Top

***Il commento***
DELL’UTRI, UN’OMBRA SULLE ISTITUZIONI
di MASSIMO DONADI*

giugno 29, 2010 di Redazione 

Mentre il Tg1 compie una sorta di “processo di beatificazione” del senatore Pdl condannato a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, dando l’impressione che Dell’Utri sia stato assolto tout court, come già con (i casi peraltro diversi di) Bettino Craxi e l’avvocato Mills, il giornale della politica italiana racconta la vicenda nella chiave della nostra politica. Il capogruppo di Italia dei Valori alla Camera pone l’accento sui dubbi e sulle preoccupazioni che la conferma della condanna al braccio destro del presidente del Consiglio deve suscitare in chi è animato da uno spirito realmente democratico, e aspira ad una affermazione su tutta la linea dello Stato nei confronti delle organizzazioni criminali. E allarga il campo a ciò che dovrà seguire a tutto questo: «Fare chiarezza» sugli intrecci tra Cosa nostra, affari e, appunto, la politica (nostra?).           

Nella foto, Massimo Donadi

-

di MASSIMO DONADI*

Anche la Corte d’Appello, dopo il tribunale di Palermo, ribadisce la condanna di Marcello Dell’Utri per concorso esterno in associazione mafiosa. L’amico della prima ora di Silvio Berlusconi, collega in affari, in tutti gli affari: quelli di Fininvest e quelli di Forza Italia – perché anche questi ultimi, per Berlusconi, sono stati sempre e solo affari – è un sostenitore della mafia.

Questo dicono oggi i giudici della Corte d’Appello di Palermo. E ancora una volta un’ombra lunga e buia, un brivido lungo le schiene degli italiani si avverte legittimo.

Marcello Dell’Utri, nell’universo berlusconiano, non è una persona qualunque. E’ l’uomo che ha dato vita ai primi circoli di Forza Italia, è la persona che con Berlusconi ha condiviso tutto, dall’ascesa economica alle relazioni politiche, per finire con la nascita del partito di Forza Italia. La condanna in Appello a Marcello Dell’Utri è, in sostanza, la condanna ad un sistema di relazioni, ad un impianto di contiguità tra affari e mafia di una certa Sicilia, della quale attraverso Marcello Dell’Utri lo stesso Berlusconi, volente o nolente, è stato coinvolto.

A questo punto ancora più di prima resta l’esigenza di fare luce sui tanti episodi oscuri e ancora irrisolti della storia italiana. In particolare su quella stagione delle bombe della mafia: dalla strage di via dei Georgofili a Firenze, nel maggio del 93, all’attentato a Maurizio Costanzo, che, come ripetono da anni tanti pentiti, sarebbero state strumento e mezzo per creare in Italia un nuovo equilibrio politico, per l’ascesa di nuovi protagonisti sulla scena politica italiana.

Oggi, più che mai, si pone la necessità di fare chiarezza su quella sorta di testamento morale lasciato da Paolo Borsellino. Nell’ultima intervista concessa ad una televisione francese, disse che le indagini per tarpare le ali ai vertici di Cosa Nostra si stavano spostando dalla Sicilia a quel sistema di relazioni che la mafia aveva intessuto con una certa imprenditoria milanese. In quella stessa intervista, Borsellino, nel ricordare il ruolo del famoso stalliere Mangano, rinviava alla figura di Berlusconi e di Mediaset.

L’Italia non può più essere il paese dei misteri irrisolti, il paese delle ombre, dei poteri occulti. Deve a pieno titolo diventare una grande democrazia occidentale, trasparente, una casa di cristallo. La sentenza Dell’Utri potrebbe essere il primo passo verso una nuova stagione di verità non più celate.

MASSIMO DONADI*

*Capogruppo alla Camera di Italia dei Valori

Commenti

One Response to “***Il commento***
DELL’UTRI, UN’OMBRA SULLE ISTITUZIONI
di MASSIMO DONADI*

  1. giovanni brizzi on giugno 30th, 2010 11.51

    E’ ora di smetterla di calpestare la memoria di Bettino Craxi. Donadi,giustizialista-forcaiolo, è il meno adatto, insieme al suo padre-padrone, a moralizzare(?) circa la figura del grande Statista.

Bottom