Top

La lettera. Caro Brunetta, eravate voi “bamboccioni” di P. Calorenne

gennaio 18, 2010 di Redazione 

E’ la coordinatrice nazionale dei giovani dell’Italia dei Valori. Dalle colonne del giornale della politica italiana si rivolge al ministro della Pubblica amministrazione che nei giorni scorsi aveva (provocatoriamente) lanciato la proposta di una legge che obbligasse i giovani a lasciare la famiglia (ovvero sia la casa dei genitori) a 18 anni. Calorenne invita Brunetta a prendere atto delle condizioni in cui sono costretti a muoversi i ragazzi di oggi e, evitando «facili generalizzazioni», a dare semmai loro una risposta, politica. Ascoltiamo.

Nella foto, Paola Calorenne

-

di PAOLA CALORENNE*

Caro Ministro Brunetta,

Sono una giovane laureata precaria. Vivo e lavoro a Roma, città nella quale l’affitto medio è di 800 euro al mese.

Le scrivo per dirle che essere “bamboccioni”, in Italia, è una scelta obbligata.

Lei sì che era un bamboccione vero. Quando lei aveva la mia età i contratti erano a tempo indeterminato e si costruivano case in edilizia residenziale pubblica, che insieme agli immobili degli enti previdenziali (Inps, Inail, Enasarco, ecc.) riuscivano a venire incontro alle esigenze delle giovani coppie. I lavoratori della sua generazione erano garantiti per: malattia, maternità, disoccupazione ed infortuni.

Lei siede nei banchi dell’esecutivo, ha la possibilità di restituire alla mia generazione dignità ed autonomia. Il governo potrebbe dare disposizione ai comuni (e agli altri enti territoriali preposti) di concedere concessioni edilizie a condizione che le società di costruzione mettano a disposizione la metà degli alloggi con equo canone.

Potreste utilizzare i proventi dello scudo fiscale per predisporre ammortizzatori sociali per i lavoratori precari.

Chiedo a lei e al governo di evitare facili generalizzazioni e di pensare, piuttosto, all’interesse collettivo, al futuro del nostro paese.

In fondo dovrebbe essere questo, fare politica.

PAOLA CALORENNE*

*Coordinatrice Nazionale Giovani dell’Italia dei Valori

Commenti

2 Responses to “La lettera. Caro Brunetta, eravate voi “bamboccioni” di P. Calorenne

  1. Luca on gennaio 29th, 2010 01.12

    Paola sei grande!!!

  2. Uniromatv on febbraio 18th, 2010 18.05

    Al seguente link potete vedere il servizio realizzato da UniromaTV dal titolo “Non siamo bamboccioni, ma bit generation”

    http://www.uniroma.tv/?id_video=14937

    Ufficio Stampa di Uniroma.TV
    info@uniroma.tv
    http://www.uniroma.tv

Bottom