Top

Nucara: “Gruppo dei Responsabili si farà Cosa guadagno? Silvio farà vivere Pri…”

settembre 15, 2010 di Redazione 

L’uomo che può salvare la legisla- tura (si) confessa. Nessun incarico di governo in cambio dell’impegno a raggranellare venti firme in grado di rendere ininfluente il voto dei finiani, assicura, «mi accontento che Berlusconi si ricreda sull’utilità del mio partito per il Paese…». «Io nelle mie imprese riesco sempre – spiega – E poi, ha visto come sono tornati tutti ragionevoli? Questo è già un successo…». di Attilio IEVOLELLA

Nella foto, Francesco Nucara (a destra) prega con lo sguardo un benevolo presidente del Consiglio

-

di Attilio IEVOLELLA

La spola di Francesco Nucara tra Palazzo Grazioli, residenza romana di Silvio Berlusconi, e corso Vittorio Emanuele II, dove si trova la sede del Partito Repubblicano Italiano, è destinata a proseguire ancora.

Percentuali sulla riuscita dell’operazione?
“Le assicuro che io, nelle mie imprese, riesco sempre…”.

Il gruppo d’appoggio all’attuale governo, allora, si farà?
“Senta, per fare le cose in questo Paese, bisogna parlarne il meno possibile. Io ho proferito una mezza parola, e guardi che è successo!”.

L’hanno fatta penare…
“No, guardi, non ho proprio nessuna pena. Noi abbiamo avanzato un’ipotesi per consentire il proseguimento di questa legislatura. Ha visto come tutti sono tornati ragionevoli? Questo mi pare già un successo. Ecco a cosa serve un partito come quello repubblicano: a dialogare e a convincere, fuori dalla contrapposizione frontale. Insomma, a fare prevalere il buon senso”.

Dica la verità: quale è il ritorno, per lei e per il Pri?
“Berlusconi si era detto tutto contento che non ci fossero più i partiti della Prima Repubblica nel nuovo Parlamento… Io mi accontento se lui si ricrede sulla necessità che il Partito Repubblicano continui a vivere per essere utile al Paese”.

Niente incarichi di governo?
“Non ho fatto e non faccio negoziati”.

Quello a cui siamo assistendo assomiglia però molto ad un mercato…
«Guardi, noi siamo un partito molto particolare, con una funzione di cerniera. Con il sistema maggioritario abbiamo fatto accordi di legislatura che poi si possono ridiscutere. Vale anche per gli altri. Per ciò che mi riguarda è però certo che se io sono segretario del partito, per tutta la legislatura gli accordi fatti si rispettano. Sono un repubblicano calabrese e ho una sola parola”.

Se non riuscisse nell’impresa cosa dirà a Berlusconi e, soprattutto, cosa gli consiglierà di fare?
“Io nelle imprese le assicuro che riesco sempre…”.

Attilio Ievolella

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom