Top

Così Penati alla fine decide di dimettersi Pigi nomini al suo posto un “rottamatore” E cominci la transizione verso (Pd) futuro

novembre 16, 2010 di Redazione 

L’occasione è ghiotta: le dimissioni del capo della segreteria politica di Bersani, frutto di una presa di coscienza non solo locale della necessità di un cambio di passo, aprono le porte alla possibile soluzione di tutti i nodi Democratici: l’incerta rotta attuale, e la necessità di un ricambio generazionale. Il segretario compia un atto di generosità e di lungimiranza politica e si renda disponibile ad una coabitazione tra giovani e vecchi. Alla guida del Pd. E il nome più adatto per tutto questo non può che essere quello di Pippo Civati, co-leader della nuova generazione Democratica, lombardo come Penati, (solo) vincente (da consigliere regionale più volte eletto con una pioggia di preferenze) nella regione-chiave per la costruzione del futuro dell’Italia (e dunque per la riconquista dell’egemonia da parte della sinistra che si faccia parte responsabile di tutto il Paese). Il momento di farlo è adesso. E farlo così significa farlo in maniera saggia, progressiva, in cui la metà più onesta e responsabile della nostra politica fa squadra per mettersi finalmente in marcia verso quello che è l’orizzonte del Pd: diventare il partito dell’Italia, salvare e rifare grande – nello stesso tempo – questo Paese. Il giornale della politica italiana è qui per questo (in tutti i sensi).

Nella foto, Pippo Civati

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom