Top

a) – Nostra destra conosca (lei per prima) la rivoluzione liberale (che può regalarci) La propaganda (tv) non responsabile (?)

novembre 26, 2010 di Redazione 

Il primo dei due episodi è affidato al racconto di Giulia. Fitto che a Ballarò – dopo la telefonata del premier – non si comporta più nello stile (che, come le parole con il pensiero, è sostanza) richiesto dal suo ruolo pubblico (quello di uomo politico e, tanto più, di ministro). Ecco in che senso. di GIULIA INNOCENZI

-

Nella foto, Giulia Innocenzi

-

di GIULIA INNOCENZI

Martedì Berlusconi telefona a Ballarò, Fitto comincia a sudare freddo. Forse non ha fatto bene i compiti, e l’intervento del President è visto come una sgridata in diretta: non hai difeso l’onore del governo, cribbio.

Come uno scolaretto prova a rimettersi subito in riga, cerca di farsi vedere dal maestro che guarda da casa: delegittima i servizi andati in onda (collage di dichiarazioni video di Berlusconi, quindi non si capisce bene chi stia criticando), cerca di lanciare qualche risata beffarda alle domande del conduttore, fa no con la testa quando interviene la Bindi. Mi suscita quasi commozione quando cerca suggerimenti dai suoi consiglieri che lo circondano dietro: in pratica non ascolta neanche il dibatto, quindi non si capisce su che base può intervenire.

Quand’è che smetterò di provare imbarazzo per un Ministro della Repubblica?

GIULIA INNOCENZI

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom