ora la Lega otterrà le elezioni anticipate di G. Lerner

dicembre 14, 2010 di Redazione 

Molto più vicine, perché «il risultato di ieri esclude la possibilità per Napolitano di dare un incarico» ad una personalità diversa «da Berlusconi». E il presidente del Consiglio potrebbe rivincerle. Il giornale della politica italiana ha già avuto modo (più volte) di indicare ciò che sarebbe utile al Paese e, contemporaneamente, farebbe il (possibile) successo del centrosinistra. Il conduttore de L’Infedele rilancia la proposta di una lista civica nazionale (all’insegna dell’onestà e della responsabilità) che, pur raccogliendo tutte le forze (moderate) antiberlusconiane, vada però oltre in chiave costruttiva l’antiberlusconismo perdente della sinistra di oggi. di GAD LERNER

Nella foto, Gad Lerner

-

di GAD LERNER

Forse che ci si può arrabbiare con Massimo Calearo perchè vota la fiducia a Berlusconi (ancora ieri pomeriggio, nel Transatlantico di Montecitorio, mi aveva preannunciato un’astensione con l’aria furba di chi vorrebbe tenere un piede non in due, ma almeno in tre staffe)? No che non si può. Come non ci si può sorprendere né arrabbiare per il “cedimento” di un paio di deputati dell’Italia dei Valori. Semmai bisognerebbe prendersela con chi ha selezionato personalità di tal fatta, in base a calcoli d’immagine o clientelari, cioè Veltroni e Di Pietro. Ma pure questo esercizio oggi corrisponde solo a una pulsione recriminatoria. Sul terreno della spregiudicatezza politica Berlusconi resterà imbattibile perchè ha meno scrupoli e più risorse attrattive dei concorrenti.

Il risultato di oggi rende più probabili le elezioni anticipate? Sì perchè esclude la possibilità per Napolitano di dare un incarico diverso da Berlusconi. E quest’ultimo, per quanto esitante, può essere trascinato dalla convenienza della Lega a pretendere lo scioglimento delle Camere. A quel punto un Gianfranco Fini ridimensionato nelle sue ambizioni, per spostare davvero l’ago della bilancia a danno di Berlusconi, difficilmente potrà confidare su una crescita del Terzo Polo. Dovrebbe aderire all’idea di una lista civica nazionale capitanata da un tecnico (Monti, Draghi?) cui aderisse pure il Pd, come ipotizza da qualche tempo su “Il Fatto” Marco Travaglio. Lo spiegava ieri sera all’Infedele l’ottimo Roberto D’Alimonte: c’è un 60% di elettori che non vuole più Berlusconi a capo del governo, solo che è percorso da divisioni interne troppo profonde. E’ pensabile riunire quel 60%? Temo però che ci spostiamo nel campo della fantapolitica.

GAD LERNER

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom