Top

L’editoriale. Rosarno, ove inciviltà provoca inciviltà di Gad Lerner

gennaio 9, 2010 di Redazione 

Il commento sugli scontri nella cit- tadina calabrese affidato al conduttore de L’Infedele. Che sottolinea il «trattamento bestiale» riservato agli immigrati dei quali pure l’economia locale non può fare a meno. Più tardi un intervento di un autorevole esponente dell’opposizione. Solo sul giornale della politica italiana. Buona lettura.

Nella foto, Gad Lerner

-

di GAD LERNER

L’inciviltà provoca inciviltà. Eccita l’odio reciproco. Rende barbari i comportamenti e i sentimenti. Rosarno non può fare a meno dei raccoglitori di agrumi immigrati. Ma la sua economia è fondata su una manodopera pagata poco e alloggiata peggio. La rivolta è sopportata come evento ciclico inevitabile di tanto in tanto. Come le grandinate. Ma nell’Italia contemporanea gli effetti di arretramento rischiano di generalizzarsi. Con un ministro degli Interni che copre il disordine pubblico facendo propaganda. E un’intellighenzia che lancia l’allarme islam per rinviare il tema dei diritti di cittadinanza, ma sottovaluta i traumi provocati da questo trattamento bestiale degli immigrati. A questo punto la manifestazione “24h senza di noi” fissata per il prossimo 1 marzo in Francia potrebbe assumere una dimensione imponente anche in Italia.

GAD LERNER

Commenti

3 Responses to “L’editoriale. Rosarno, ove inciviltà provoca inciviltà di Gad Lerner

  1. Mario on gennaio 9th, 2010 15.01

    Rosarno è colpa dell’immigrazione? Mi sembra una grande bugia.
    Rosarno è colpa dell’immigrazione clandestina? Mi sembra una grande verità.
    Abbiamo bisogno di raccoglitori di agrumi immigrati, con un contratto di lavoro in regola e non rei di essere entrati illegalmente.
    Il problema è che non troviamo uno dei 789 magistrati e qualcuno nella Guardia di finanza che abbia voglia di indagare a proposito dell’alloggiamento e dello sfruttamento degli immigrati clandestini.

  2. giancarlo on gennaio 10th, 2010 15.09

    Ancora una volta Gad Lerner centra i problemi:speriamo che gli Italiani lo ascotino!Ma sarà difficile.
    cari saluti e grazie a Gad Lerner
    Giancarlo

  3. Leone de Grassi on gennaio 16th, 2010 08.47

    Finmeccanica, azienda del Ministero dell’Economia, realizzerà un muro con sensori elettronici per sterminare i migranti che attraversato il deserto giungono in Libia. Appalto da 300ml di euro finanziato al 50% dai contribuenti italiani e per il restante 50% dall’Unione europea
    Tutto previsto all’art. 19 del Trattato di amicizia italo libico firmato da Berlusconi e Gheddafi il 30 agosto 2008.

    fonte: Nigrizia di Luciano Bertozzi 10/10/2009

Bottom