Top

Bersani: ‘Silvio dica se la legge è uguale’ No, oramai lo abbiamo capito, non lo è… Un nostro consiglio (non richiesto) a Pigi E adesso voi dimenticatevi di Berlusconi Pd vince solo se propone il suo progetto

settembre 27, 2010 di Redazione 

Il segretario Democratico attacca (in tutti i sensi?), facendo propria sostanzialmente l’iniziativa di Repubblica che mira a inchiodare il presidente del Consiglio alle sue responsabilità (giudiziarie): «Dalle parole del premier si capisce cosa gli interessa davvero»: ovvero, appunto, evitare i suoi processi. Tutto reale naturalmente. Ma al segretario del Pd diciamo: è così da quindici anni. E non sarà una battaglia che gli farà cambiare idea. E’ chiaro, d’altra parte, che l’intento di Bersani è tentare di guadagnare consenso mettendo in luce le pecche del capo del governo. Lo si deduce anche dalla scelta comunicativa dei manifesti, in cui ad essere evidenziate sono le mancanze (dal punto di vista Democratico) di questa maggioranza. Ma di tutto questo sono già edotti gli italiani. E ciò non basta loro a cambiare idea su Silvio. Inoltre l’Italia che se ne fa di una comunicazione, e quindi di un pensiero del principale partito di opposizione, ancora, dopo tre lustri, appeso alle labbra di Berlusconi? Dateci retta, cari Democratici: parlate del futuro dell’Italia. il Politico.it vi ha consegnato un documento bello pronto nel caso non abbiate idee vostre. «Narrate», come dice Nichi (che però, poi, si limita al preambolo) il Paese che sognate. Cominciate (quindi) a sognarlo, un Paese del domani. Sarà così che scaccerete, elettoralmente, l’incubo del premier.

Nella foto, il segretario del Pd: turbato dalla semplicità del nostro suggerimento (?)

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom