Top

L’intervento. No allo stop ai lavori, (ri)occupiamo la Camera S. Gozi

dicembre 6, 2010 di Redazione 

Il deputato del Partito Democratico, ministro per l’Europa nel «governo dei giovani» ipotizzato stamattina dal nostro direttore, sceglie il giornale della politica italiana per rilanciare – con forza – l’appello rivolto venerdì a Bersani: il segretario inviti i parlamentari Democratici a riprendere subito il loro posto senza attendere il 13 dicembre. «Come gli operai occupano le aziende per impedirne la chiusura così i deputati del Pd – scrive Gozi su il Politico.it – dovrebbero occupare la Camera. Per salvare la dignità dell’Aula e della sua funzione fondamentale nella democrazia italiana. E per presentare le nostre proposte sui temi più urgenti ed importanti». Un «ControAventino» che ha subito trovato il consenso della base. E a cui ora il leader Democratico è chiamato a dare una (ulteriore) risposta. di SANDRO GOZI
Insieme, l’associazione del deputato di S. CATONE

Nella foto, Sandro Gozi

-

di SANDRO GOZI*

Il 24 giugno 1924 le forze democratiche del Paese decisero per protesta di ritirarsi dall’attivita’ parlamentare per salire, come si disse allora, sull’Aventino.

Oggi ci troviamo di nuovo a essere fuori dalla Camera, a non fare il nostro mestiere, a non lavorare per affrontare i problemi degli italiani. Per questo, ho chiesto a Bersani di valutare la possibilita’ di invitare tutti i deputati del Pd ad occupare la Camera, rispettosamente e pacificamente, per riprendere il nostro ruolo. Un Aventino al contrario, un ‘ControAventino’.

Tutto cio’ affinche’ sia chiaro davanti al Paese chi ha a cuore la dignita’ del Parlamento, del ruolo di parlamentare, nella sua funzione di servizio alla comunita’.

Come gli operai occupano le aziende per impedirne la chiusura cosi i deputati del Pd – e tutti gli altri deputati animati da un sentimento simile e quello espresso in queste parole – dovrebbero occupare Montecitorio. Per salvare la dignita’ della Camera e della sua funzione fondamentale nella democrazia italiana. E per presentare le nostre proposte politiche sui temi piu’ urgenti e importanti.

Bersani e Franceschini hanno risposto all’appello invitando tutti i parlamentari a mobilitarsi sui territori contro la chiusura dell’Aula. E’ già un risultato importante. Ma la mobilitazione vive anche di simboli: per questo ritengo comunque che la Camera dovrebbe, nei prossimi giorni, divenire il luogo di un gesto simbolico. Una democrazia vive anche di questo. Facciamolo valere dentro e fuori da Montecitorio. Rilanciamo la proposta per un “Contro-Aventino”.

SANDRO GOZI*

*Deputato del Partito Democratico

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom