Top

Il Tar conferma (per ora) il no al Pdl Lazio “Decreto? Non può trovare applicazione” Diario politico all’interno: tutte le reazioni

marzo 8, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il partito di Berlusconi è di nuovo (virtualmente) fuori dalle Regionali a Roma. Lo ha deciso il tribunale amministrativo che, nel valutare la richiesta di sospensione della sentenza della Corte d’appello, non ha tenuto conto del dl salva-liste approvato venerdì dal governo perché «la Regione Lazio ha dettato le proprie disposizioni in tema elettorale esercitando le competenze date dalla Costituzione». Ma la decisione di merito è rimandata al 6 maggio quando il Tar deciderà se rinviare alla Corte costituzionale il decreto per il giudizio di legittimità. Resta (oltre a questo ex post) comunque un (duplice) spiraglio per il centrodestra: oggi il Pdl ha ripresentato le liste che potrebbero essere accettate dall’ufficio elettorale, contando, in questo caso sì, sugli effetti del decreto (che apriva una finestra di 48 ore – ad hoc, solo per questo giro conteggiate dal momento dell’approvazione – per ripresentare la documentazione quando fossero state, com’è avvenuto riscontrate delle irregolarità) anche se il Pd è pronto a ricorrere e – dicono i (legali) Democratici – «il Tar non potrà smentirsi nel giro di ventiquattrore»; e poi c’è il ricorso al Consiglio di stato, che ovviamente potrebbe contraddire la sentenza di ora. Il racconto di Carosella e Baffigo. Read more

Una telefonata di Fini per far fuori Piccolo: ecco il “panino” di Milioni

marzo 8, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Esclusiva. Il giornale della politica italiana è in grado di svelare ciò che ha determinato il caos delle liste Pdl nel Lazio. Ecco cosa è accaduto nei minuti a ridosso di mezzogiorno di sabato 27 febbraio, quando il rappresentante del partito di Berlusconi (ma come scopriremo “suo” solo per metà, soprattutto a Roma) si è allontanato dal tribunale per «mangiare un panino», o più realisticamente per sostituire dei nomi nella lista predisposta per la Capitale. Una necessità che – e questo è ormai di dominio pubblico – è riconducibile alle lotte intestine al Pdl romano (e non solo). Ma secondo le fonti de il Politico.it, una delle tante telefonate ricevute da Milioni in quei minuti concitati avrebbe avuto come mittente il presidente della Camera in persona, che avrebbe imposto in extremis di togliere dall’elenco dei candidati pidiellini il recordman di preferenze alle ultime amministrative. La nostra firma per il centrodestra ci racconta cos’è successo quella mattina del 27. Read more

Il successo delle (prime) elezioni in Iraq Non le hanno fermate attentati d’al-Qaida E contro questo (FOTO) 1/4 eletti donne

marzo 8, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Se questi giorni possono essere considerati come un momento di (lieve) recessione per il nostro Paese, sono stati invece una vera e propria primavera democratica nel Paese orfano (per sua fortuna) di Saddam Hussein. La cui destituzione (e successiva uccisione), insieme a quella che gli iracheni hanno vissuto come una colonizzazione da parte degli Stati Uniti, ha tuttavia favorito il reimpiantarsi delle radici del terrorismo islamico. Che proprio nelle ore immediatamente prima del voto è tornato a farsi sentire, provocando più di quaranta morti tra i civili. Ciò non è bastato ad inibire la voglia di democrazia e di autodeterminazione dell’Iraq, che ieri si è riversato in massa – anche se dovremo attendere ancora un paio di giorni per conoscere i dati ufficiali; ma la partecipazione è stata molto elevata – alle urne. Il probabile vincitore (anche per la sua proclamazione si dovranno attendere ulteriori verifiche, per la necessità di assicurare la piena democraticità del conteggio) è il premier uscente Nuri al-Maliki, la cui piattaforma è la stabilizzazione politico-democratica del Paese. Ci racconta tutto, Désirée Rosadi. Read more

Buona festa, di cuore, alle nostre lettrici Da noi è vera: ne scrive Cristiana Alicata Da oggi candidata alle Regionali nel Lazio

marzo 8, 2010 by Redazione · 1 Comment 

Le donne che leggono il giornale della politica italia- na, così come gli uomini, sanno che i nostri auguri non sono retorici e possono essere considerati sinceri. Per due ragioni. La prima è che cerchiamo ogni giorno, concretamente, di favorire un’evoluzione della nostra politica all’insegna da un lato di onestà e responsabilità, dall’altro della capacità di ritrovare una visione e di fare scelte efficaci per il futuro dell’Italia. Quindi per ciascuno di noi. Vedete, a proposito: questo giornale non riesce a ragionare in termini “di uomini e di donne”, perché la parità – è ov- vio – è un fatto naturale, insito, nell’ordine delle cose. La seconda è che il “regalo” che accompagna gli auguri è la riflessione che state per leggere a firma della giovane scrittrice collaboratrice de il Politico.it e de l’Unità. Alicata, che corre per il consiglio regionale del Lazio nelle liste del Partito Democratico, ci ricor- da – casomai qualcuno di noi lo avesse dimenticato – che le donne esistono, per così dire, anche gli altri giorni dell’anno, e che c’è ancora molto da fare perché, anche nel Paese, non sia più necessario parlare di parità in quanto finalmente acquisita. Read more

Bottom