Top

Sondaggio Crespi, crolla fiducia in governo. Berlusconi tiene. Su il Pd

febbraio 17, 2010 di Redazione 

Effettuato nelle ore dell’esplosione dello scandalo che ha coinvolto (naturalmente con responsabilità effettive tutte da verificare) oltre ad alti dirigenti della Protezione civile e Bertolaso (che sarà un tecnico ma, come ammette lui stesso, è stato anche uno dei principali motori di consenso del centrodestra) anche esponenti di spicco del Popolo della Libertà (su tutti il coordinatore Verdini), l’ultima rilevazione di Crespi Ricerche sul giornale della politica italiana mostra gli effetti sulla fiducia del Paese nei confronti dell’esecutivo, che perde 3 punti percentuali passando dal 54% del mese scorso al 51 di oggi (record negativo da ottobre), in cui si salva però il premier, che rimane sui suoi livelli (60%; si parla sempre di tasso di fiducia, ovvero la percentuale di italiani che danno un voto positivo, superiore al 6 politico, in tutti i sensi a questo giro). Per ciò che riguarda invece le intenzioni di voto (e qui si tratta di consensi veri e propri, quelli che si traducono in percentuali di voto, appunto, alle elezioni), i Democratici, di nuovo al 28%, rosicchiano 1,3% al partito di Berlusconi. Ecco le tabelle.

Nella foto, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi

-

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom