Top

***Il commento***
PROSSIMO PASSO INDIETRO SUL DDL?
di GAD LERNER

luglio 5, 2010 di Redazione 

Il giornale della politica italiana è l’unico grande quotidiano in grado di proporre in tempo reale i commenti ai fatti appena accaduti delle proprie grandi firme. Dopo avere fatto per noi il punto, ieri, sulla possibile crisi imminente, il conduttore de L’Infedele interpreta la mossa (di Berlusconi) delle dimissioni del ministro, leggendovi una strategia difensivista di un presidente del Consiglio che pecca, con la sua aura di collaboratori, di «impresentabilità. La più grave delle colpe in cui possa incorrere un uomo politico». E, entrando in dialogo con la nostra metà di lettori di centrodestra (sono tantissimi, così come i loro amici, davvero – ovviamente -di centrosinistra), si chiede e chiede loro se non sia il caso di vedere ciò che, come la trave nel proprio occhio, non va in questa classe al potere. Gad dunque. Sentiamo.

Nella foto, Gad Lerner

-

di GAD LERNER

Dopo Scajola, tocca a Brancher. Si è dimesso, e l’unico rammarico è che non sapremo mai a quale incarico ministeriale lo avevano nominato. Pezzi di governo in caduta libera a seguito della più grave delle colpe in cui possa incorrere un uomo politico: l’impresentabilità. Berlusconi non è in grado di difenderli, così come già non ha potuto difendere Previti e Dell’Utri. Come non potrà difendere, ben presto, l’altro suo pupillo Bertolaso.

Mi chiedo se per una volta i sostenitori di questo governo che spesso ci scrivono (e di ciò li ringraziamo) possano dismettere l’atteggiamento difensivo nei confronti di un pericolo di sinistra inesistente, e confidarci infine cos’è che non va dalle loro parti. Le dimissioni di Brancher sono chiaramente una mossa difensiva di Berlusconi, pronto all’arrocco e bisognoso di ripristinare un rapporto ottimale con la Lega. La prossima marcia indietro avverrà sulle intercettazioni telefoniche?

GAD LERNER

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom