Top

La riflessione. Questione morale della sinistra di Cristiana Alicata

gennaio 28, 2010 di Redazione 

Delbono a Bologna e Marrazzo nel Lazio. Si sono dimessi subito. A destra, scrive la giovane scrittrice collaboratrice de l’Unità e del giornale della politica italiana, accade di tutto e non solo nessuno si dimette, ma nemmeno il popolo si indigna. Ragio- ne? Non è che la gente non veda e non sappia, ma non si aspetta nulla di diverso. E lo sdegno, è la considerazione, è commisurato alle aspettative. In questa bellissima riflessione per il Politico.it, Alicata ragiona di questione morale e del vero significato del problema, oggi, per il centrosinistra. Uno scritto militante nel senso che muove dalla volontà di contribuire alla presa di coscienza di una parte, ma che abbandona, per questa volta, i toni molto forti che caratterizzano alcuni, comunque bellissimi, scritti di Cristiana per lasciare il posto ad una cifra di (ulteriore) leggerezza che concilierà la giovane scrittrice romana anche con quella parte di lettori con cui, in altri casi, è stata polemica. Un pezzo da non perdere, che apre splendidamente questa nuova giornata de il Politico.it. Buona lettura.

Nella foto, Cristiana Alicata

-

di CRISTIANA ALICATA

Ieri era la giornata della Memoria, vi scrivo da un Paese che non ricorda mai nulla e che ha perso la capacità di indignarsi. Pensavo questo, ieri mattina, mentre due loschi figuri, al semaforo, coprivano manifesti dedicati alla Memoria dell’Olocausto (autorizzati) con manifesti della campagna elettorale di Renata Polverini.

In pieno giorno, a due passi dal gabbiotto dei vigili urbani. Roma, piazzale della Radio, Italia.

Ma sarà vero che abbiamo perso la capacità di indignarci?

Eppure Delbono tempo mezza giornata e si è dimesso.

Eppure Marrazzo, si è polverizzato dalla vita pubblica.

E non si tratta di affari privati. Ma di affari privati gestiti malamente e ambiguamente in modo commisto con la vita pubblica (cioè Marrazzo non si è dimesso per avere avuto una relazione con più trans – seppur molto fuoriluogo abbia chiesto scusa al Vaticano – e Delbono non si è dimesso per avere avuto una relazione).

Mi viene (ad onore del vero) in mente solo qualcuno che dalla giunta Vendola si è dimesso per un posto da senatore e per mantenere l’impunità. Riflettevo sul fatto che la misura dello sdegno la si misura sulle aspettative. In ogni campo.

Più ci aspettiamo e più, una volta delusi, ci indigniamo per il tradimento dell’aspettativa. Perché nessuno (del Pdl) si indigna se Berlusconi sta piazzando nei vari listini regionali veline e calendarine? Perché nessuno (del Pdl) si indigna se il premier sfugge ai processi adducendo impegni di Stato che però non gli vietano di fare visite private al democratico Putin? Perché non è la questione morale che i pidiellini si aspettano da lui.

Nessun italiano è così cretino da non sapere, ma tutti gli italiani si aspettano da noi una diversità che spesso, non c’è o è inutile. Berlusconi è spesso un fenomeno identitario per l’elettore italiano. E’ colui il quale è riuscito al meglio in quell’italianità macchiettistica da luogo comune che come tutti i luoghi comuni è un po’ vera. Noi siamo quelli dei maglioni di cachemire. Quelli con le librerie stracolme di libri e le case nelle isole siciliane minori. Capite? Chi diavolo deve identificarsi in noi? Una palese minoranza.

Dobbiamo dare spazio alle file della nostra politica e del nostro linguaggio a politici che siano più identitari e rappresentativi della società. Nella quale gli italiani possano specchiarsi (non nel modo veltroniano di inserire un rappresentante mediatico per categoria, ovviamente). In ultimo, noi, centrosinistra, abbiamo una grande responsabilità.

Non siamo detentori noi, di alcun primato in merito alla questione morale rispetto alla destra. Ma possiamo essere coloro i quali (come accade nei paesi civili) danno seguito agli errori etici e morali (in senso civico e legale) con le dimissioni e il ritiro dalla vita pubblica per ridare un minimo di dignità alle istituzioni. Alla Costituzione. Al senso dello Stato. Non è richiesta la perfezione al centrosinistra. Ma ci è richiesto di non essere evasori morali. SE sbagliamo dobbiamo pagare. Questo marca, almeno, una differenza tra cosa è la destra (oggi) e cosa deve essere la sinistra. Il centro non lo commento.

CRISTIANA ALICATA

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom