Top

Politica&morale(?). Sull’eutanasia (con il video australiano) Chirico

novembre 10, 2010 di Redazione 

Con la giovane esponente di Radicali italiani e segretaria degli Studenti Luca Coscioni, sul suo giornale della politica italiana; anche attraverso la riproposizione del video, realizzato in Australia, dov’è poi stato censurato, in cui un malato terminale chiede al suo governo di dargli la possibilità di porre fine alle proprie sofferenze. Dopo Crespi e la famiglia, il dibattito sull’eutanasia che si sposta (continua) sul giornale della politica italiana. di ANNALISA CHIRICO

-

Nella foto, Annalisa Chirico

-

di ANNALISA CHIRICO

“La vita è questione di scelte”.

Eppure non sempre ti è dato scegliere. Avviene così che perdi una persona cara e non puoi che aggrapparti al suo ricordo. Avviene che ti colpisce una malattia incurabile e non ti resta che una sola certezza: sei un malato terminale.

Avviene che i professionisti del bene, che con le loro granitiche certezze si abbattono sulle altrui vite, ti dicono che la vita non ti appartiene, la vita è sacra e tu devi attendere il suo termine “naturale”. Anche se, per giungere a quella destinazione finale, si impiegano tutti gli strumenti dell’artificio scientifico, e di naturale c’è ben poco.
Avviene poi che gli stessi professionisti del bene siano il “governo”. Il potere politico permette a pochi di decidere per tutti. E tu sei fottuto. La tua volontà, la tua filosofia di vita, i tuoi progetti, la tua autostima, il tuo personale senso di dignità non valgono più nulla al cospetto della legge bastarda di un governo bastardo.

In Italia i nomi di Piergiorgio Welby, Giovanni Nuvoli, Eluana Englaro richiamano il dibattito su fine vita, testamento biologico, “dolce morte” o, come preferiva Welby, morte “opportuna”. Quella che ognuno sceglie per sé.
In Italia non ti è dato scegliere. Tutt’al più puoi confidare nello spirito di comprensione e nel senso di umanità di un medico nelle corsie di un ospedale. Al buio. In silenzio. Oppure devi contare sulle persone a te care per trovare sollievo oltre confine.

Rifletti. Al di là dei bizantismi giuridici e delle parole che indispongono o, addirittura, respingono. Guarda questo video e vai al senso profondo della questione. Hai diritto o no di scegliere? Il video lo ha realizzato Exit International. E’ stato censurato in Australia. Da oggi l’Associazione Luca Coscioni e il Partito Radicale lo rilanciano in Italia.
Buona visione. Buoni pensieri.

ANNALISA CHIRICO

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom