Top

Prodi batte ancora una volta Berlusconi Col suo governo come cresceva l’Italia(!) Ora solo l’immobilismo (anche ante crisi) Ecco i 2 primi anni nei titoli dei cartacei

giugno 21, 2010 di Redazione 

«Lo rim- piange- rete»: lo profetiz- zavano persone vicine all’ex presidente del Consiglio al momento della caduta del suo ultimo esecutivo, quando nel Paese si respirava una voglia di cambiamento. A distanza di due anni, e anche al netto degli ultimi mesi segnati dalla recessione planetaria, il confronto tra il Prodi II e il Berlusconi IV è impietoso: guardate come (la rassegna de)i lanci dei grandi quotidiani racconta il rispettivo primo anno, quello dell’ex presidente Ue e quello del nostro presidente del Consiglio. Crescita contro immobilismo (e decrescita, tutt’altro che felice): sono queste le parole che meglio sintetizzano l’operato dei due governi. E che ci fanno effettivamente rimpiangere – a prescindere dall’orientamento di ciascuno, al netto delle scelte “ideologiche” – la leadership di Prodi.

-

di Enea MELANDRI

Ogni tanto fa bene dare una riletta agli avvenimenti del passato.

Ricordate i megamanifesti 6×3 con cui il Pdl tappezzò le città alla vigilia delle elezioni politiche del 2008, quelli con scritto “La sinistra ha messo il paese in ginocchio” e l’imperativo “RIALZATI, ITALIA”?

Andiamo a rivedere i titoli dei giornali del periodo, quelli che riportano i “disastri” combinati dalla sinistra durante i suoi 20 mesi di governo, dall’aprile 2006 al febbraio 2008:

‘Meno rischi, l’Italia cresce’ (La Repubblica, 17/5/06)
‘Draghi: l’Italia accelera, il Pil cresce più delle attese’ (Il Messaggero, 28/10/06)
‘L’economia cresce oltre le attese’ (Il Sole 24 ore, 23/11/06)
‘Tra i consumatori cresce la fiducia (La Repubblica, 26/11/06)
‘Boom delle entrate fiscali’ (La Repubblica, 30/11/06)
‘Fiat, 2 milioni di auto nel 2006′ (La Repubblica, 2/12/06)
‘Un boom silenzioso, l’Italia è in ripresa’ (La Repubblica, 13/12/06)
‘E’ boom per l’industria, la produzione fa più 6,5%’ (Il Giornale, 28/12/06)
‘Industria, cresce la produzione dopo cinque anni’ (Il Sole 24 ore, 31/01/07)
‘Boom di entrate ma il rigore continua’ (Panorama, 8/2/07)
‘Sorpresa, c’è il BOOM’ (Il Messaggero, 14/2/07)
‘Boom di fine anno e il Pil 2006 vola al 2%’ (La Stampa, 2/3/07)
‘Ocse: l’Italia cresce oltre le attese’ (Avvenire, 13/3/07)
‘Quell’Italia pronta al boom economico’ (La Stampa, 22/3/07)
‘Auto, è boom ad aprile’ (La Stampa, 9/6/07)
‘Boom delle entrate, il tesoretto si ingrossa’ (Corriere della sera, 25/8/07)
‘Sempre più viaggi in aereo. L’Italia cresce del 10%’ (Il Messaggero, 18/12/07)
‘Cresce la qualità della vita ed è boom di nascite’ (La Repubblica, 3/1/08)

Poi, ci furono le elezioni; il Popolo della Libertà le vinse ampiamente, e ci ha pensato il presidente del Consiglio a rialzare l’Italia. Lo provano i titoli dei giornali nel suo primo anno di governo:

‘Crollano i consumi delle famiglie’ (Corriere della sera, 10/5/08)
‘Gli italiani tirano la cinghia, crollano le vendite al dettaglio’ (Europa, 1/7/08)
‘I prezzi esplodono, crollano le vendite, nessuno governa’ (Il Messaggero, 1/7/08)
‘E crolla il mercato delle vendite di auto e moto’ (La Stampa, 11/7/08)
‘L’Italia si è fermata crolla la produzione’ (La Repubblica, 16/7/08)
‘Più imposte e meno mutui. Crolla la fiducia degli italiani’ (Il Sole 24 ore, 26/7/08)
‘Agosto affonda l’auto. In Italia le vendite crollano del 26,42%’ (Il Messaggero, 7/10/08)
‘Crollano le Borse, Milano perde l’8,24%’ (La Repubblica, 11/10/08)
‘Italia, competitività crollata’ (LiberoMercato, 30/12/08)
‘Crollata ai minimi storici la fiducia nelle imprese italiane’ (La Repubblica, 16/1/09)
‘Crolla la produzione. Confindustria; non è finita, Pil giù del 2,5%’ (La Stampa, 21/2/09)
‘Italia, crolla il Pil. Il 2008 segna -1%’ (Il Resto del Carlino, 17/3/09)
‘Crollano le esportazioni italiane. A gennaio -25,8%, mai così male dall’86′ (il Giornale, 25/3/09)

Enea Melandri

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom