Top

L’intervento. Sacconi, giovani non scelgono di non lavorare M. Madia

ottobre 5, 2010 di Redazione 

Prima Brunetta (e Padoa Schioppa: «Bamboccioni»), ora il ministro del Welfare: «I sogni non si costruiscono nell’inattività». Sembra che nel Pdl ci sia un (falso?) pregiudizio antigiovanile, per il quale le difficoltà delle nuove generazioni vadano fatte discendere da loro mancanze, prima che da difetti di sistema. La deputata del Partito Democratico sceglie il Politico.it per rispondere a Sacconi: «Ministro, se il 30% dei ragazzi non studia e non lavora non è il caso di fare lezioncine ma di tirare fuori le proposte». di MARIANNA MADIA

Nella foto, la deputata del Pd

-

di MARIANNA MADIA*

“I sogni non si costruiscono nell’inattività”: questa l’unica ricetta proposta dal ministro Sacconi per i giovani disoccupati.

Ma l’inattività non è certo una moda o un atteggiamento giovanile, bensì un problema di sviluppo che vede come vittime principali proprio le generazioni più giovani.

Quando quasi il 30% delle ragazze e dei ragazzi non studia e non lavora non è il caso di fare lezioncine ma di tirare fuori le proposte. Il Partito Democratico le ha e le mette a disposizione per il confronto con la maggioranza.

Anche il ministro della gioventù Meloni si faccia sentire e cominci finalmente una discussione seria sull’occupazione delle nuove generazioni.

MARIANNA MADIA*

*Deputata del Partito Democratico

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom