Top

Sondaggio Crespi, Pd caduta libera: 27,7 Punto più basso della segreteria Bersani

gennaio 27, 2010 di Redazione 

L’ex spin doctor di Silvio Berlusconi offre al “suo” giornale della politica italiana gli ultimissimi dati appena sfornati dal suo istituto di ricerche. I Democratici perdono 1,3% in sette giorni, un piccolo record negativo da attribuire senza dubbio alla debacle pugliese e alle contraddizioni della leadership (più dalemiana che bersaniana, fino a questo punto) denunciate da Romano Prodi più che ad una strategia di alleanze che, del resto, in Puglia come altrove non ha ancora trovato una effettiva messa in pratica. Giù anche il Pdl, un punto perso per strada anche da parte del partito del premier, vittima anch’esso, presumibilmente, oltre che dei tentativi di legge ad personam (ma, in compenso, la fiducia in Berlusconi resta immutata), del caos pre-Regionali. A far da contraltare al crollo del Pd il trionfo della Lega, che torna in doppia cifra (10,5%) dopo il picco di dicembre. In mezzo, la prevedibile crescita (+0,3%) dei Radicali. La tabella.

Nella foto, Massimo D’Alema

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom