Top

Il ritratto del personaggio della settimana GIANFRANCO ROTONDI di Luca Lena

gennaio 31, 2010 by Redazione · 1 Comment 

E’ il momento del racconto del nostro vicedirettore. Che ci porta a conoscere, questa settimana, il ministro per l’Attuazione del programma. Un protagonista della politica italiana più “grande” delle dimensioni della sua Dc per le autonomie, poi confluita nel Popolo della Libertà. Anche, forse, però, scrive Lena, per la stessa libertà che gli viene dalle dimensioni della sua responsabilità. Un pezzo da non perdere, come sempre. Buona lettura.            Read more

***La riflessione***
QUANDO LA DESTRA VA CONTRO I PADRONI
di GAD LERNER

gennaio 30, 2010 by Redazione · 1 Comment 

Il conduttore de L’Infedele osserva, tra gli altri, il presidente Sarkozy prendersela con i banchieri, il nostro ministro per lo Sviluppo economico alzare la voce con la Fiat. E si chiede quanto atteggiamenti di questo tipo da parte di esponenti del ceto politico conservatore possano essere considerati sinceri, e portati fino alle estreme conseguenze. Uno spunto breve, dal respiro classico, nello stile dell’ex direttore del Tg1. Solo sul giornale della politica italiana. Sentiamo. Read more

L’intervento. Cosentino, la casta che si autoassolve di M. Donadi

gennaio 29, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il tema, non nascondiamocelo, non è giustizialismo sì giustizialismo no, garantismo sì garantismo no. Il tema è la responsabilità della politica italiana nei confronti del Paese. E anche la sua credibilità e affidabilità per i cittadini. Quando un membro del governo finisce sotto accusa – la cui legittimità è stata ieri confermata in Cassazione – per concorso esterno in associazione camorristica (nel caso specifico, per rapporti con il clan dei Casalesi) prima ancora della difesa di un principio di garanzia dell’indipendenza di ogni potere rispetto agli altri (problema per il quale è legittimo porsi alla ricerca di soluzioni) viene l’opportunità, se non la necessità – per uno Stato che voglia essere dalla parte dei suoi cittadini e credibile nella lotta alle mafie – di separare le possibili responsabilità dell’accusato da quelle dell’esecutivo, e comunque delle istituzioni di questo Paese. Dimissioni dunque, e comunque concessione di quell’autorizzazione all’arresto che la «casta», come la definisce il capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera in questo pezzo per il giornale della politica italiana, ha invece negato nei confronti di Cosentino. Ascoltiamo. Buona lettura. Read more

E’ in pagina la vignetta d’oggi di theHand Protagonista Renato Brunetta. Scopritela

gennaio 29, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il ministro della Pubblica amministrazione è stato al centro delle nostre riflessioni per le uscite-provocazioni sul tema-”bamboccioni”, rintuzzate efficacemente dalle due lettere aperte di Paola Calorenne che trovate tra gli Ultimi articoli e in archivio. Uscite imprudenti, difficili da sostenere persino per un Brunetta che, lo abbiamo imparato, non ha certo peli sulla lingua. E che il ministro si è così trovato costretto, per la prima volta, a smentire. E’ il segno, forse, di una certa dis-trazione per la sua nuova avventura, quella di candidato a sindaco di Venezia per Pdl e Lega, per i quali sfiderà Giorgio Orsoni. Brunetta che aspira da tempo a quella prospettiva per la quale, comunque, ha già annunciato non lascerà la responsabilità al dicastero. Ed è proprio a Brunetta candidato sindaco di Venezia che il nostro Maurizio Di Bona dedica questo nuovo disegno. Vediamo. Read more

***L’editoriale***
VOGLIA DI CAMBIAMENTO
di ALDO TORCHIARO

gennaio 29, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il giornale della politica italiana è il luogo privilegiato del dibattito pubblico della nostra politica. E’ su il Politico.it che, oltre ai protagonisti stessi della politica italiana, le maggiori firme del giornalismo politico del nostro Paese si alternano nel porre temi al centro del confronto, svolgere analisi, in molti casi anticipare ciò che potrà accadere. Questo giornale ha lo sguardo rivolto al futuro. Ed è in chiave prospettica il pezzo di oggi del volto di Red e grande firma di E Polis e de il Politico.it, che a partire dal rapporto Eurispes presentato stamane sul legame tra cittadini e politica, che rivela come gli italiani desiderino una classe dirigente nuova, ci segnala come anche nella nostra politica stessa, forse per assimilazione (o per istinto di sopravvivenza), emer- ga una tensione al cambiamento, a rivoluzionare l’attuale assetto del sistema dei partiti. Ecco come. Read more

Diario. Ecco piano antimafia del governo Premier: ‘Meno immigrati meno criminali’

gennaio 28, 2010 by Redazione · 1 Comment 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La prima firma è Carmine Finelli. Consiglio dei ministri a Reggio Calabria per dare una segnale nella lotta contro la criminalità organizzata. Per la quale, tra l’altro, l’esecutivo istituisce l’Agenzia nazionale per la gestione dei beni confiscati alle mafie annunciata da Maroni. Vi spieghiamo nel dettaglio le misure del Cdm. Ma Berlusconi dice almeno tre cose che suscitano un vespaio. La prima è quella da cui il titolo. Poi ribadisce che non devono più essere fatte trasmissioni sulla mafia, che ci mettono in cattiva luce. E infine risolve la questione del rischio che i beni confiscati messi all’asta possano essere riacquistati dalla mafia con una battuta: «E noi li sequestriamo di nuovo». Presidente del Consiglio protagonista anche di uno stop-and-go sulla scelta del candidato del Pdl in Puglia in vista delle Regionali. Ieri, come raccontato nel Diario, rilancia la possibilità di un accordo con l’Udc sulla base di un «terzo candidato condiviso, da mettere in campo dopo un passo indietro di Palese e Poli Bortone». Dopo il no della leader di Io Sud e di Casini rivendica la capacità di vincere da soli anche nella terra di Vendola. Infine la Cassazione dichiara legittima l’ordinanza d’arresto per Cosentino: ordinanza che potrà essere eseguita, però, solo dopo la fine del mandato, visto il no delle Camere alla sua esecuzione immediata. Il racconto. Read more

L’intervento. Ma nel Lazio c’è il reddito minimo di Marianna Madia

gennaio 28, 2010 by Redazione · 1 Comment 

Il giornale della politica italiana è un punto di riferimento e uno strumento di lavoro della nostra politica. Insieme agli altri grandi quotidiani, a cominciare da Repubblica e Corriere, certo. Ma è su il Politico.it che la politica italiana sceglie più frequentemente di intervenire. La giovane economista eletta nel 2008 alla Camera con il Partito Democratico ci consegna, praticamente in diretta – letto il servizio sulla crisi – questo focus, tutto politico, sull’isola felice rappresentata dalla Regione (già) di Marrazzo che offre ai lavoratori che perdono il posto un servizio essenziale introdotto nei primi mesi del 2009 dal vituperato governatore costretto alle dimis- sioni. 20mila disoccupati, scrive Madia, usufruiran- no di questo strumento. Sentiamo. Read more

Crisi, adesso è stallo. Urge un’iniezione di fiducia (concreta): ma governo dov’è?

gennaio 28, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Contro la politica (confusa) degli annunci che dicono tutto e il contrario di tutto, nella speranza di infondere (immaterialmente, sul piano psicologico) una fiducia che non basta, il giornale della politica italiana fa oggi il punto (vero) sullo stato della crisi. I dati parlano di una ripresa lieve che non consente di recuperare condizioni e posizioni perdute. Gli operatori confidano in un intervento della politica italiana che però, dopo aver battuto un colpo (bene) quando la crisi si manifestò, latita. E la risposta ideale sarebbe (oltre) rifondare un nuovo welfare state. Ci racconta tutto Paolo Panzacchi. Read more

La riflessione. Questione morale della sinistra di Cristiana Alicata

gennaio 28, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Delbono a Bologna e Marrazzo nel Lazio. Si sono dimessi subito. A destra, scrive la giovane scrittrice collaboratrice de l’Unità e del giornale della politica italiana, accade di tutto e non solo nessuno si dimette, ma nemmeno il popolo si indigna. Ragio- ne? Non è che la gente non veda e non sappia, ma non si aspetta nulla di diverso. E lo sdegno, è la considerazione, è commisurato alle aspettative. In questa bellissima riflessione per il Politico.it, Alicata ragiona di questione morale e del vero significato del problema, oggi, per il centrosinistra. Uno scritto militante nel senso che muove dalla volontà di contribuire alla presa di coscienza di una parte, ma che abbandona, per questa volta, i toni molto forti che caratterizzano alcuni, comunque bellissimi, scritti di Cristiana per lasciare il posto ad una cifra di (ulteriore) leggerezza che concilierà la giovane scrittrice romana anche con quella parte di lettori con cui, in altri casi, è stata polemica. Un pezzo da non perdere, che apre splendidamente questa nuova giornata de il Politico.it. Buona lettura. Read more

La cronaca. Shoah, la Camera ricorda. Con Wiesel di A. Sarubbi

gennaio 27, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il deputato del Partito Democratico racconta per il giornale della politi- ca italiana l’incontro con il premio Nobel Eli Wiesel nella Giornata della memoria per le vittime della Shoah.

Nella foto, Andrea Sarubbi

-

di ANDREA SARUBBI*

Adolescenti brufolosi nei banchi dell’Udc, Bruno Vespa in quelli del Pd, Brunetta al posto di Berlusconi, Berlusconi abbronzatissimo che parlotta amabilmente con Napolitano: a volersi divertire, la cerimonia di stamattina alla Camera offriva parecchi spunti da cabaret. Ma non era il momento, davvero: Eli Wiesel, sopravvissuto ai campi di sterminio nazisti, è venuto in Aula per la Giornata della memoria. Prima di lui ha preso la parola Fini, che di Wiesel ha citato una frase straordinaria: “Il contrario dell’amore non è l’odio, ma l’indifferenza”. Ed è proprio un calcio all’indifferenza quello che questo giorno vuole rappresentare, dai tempi in cui – era il 2000 – il nostro Furio Colombo chiese al Parlamento di istituirlo. La testimonianza dello scrittore, ormai 82.enne, è stata una rasoiata alla schiena: in alcuni passaggi – come quello della deportazione nel campo di sterminio, durante la quale molti morirono sul treno ed altri urlarono al proprio Dio con tutta la forza rimasta – ho avuto difficoltà a trattenere le lacrime. Oltre al racconto, poi, c’era il monito per il nostro tempo, che Wiesel non ha mancato di sottolineare: “il silenzio non aiuta mai la vittima, ma aiuta sempre l’aggressore”, ha ricordato, aggiungendo che “chiunque ascolta un testimone diventa un testimone”. Ma c’è un ma, e non sarei onesto se facessi finta di nulla. A rischio di non essere politically correct, perché certe cose – come mi ha detto un mio collega – si possono pensare ma non dire. Pur avendo apprezzato buona parte del discorso di Wiesel, ho qualcosa da obiettare sulla sua valutazione del presente. Ha detto, è vero, che la pace tra Israele e Palestina si farà (“Se hanno fatto pace Israele e la Germania, accadrà anche questo”), ma nel complesso non ha saputo resistere alla tentazione di fornirci una lettura unilaterale del conflitto in Medio Oriente: il presidente iraniano Ahmadinejad dovrebbe essere arrestato, gli attentati kamikaze vanno considerati crimini contro l’umanità, i rapitori del soldato israeliano devono liberarlo. Tutto giusto, per carità, ma mi pare che manchi l’altra faccia della medaglia: dove è il riferimento alle colonie? Dove quello alle condizioni di vita nei Territori? E quello alle rappresaglie sproporzionate dell’esercito israeliano, più volte condannate anche in sede internazionale? Avrei potuto capire un discorso del genere in bocca al presidente della Knesset, ma da un premio Nobel per la Pace – lo dico con grande sincerità – mi attendevo un approccio più alto, più equidistante. Se no, a forza di mettere sullo stesso piano la follia nazista e l’intifada palestinese, si rischia di ridurre un conflitto così complesso come quello mediorientale, con radici profonde e soluzioni difficili, alla categoria di antisemitismo.

ANDREA SARUBBI*

*Deputato del Partito Democratico

Diario. In Puglia prove d’alleanza Udc-Pdl Wiesel: ‘Shoah, indifferenza peggio odio’

gennaio 27, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La prima firma è Carmine Finelli. Giornata della memoria, vi raccontiamo come l’ha vissuta la politica italiana. Alla Camera è stato il giorno del discorso del sopravvissuto ad Auschwitz e Premio Nobel per la Pace del quale risuonano soprattutto queste parole: «Fu (appunto) l’indifferenza, oltre che i nostri nemici, a determinare quello che accadde». Nella rubrica Politica il racconto di Andrea Sarubbi. Ma quella di oggi è anche una giornata che potrebbe avere cominciato a cambiare la geografia della nostra politica. Perché dopo il gran rifiuto (a suo giudizio) della base Democratica all’accordo con lui alle primarie di domenica, Pierferdinando Casini, piuttosto che consegnare la regione a Vendola, apre al centrodestra invitandolo a convergere sulla Poli Bortone. Berlusconi: «Facciano un passo indietro lei e Rocco Palese, e troviamo un terzo candidato». Tutto questo potrebbe cambiare la geografia della politica italiana perché intanto fa saltare anche l’accordo tra Udc e Pd in Liguria, dove i centristi ritirano il loro appoggio a Claudio Burlando, e accelera il sì a Scopelliti candidato del Pdl in Calabria. E potrebbe preludere al tramonto dell’ipotesi di alleanza a livello nazionale tra Democratici e centristi – Bersani: «L’eventuale patto tra Casini e Berlusconi in Puglia porrebbe una seria pregiudiziale» alla prospettiva cercata finora – e ad un “ritorno a casa” dell’Unione di centro, che del resto non ha mai smesso di evidenziare una mag- giore affinità elettiva con la destra, con la quale con- divide la casa comune europea del Ppe. Il racconto. Read more

Pdl, verso redde rationem post Regionali Il ruolo de Il Secolo d’Italia e de il Tempo

gennaio 27, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Nel centrodestra si prepara la resa dei conti. Fini è pronto a lasciare il partito del premier per fondarne uno suo, scriveva Luigi Crespi su il Politico.it. Tutto avverrà dopo il voto. Ma attraverso le scelte e le triangolazioni dei quotidiani vicini alla maggioranza è possibile sin da ora ricostruire la mappa dei rapporti e delle dinamiche dentro e fuori il partito del premier, e capire cosa potrà accadere. Oltre a Libero e il Giornale, che come abbiamo visto nella prima puntata di questa inchiesta si muovono ormai in indipendenza da Berlusconi e fanno la fronda al presidente della Camera, ci sono l’ex organo di Alleanza Nazionale, rimasto fedele al suo leader, e quello diretto da Roberto Arditti. Quest’ultimo risente della sua romanità ed è altrettanto vicino a Fini – ma senza l’ortodossia del Secolo – e spinge per l’alleanza con l’Udc. Ecco cosa accade nel Pdl. Ce lo racconta, come sempre, Pietro Salvatori.                 Read more

Sondaggio Crespi, Pd caduta libera: 27,7 Punto più basso della segreteria Bersani

gennaio 27, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

L’ex spin doctor di Silvio Berlusconi offre al “suo” giornale della politica italiana gli ultimissimi dati appena sfornati dal suo istituto di ricerche. I Democratici perdono 1,3% in sette giorni, un piccolo record negativo da attribuire senza dubbio alla debacle pugliese e alle contraddizioni della leadership (più dalemiana che bersaniana, fino a questo punto) denunciate da Romano Prodi più che ad una strategia di alleanze che, del resto, in Puglia come altrove non ha ancora trovato una effettiva messa in pratica. Giù anche il Pdl, un punto perso per strada anche da parte del partito del premier, vittima anch’esso, presumibilmente, oltre che dei tentativi di legge ad personam (ma, in compenso, la fiducia in Berlusconi resta immutata), del caos pre-Regionali. A far da contraltare al crollo del Pd il trionfo della Lega, che torna in doppia cifra (10,5%) dopo il picco di dicembre. In mezzo, la prevedibile crescita (+0,3%) dei Radicali. La tabella. Read more

***La giornata della memoria***
HURBINEK, DEDICO A TE IL MIO RICORDO
di PAOLA CALORENNE*
con un brano tratto da “La tregua”
di PRIMO LEVI

gennaio 27, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

65 anni fa venivano aperti, per essere chiusi per sempre, i cancelli di Auschwitz. Oggi il mondo ricorda. Il giornale della politica italiana, fedele alla sua formula innovativa in grado di parlare con efficacia al suo pubblico fatto anche e soprattutto di giovani, affida il suo racconto di oggi alla politica, ovviamente, e alla letteratura. Dopo il grande successo delle due lettere al ministro Brunetta sul tema-”bamboccioni”, che hanno evidentemente ben rappresentato i sentimenti dei coetanei suoi e dei nostri lettori, abbiamo chiesto alla coordinatrice nazionale dei giovani dell’Italia dei Valori di scegliere per noi, come giovane (donna politica) appunto, a cui la memoria (del futuro) è affidata, un contenuto letterario o multimediale che simboleggiasse il ricordo. La scelta di Paola è caduta su uno dei brani più belli e insieme terribili del racconto di Levi, dedicato al bambino di cui ora leggeremo, che vi proponiamo. Prima, però, l’omag- gio personale di Calorenne. A Hurbinek e a Levi. Buona (per quanto possibile) lettura. Read more

Sarkozy: “Ora via il burqa” Fatto religioso o violenza? Si apre un grande dibattito. Speciale

gennaio 27, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

In Francia sta per scattare il divieto di indossarlo. Altri Paesi sono pronti a seguire l’esempio. Tra questi c’è l’Italia, dove maggioranza e opposizione, per una volta, convergono. Nelle comunità islamiche impiantate in Europa, intanto, ci si confronta: che cosa rappresenta? E’ giusto, Islam alla mano, imporlo alla donna? E’ il velo integrale il protagonista indiscusso del dibattito politico-culturale degli ultimi giorni. Il giornale della politica italiana porta alla discussione in corso nel Vecchio continente (e nel nostro Paese) il contributo di questo speciale firmato Désirée Rosadi, che partendo dalla stretta attualità – vi raccontiamo chi dice cosa nella nostra politica e nella politica europea – ci conduce per mano a scoprire il vero “ruolo” del parde nei Paesi a maggioranza islamica. Assolutamente da non perdere. Buona lettura. Read more

Diario politico. L’affaire Bertolaso, Hillary: “Ferita da critiche”. Accordo Pd-Di Pietro

gennaio 26, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, oggi, è di Ginevra Baffigo. E’ bufera sul capo della Protezione civile per le critiche rivolte all’America sugli aiuti alla popolazione di Haiti colpita dal terremoto. Ieri Désirée Rosadi ci riferiva della presa di distanza di Frattini – «Bertolaso non può coordinare il mondo» – alla quale fa seguito quella di Berlusconi, che parla di Usa «generosi». Ma la Clinton in serata rincara la dose. E’ stata una giornata febbrile per il Partito Democratico quella di martedì. In mattinata il fulmine a ciel sereno, inaspettato appunto, di un Romano Prodi che in un colloquio con Massimo Giannini per Repubblica ci andava giù duro: «Ma chi comanda nel Pd?». Il j’accuse muoveva dall’apparente mancanza di linea che avrebbe caratterizzato e favorito le vicende pugliese e bolognese. Ma Bersani, che nel corso della giornata avrebbe confermato («In 11 regioni su 13») l’alleanza con l’Italia dei Valori in vista delle elezioni di marzo, rispediva gentilmente al mittente le critiche. Quanto a Bologna, dopo le dimissioni di Delbono si lavora ad una velocizzazione dei tempi per la risoluzione della “crisi”: Maroni propone un decreto perché si possa votare lo stesso giorno delle Regionali: «Ma solo se tutte le forze politiche sono d’accordo». Il racconto.  Read more

Diventa realtà sogno di D’Alema: pontiere tra cdx e csx da neo-presidente Copasir

gennaio 26, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Indirettamente “trombato” alle primarie pugliesi, il leader Democratico è da oggi il nuovo capo del comitato di controllo sui servizi. Un incarico istituzionale inseguito per anni, con l’obiettivo, non tanto nascosto (vedi accuse di propensione all’inciucio) di farsi da tramite del dialogo tra maggioranza e opposizione. Mancato nel 2006 il tentativo di ascendere a presidente della Camera, stoppata da Berlusconi (e allora da Casini) l’ipotesi di una sua elezione a capo dello Stato, costretto per anni alla semiclandestinità dei convegni per le nuove generazioni con Gianfranco Fini, finalmente D’Alema raggiunge il suo scopo. Bersani tira un sospiro di sollievo? Vedremo. Il profilo della “lunga marcia” (recente) del (una volta) leader Maximo. Read more

Frattini: “Bertolaso non coordina mondo” Incontro con Hillary, sul gas una strategia

gennaio 26, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il ministro degli Esteri ieri a Washington. Oltre alle scuse per le critiche del capo della Protezione civile agli “aiuti” americani ad Haiti (che il nostro giornale tuttavia ha sostanziato, lunedì, con un reportage di Giovanna Mulas) energia, Iran e terrorismo sul tavolo. La Clinton annuncia sanzioni per le compagnie petrolifere che “tradiscono” l’alleanza con gli Usa. Nucleare, Frattini nel solco della politica estera italiana di Andreotti e D’Alema: «Coinvolgere i Paesi arabi». Ci racconta tutto, come sempre, la no- stra prima firma per il Medioriente, Désirée Rosadi. Read more

La lettera. Caro Brunetta, forse lei non ama i giovani di P. Calorenne

gennaio 25, 2010 by Redazione · 3 Comments 

La coordinatrice nazionale dei giovani, appunto, dell’Italia dei Valori si rivolge al ministro della Pubblica amministrazione ancora una volta dalle colonne del giornale della politica italiana. Perché Brunetta è tornato sul tema “bamboccioni”, proponendo questa volta un assegno per i ragazzi da finanziare con i fondi per le pensioni dei loro nonni e genitori. Un’iniziativa subito stoppata dalla stessa presidenza del Consiglio. Calorenne rintuzza, efficacemente, le uscite del ministro. Ascoltiamola. Solo su il Politico.it. Read more

Si dimette primo sindaco Bologna non ex Pci. Delbono, indagato: “Rispetto storia” FOTO: Cinzia, protagonista del sexgate

gennaio 25, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Sarà sicuramente un caso. In altre parti del nostro Paese la giustizia raggiunge anche esponenti di quella storia politica, suo malgrado. E nella stessa “rossa” Emilia ci sono le vicende legate ad Unipol e a Consorte, a fare da triste spartiacque. E tuttavia che un primo cittadino della “capitale” della “riserva indiana” in cui, a detta di Bersani, il centrodestra starebbe cercando di confinare oggi il Pd e con lui la tradizione della sinistra post-comunista italiana, oggi riunita con le altre, fosse costretto a dimettersi per consentire alla magistratura di «fare chiarezza» senza «coinvolgere la città», non era mai capitato. Capita oggi appunto con l’ex Margherita e vicino a Romano Prodi ex vicepresidente della Regione, sussurrato già nella campagna elettorale che risale solo alla primavera-estate scorsa, quando il suo competitor Cazzola fece provocatoriamente e polemicamente il nome di «Cinzia». Ma chi è Cinzia? Ce lo racconta Stefano Catone. Read more

***Haiti e l’America***
ALLA CLINTON DICO: QUESTI SONO I FATTI
di GIOVANNA MULAS*

gennaio 25, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Come nei periodi di maggior vitalità della nostra cultura (e della nostra letteratura), in cui gli intellettuali avevano un rapporto che si poteva caratterizzare in vario modo, ma comunque esisteva ed era forte e di impatto con il potere e con la nostra politica, il giornale della politica italiana ospita ora questo scritto-denuncia firmato dalla grande poetessa e scrittrice sarda, che ribadisce le critiche che Guido Bertolaso, il nostro capito della Protezione Civile in missione sull’isola distrutta dal terremoto, ha rivolto nei giorni scorsi agli Stati Uniti. Mulas risponde all’ironia di oggi del segretario di Stato americano, che liquida le accuse di Bertolaso come «chiacchiere da bar», con una serie di fatti estratti da racconti di testimoni e dalle cronache che siti web non governativi riportano da Haiti. Un pezzo da non perdere, solo sul giornale della politica italiana. Read more

Diario politico. Speciale primarie pugliesi Pd: ‘Ora con Vendola’. Lui: ‘Tutti più forti’ Udc per Poli Bortone. Pdl: “Nichi ostico”

gennaio 25, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il giornale della politica italiana anticipa il suo racconto quotidiano per portarvi negli effetti – dirompenti, per la nostra politica – della grande vittoria del capo di Sinistra e Libertà. I Democratici, riuniti in direzione nazionale, si leccano le ferite parando le mani contro chi vorrebbe approfittare della loro presunta “carcassa” dopo la sconfitta nella partita con Vendola. E si ricompattano intorno al rinnovato leader per la Puglia. Marino, il candidato alla segreteria del Pd appoggiato dal nostro giornale, nei giorni del congresso, va oltre: «Vendola venga nel nostro partito. E lasciamo stare l’Udc». Casini che, dal canto suo, conferma di non voler sostenere Nichi, e punta sulla candidata scartata dal Popolo della Libertà. Ma rassicura il suo interlocutore D’Alema: «Nelle altre regioni resta l’accordo con il Pd». E Bersani: «Noi ci puntiamo ancora su questa alleanza con i centristi». La firma di questo Speciale diario è di Francesco Carosella. Read more

Il commento. Puglia: ha vinto Nichi viva Nichi di Stefano Menichini

gennaio 25, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Europa, quotidiano del Partito De- mocratico comincia la sua settima- na in edicola il martedì. In questo lunedì post-consultazione in Puglia è allora sul giornale della politica italiana che il suo direttore interviene nel dibattito che è esploso – nel campo del centrosinistra ma non solo – dopo la vittoria di Vendola nelle primarie pugliesi per la scelta del candidato governatore alle Regionali di marzo. E il commento di Menichini ha la lucidità, la proprietà e la specializzazione nel campo Democratico che potrete poi ritrovare, da domani, ogni giorno su Europa in edicola e sul suo sito web. Ascoltiamolo dunque. Solo sul giornale della politica italiana. Read more

Vendola-D’Alema 73%-27% Puglia, in 200mila ai gazebo per confermare Nichi

gennaio 24, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il governatore della Puglia stravince le primarie per la scelta del candidato alla sua successione. Un vero e proprio plebiscito, come raccontato sin dalle 22.00 dal giornale della politica italiana che per primo annuncia la probabile vittoria di Vendola offrendo i primissimi dati ai propri lettori. Nel 2005 votarono in 79.296 e Nichi ottenne il 51%; oggi più del doppio si sono recati ai gazebo – 192.000 – e la percentuale di voti per il presidente uscente schizza al 73%: il dato-chiave per capire come la Puglia si sia mobilitata per sostenere il suo governatore, la cui riconferma rischiava di essere pregiudicata da una scelta “romana” voluta dal “pugliese” D’Alema che la tenacia di Vendola e l’affetto della gente hanno rispedito al mittente. Ora sta al neo-candidato del Pd e dei suoi alleati dimostrare che il sacrificio dell’alleanza con l’Udc, compiuto sull’altare della “primavera pugliese” e di valori irrinunciabili – per loro – quali il mantenimento dell’acqua come bene pubblico, non è stato fine a se stesso. E naturalmente al leader Maximo mostrare quella lealtà che in altre occasioni non è stata forse la qualità più lampante dell’ex presidente del Consiglio. Ci racconta tutto il nostro Dario Ballini. Read more

Primarie Puglia, è plebiscito per Vendola Primi dati (parziali): batte Boccia 75%-25% A Gallipoli (seggio di D’Alema) trionfo Nichi

gennaio 24, 2010 by Redazione · 1 Comment 

In provincia il governatore uscente vince (quasi) dappertutto con ampio margine. Mancano i numeri delle grandi città ma la tendenza sembra chiara: Vendola si avvia a stravincere la sfida con Francesco Boccia e sarà il candidato del centrosinistra alle elezioni di marzo. Sconfitta la linea dell’alleanza con l’Udc imposta da D’Alema. Il centrodestra intanto designa il suo uomo: a sfidare il vincitore della sfida tra Vendola e Boccia sarà Rocco Palese. Read more

E oggi è il giorno delle primarie in Puglia Ma sentite Nobili (Api): ‘Tifo per Vendola’

gennaio 24, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Rutelliano, già coordinatore dei giovani della Mar- gherita, Luciano Nobili è uscito dal Partito Democra- tico per fondare Alleanza per l’Italia con l’ex leader Dl. Moderato, cattolico, è “spettatore interessato” della convergenza tra Democratici e Udc nella costruzione di un nuovo centrosinistra. Ti aspetteresti che nella sfida tra il governatore uscente e Boccia, anch’egli ex Margherita, e pedina-chiave del “laboratorio Puglia” che – nelle idee di D’Alema, e forse di Casini – dovrebbe preparare la futura alleanza tra centristi e progressisti, sostenga il secondo. Invece no. «Noi di Api vogliamo scardinare l’attuale bipolarismo e caldeggiamo da sempre il rapporto Pd-Udc. Ma la vicenda pugliese – dice – è l’emblema di come tutto questo NON va costruito». In questa intervista al nostro direttore, Luciano fa il suo endorsement nei confronti del governatore uscente proprio nelle ore in cui si comincia a votare ai gazebo e ci spiega perché. Solo sul giornale della politica italiana.            Read more

***L’editoriale***
NON SARA’ CHE IL (VERO) PD STA NASCENDO PROPRIO ORA?

gennaio 24, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La partita di oggi delle primarie in Puglia ha accelerato quel processo di ricomposizione interna al centrosinistra – da Sinistra e Libertà ad Alleanza per l’Italia – che favorisce il superamento delle vecchie appartenenze e ne ripropone di completamente nuove, rimescolate, sulla base dei comuni valori Democratici. Oggi l’immagine è quella di uno schieramento in prenda al caos, in cui non mancano le (più o meno grandi) separazioni. Ma se tutto questo preludesse al compimento vero e proprio del progetto del grande partito liberale e progressista – all’americana – che riunisce tutti i riformisti finalmente liberi dai lacci delle vecchie appartenenze? Proviamo a capirlo insieme.            Read more

Questo sabato al cinema con il Politico.it. Uscita speciale: Avatar

gennaio 23, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

E’ stata una settimana controversa ma bella, come solo la nostra politica può esserlo, per la politica italiana e il suo giornale. Per noi è stata anche una delle migliori settimane in assoluto in termini di accessi: grazie di cuore a tutti voi, cari lettori, per il modo in cui ancora una volta siete stati con noi. Una settimana che merita dunque un finale (o meglio, un sottofinale: un sabato) di stacco. E cosa c’è di meglio della (settima) arte che più si avvicina al senso della politica stessa, per staccare, sognare, e insieme continuare a riflettere e parlare, indirettamente, della nostra politica? Tre film, i pezzi da novanta dell’ultimo mese e mezzo, due appena usciti, l’altro ancora nelle sale (delle grandi città), per passare insieme un sabato pomeriggio all’insegna del cinema. Il giornale di Attilio Palmieri, il giovane e talentuoso critico cinematografico de il Politico.it, e quello di Fabrizio Ulivieri, il grande scrittore fiorentino che firma questo speciale in tre blocchi, a cui dedichiamo per una volta tutta l’home page. E non si può che partire da un film che riscriverà, forse, un pezzo di storia del cinema, il film più costoso ma anche tra i più innovativi di sempre, che si avvia ad essere contemporaneamente quello che incassa di più al botteghino. Il capolavoro di James Cameron apre questa serie di tre grandi recensioni di Ulivieri. Buon cinema con il giornale della politica italiana. E buonissimo sabato in sala a tutti. Avatar.                       Read more

L’italiano più quotato (ma Ulivieri lo stronca): è La prima cosa bella

gennaio 23, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il film di Virzì è il contraltare del nostro cinema ad Avatar. Un’opera che la critica ha variamente apprezzato. Tra le firme che danno un voto basso c’è quella del nostro critico, deluso da una produzione al di sotto delle attese dopo le “promesse” di “Tutta la vita davanti”. Un film, comunque, da vedere. Un’altra delle possibili scelte per questo vostro sabato all’insegna del cinema. Sentiamo. Read more

L’ultimo “capolavoro” dei fratelli Coen: Ulivieri legge A serious man

gennaio 23, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

In un momento in cui siamo solle- citati ad una ulteriore riflessione sul tema dell’ebraismo e dei suoi esodi storici (obbligati) dal grande successo di “Scintille”, l’ultimo libro del nostro Gad Lerner, ecco un film che demolisce il mito di quella cultura, firmato da due dei suoi più noti e brillanti esponenti (americani). Un film assolutamente da non perdere. Che Ulivieri recensisce così. Sentiamo. Read more

Diario politico. Berlusconi indagato con Pier Silvio. Sulle tasse: “Non le ho alzate”

gennaio 23, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Ginevra Baffigo. Inchiesta Mediatrade sulla compravendita di diritti tv, per il presidente del Consiglio ipotesi appropriazione indebita. Ghedini: «Incredibile, proprio alla vigilia delle Regionali». In giornata il Cavaliere era tornato sulla crisi: «Nonostante la gravità non abbiamo messo le mani nelle tasche degli italiani». Ma Bersani: «Non è così». La Cgil: «Maggiore redistribuzione o sarà sciopero generale». Vi aggiorniamo sulle candidature per le Regionali: in attesa di conoscere l’esito delle primarie pugliesi di domenica, sembra fatta per Magdi Cristiano Allam paracadutato dal centrodestra in Basilicata. In Campania, Mara Carfagna capolista a Napoli. Il racconto. Read more

I Radicali candidano Tinto Brass. Per il Pd rispunta il fantasma dell’accordo del 2008

gennaio 22, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Ricordate? Campagna elettorale per le politiche successive alla caduta del Governo Prodi. Centrosinistra lanciato a mille dalla discesa in campo di Veltroni. Rilevatori tutti positivi ad indicare una incredibile rimonta. Poi l’accordo con i Radicali, inglobati nelle liste Democratiche. I primi distinguo cattolici. Le polemiche. E, appunto, l’inizio della fine, ovvero recupero finito e avvio alla sconfitta pesante che segnò anche l’inizio della fine “personale” dell’allora leader Pd. Oggi, dopo l’entusiasmo per la discesa in campo di Bonino, i primi dubbi per la scelta di Emma di fare la capolista anche in Lombardia, i “però” di fronte all’intenzione di Pannella di correre in Campania contro il candidato Democratico, i maldipancia per il nome del regista dell’eros, non esattamente un paladino dei valori della famiglia. E’ lo stile Radicale. Ma quanto può co- stare al centrosinistra? Proviamo a capirlo insieme. Read more

Processo breve, Fini: “Da me tutto può cambiare”. Pd: “Al lavoro su deputati Pdl”

gennaio 22, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il presidente della Camera conferma, indirettamente, il malumore per i cambiamenti apportati al testo nel passaggio dalla Commissione Giustizia all’aula di palazzo Madama. E apre uno spiraglio. Poi difende il “silenzio” di Napolitano: «Assurdo pensare che inter- venga sul dibattito parlamentare, è al di fuori delle prerogative. Rispetto». Infine, messaggio al governo sulla “dittatura della maggioranza”: «Democrazia è riconoscimento delle ragioni degli altri. Si pratica nel- la responsabilità politica e nell’impegno allo scam- bio di argomentazioni». Il servizio di Dario Ballini. Read more

Giornale e Libero, rivolta contro premier Scoppia ‘battaglia di posizionamento’ Pdl

gennaio 21, 2010 by Redazione · 2 Comments 

Ne ha parlato per primo Luigi Crespi su questo giornale. Nel partito di Berlusconi sono in atto grandi manovre per prepararsi al redde rationem che scatterà immediatamente dopo le Regionali. «Fini – scriveva su il Politico.it l’ex spin doctor del presidente del Consiglio - raccoglierà quello che ha saputo seminare e farà nascere una nuova formazione politica distinta dal Cavaliere». Il grande sondaggista di rado sbaglia, ma stavolta c’è di più. Perché i due principali quotidiani vicini al centrodestra, quelli di Feltri e Belpietro, hanno già cominciato a giocare la partita. Da tempo. E la “notizia” è che i due direttori si muovono in assoluta indipendenza dal premier. Che – piuttosto – dovrà tenere sempre più in conto le loro “indicazioni”. Vera cartina di tornasole del clima dentro il Pdl. Il giornale della politica italiana è in grado di svelarvi cosa sta accadendo nella maggioranza. Assolutamente da non perdere. La firma, come sempre per il cdx, è di Pietro Salvatori. Read more

Processo breve, dialogo toghe-governo L’Anm: “Resa dello Stato alla criminalità” Alfano: ‘Mistificano. Cadono le braccia…’

gennaio 21, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Lo ha detto Pierluigi Bersani: nel passaggio tra il Senato e la Camera ci sono le condizioni perché «si prenda coscienza degli effetti» che l’approvazione definitiva del ddl che limita la durata dei processi avrebbe sulla giustizia e sul Paese. E si cambi direzione. Perché, dice il segretario Democratico, si tratta di una vera e propria «macchia. Il Pdl ci ripensi». Presa di coscienza che, oltre che con le parole di Bersani, comincia con le dure critiche dei magistrati al provvedimento. Il ministro della Giustizia, che in mattinata aveva aperto alle toghe rassicurando circa la volontà del governo di rispettare l’indipendenza della magistratura, torna sui suoi passi. E lo scontro tra politica e giustizia va avanti. La necessità di un passo indietro, da parte di tutti, non sarà certamente soddisfatta in sede di discussione su un ddl come quello sul processo breve del cui “giorno dopo” ci racconta Stefano Catone. Read more

Il dibattito. La strategia culturale di Berlusconi di Paolo Guzzanti

gennaio 21, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Dopo l’uscita del suo ultimo edito- riale in cui teorizzava l’esistenza di una egemonia culturale della maggioranza, fatta di «gossip, chirugia estetica, umiliazione dell’intelligenza, dell’indipendenza, della cultura» i nostri lettori si sono divisi tra chi sosteneva che il presidente del Consiglio avesse appositamente concepito questa strategia, con le tv, per «creare una generazione di italiani rincoglioniti e di facile cattura, una specie di allevamento di quaglie» (leggerete nel pezzo di og- gi) da irretire elettoralmente e chi invece lo negava. Abbiamo allora chiesto, per voi, all’ex vicedirettore de “il Giornale” e deputato del Partito Liberale italiano di dire la sua. «E’ una questione di lana caprina, il vero punto è la condizione in cui si trova oggi il Paese», è stata la risposta di getto di Guzzanti. Poi il grande intellettuale liberale ha ugualmente accettato di tornare sul tema e di rispondere, per il giornale della politica italiana e i propri lettori, alla domanda. Così. (Chi volesse partecipare al dibattito può scriverci a ilpolitico.it@gmail.com o al nostro profilo Facebook, Redazione Il Politicoit. Pubblicheremo una sele- zione degli interventi più significativi). Read more

Diario politico. Processo breve, primo ‘sì’ Berlusconi: “I miei? Plotone esecuzione”

gennaio 20, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Ginevra Baffigo. Con 163 voti favorevoli, 130 no e 2 astensioni passa al Senato il ddl che limita la durata dei procedimenti. Ecco cosa prevede. In aula è bagarre, con i senatori dell’Italia dei Valori che alzano cartelli in cui evocano un “governo criminale”, mentre il Partito Democratico conferma lo sdegno di cui vi abbiamo raccontato ieri: «Non ci sarà giustizia per migliaia di cittadini». Ma anche nel centrodestra i malumori sono molti. I finiani lamentano di essersi trovati a votare un testo diverso da quello concordato, dopo un “passaggio” del ddl a villa San Martino ad Arcore. Fini: «Guarda che è incostituzionale». Ma il premier, che attacca i giudici, è sicuro: «Napolitano me lo firma». Intanto Alfano parlava di riforme condivise… senza rinunciare però all’idea del governo di una riforma anche del Consiglio superiore della magistratura, non solo nei suoi meccanismi di elezione. Un grande racconto, in un grande diario, con tutto quanto c’è da sapere su questa giornata di politica italiana sulla giustizia. E sui processi del Cavaliere, vero cuore di queste prime settimane di nuovo anno. Buona politica (se possibile) e buona lettura. Solo con il Politico.it. Read more

La polemica. Brunetta, vietato ai maggiori di 18 anni di F. Laratta

gennaio 20, 2010 by Redazione · 3 Comments 

Straordinario pezzo a metà tra sa- tira (e) politica del deputato del Par- tito Democratico e grande giornalista e scrittore calabrese. Laratta “affonda” nei confronti del ministro della Pubblica amministrazione sottoposto al fuoco di fila dell’opposizione per la sua proposta di una legge (che oggi dice: «Era solo una provocazione») che costringesse i ragazzi a lasciare casa raggiunti i 18 anni di età. Dopo la coordinatrice nazionale dei giovani Idv, direttamente tirata in causa da Brunetta, sono i Democratici a scegliere il Politico.it per rispondere all’esponente dell’esecutivo che, del resto, ha dovuto fare i conti anche con la freddezza dei propri colleghi di governo, a cominciare dal ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli. Ma il pezzo del parlamentare del Pd è molto di più: è un ritratto di polemica politica, che contiene però anche idee per i giovani, le politiche familiari e della casa nel nostro Paese. Buona lettura. Read more

Americani non apprezzano “loro” riforma Nel seggio di Ted vince un repubblicano FOTO: Barack “a consiglio” da Kennedy

gennaio 20, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Non accadeva da cinquant’anni, da quando era stato eletto per la prima volta – per poi essere riconfermato ininterrottamente – il fratello del presidente assassinato, morto l’estate scorsa scorsa. Kennedy che è stato tra i principali ispiratori di quella copertura universale sul piano sanitario che Obama sembrava essere riuscito a strappare al Congresso. Ma manca il voto definitivo e la vittoria di Brown nel Massachusetts priva i Democratici della maggioranza qualificata di 60 senatori su 100 che avrebbe evitato l’ostruzionismo dell’opposizione. I tempi di approvazione del provvedimento si dilatano, e all’orizzonte ci sono delle elezioni di mid-term che potrebbero riconsegnare la maggioranza al Grand Old Party. Ci racconta tutto Stefano Catone.            Read more

L’editoriale. Radicali rinuncino a rimborsi elettorali di A. Torchiaro

gennaio 20, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il «regime partitocratico» denuncia- to da Bonino e Pannella si regge su un sistema di finanziamento (lecito) ai partiti che prevede, tra l’altro, che chi corre alle elezioni abbia accesso ad un rimborso. Niente di male, di base: la politica non è un costo e ha i suoi costi. Il piccolo problema è che, come già per i “centri di spesa” a livello locale, questi “costi” crescono. Crescono oltre la misura necessaria, al punto che nel 2005, a fronte di 80 milioni di euro spesi dall’insieme dei candidati, lo Stato rimborsò alle liste oltre 200 milioni di euro. I Radicali sono intrinseca- mente estranei a tutto questo. Che contestano. E siamo sicuri che, qualora venissero eletti, Emma in Lazio, Pannella in Campania e Cappato in Lombar- dia farebbero in modo che a livello amministrativo gli sprechi venissero ridotti di molto. Perché, allora, non cominciare rinunciando a tutti o ad una parte dei rimborsi elettorali previsti per la partitocrazia? Il giornale della politica italiana, con il suo editorialista e volto di Red, pone la questione e sfida Bonino e Pannella ad una risposta su questo tema. Sentiamo. Read more

Diario politico. Ufficiale: si sta svegliando il Pd. «Il processo breve? Uno scempio»

gennaio 20, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Ginevra Baffigo. Al Senato si discute del provvedimento che limita i tempi dei processi, compresi quelli passati, mandando di fatto al “macero” decine di procedimenti. I Democratici non solo non tentennano nell’opporre il loro “no”, ma danno vita ad una forma di protesta che dal singolare assume i caratteri di una rinascita. Come un mantra, ogni senatore che risponde ad Anna Finocchiaro legge prima il testo del pronunciamento della Corte europea dei diritti umani che respinge il ricordo presentato da Cesare Previti sulle presunte (e ora negate) violazioni subite nel corso del processo Imi-Sir; poi una dichiarazione con il “messaggio” da cui il titolo. Una reazione imprevista, un colpo di reni del Partito Democratico che già le scorse settimane aveva dato segni di risveglio. Un ritorno sugli scudi confermato dalla performance di Bersani a “Ballarò”. Nel diario, poi, le celebrazioni a Palazzo Madama per Craxi e di Napolitano per Borsellino (avrebbe compiuto settant’anni) e il messaggio del capo dello Stato ai magistrati impegnati nella lotta contro l’ndrangheta. Il racconto. Read more

L’analisi. Dopo le Regionali il Pdl si spaccherà di Luigi Crespi

gennaio 19, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Fini farà nascere una nuova forma- zione, alleata a Berlusconi ma distinta. Il voto sarà una battaglia di posizionamento. Vedi la piccola rivolta di “Libero” e de “il Giornale” (su cui il Politico.it tornerà nei prossimi giorni). Il giornale della politica italiana, dopo il pezzo di retroscena di ieri sulla giustizia (e in vista appunto di ulteriori “puntate”), continua la sua indagine sulle dinamiche interne al partito del premier. Verso questa possibile scissione. Di cui ci parla oggi il nostro editorialista numero uno.            Read more

Ecco: “stampa ad orologeria” su Vendola ‘Riportò qui un luminare’. Lui: ‘Che colpa’

gennaio 19, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Nella politica italiana di oggi possono accadere cose strane. La prima: che una vicenda vecchia di mesi torni alla ribalta proprio nella settimana in cui il suo protagonista, il presidente della Puglia, affronta la consultazione del centrosinistra per la scelta del candidato alle Regionali di marzo. Contro Francesco Boccia, l’uomo di D’Alema. La seconda: che questa vicenda consista in presunti favori utili a far sì che uno scienziato di fama mondiale potesse tornare ad operare nel nostro Paese. Una storia che puzza di bruciato comunque la si guardi, e che del resto viene subito stigmatizzata da Vendola: «Non mi risulta di essere indagato per questo e sarebbe una vergo- gna». Ci racconta tutto Dario Ballini. Read more

Strano caso degli ex Psi oggi al governo Si può essere socialisti e stare a destra?

gennaio 19, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Brunetta, Sacconi, Cicchitto. Ma anche Bonaiuti e Giulio Tremonti. Socialisti di ieri, qualcuno dice: ancora oggi. Ministri (o autorevoli esponenti) dell’esecutivo e della maggioranza più a destra nella storia della Repubblica. Una contraddizione, più o meno apparente, che il giornale della politica italiana prova oggi a spiegare. Senza false certezze, e of- frendo sin da ora ai diretti protagonisti la possibilità, su questa stessa tribuna, di replicare, circostanziare, farci capire. Meglio. Buona politica con il Politico.it. Read more

Diario politico. Craxi, Napolitano scrive alla famiglia: “Subì durezza senza eguali”

gennaio 18, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La prima firma è Carmine Finelli. Il presidente della Repubblica nel decennale della morte: «Lasciò un’impronta incancellabile, tra luci ed ombre». La figlia Stefania: «Verso una riconciliazione che auspico». Oggi è anche il giorno in cui riparte il processo Mediaset nei confronti del presidente del Consiglio. Ghedini chiede il rinvio sulla base della sentenza della Consulta per la quale la maggioranza scelse di soprassedere, giorni fa, sul decreto blocca-processi; i giudici di Milano lo negano. Arriva intanto l’ufficializzazione della candidatura Pdl alla presidenza della Regione Campania: e Stefano Caldoro, ex ministro per l’Attuazione del programma nel Berlusconi ter, se la vedrà presumibilmente col Democratico De Luca. In pista, come anticipato dal nostro giornale, anche Marco Pannella per Radicali e socialisti riuniti in una nuova lista. Il racconto.            Read more

La lettera. Caro Brunetta, eravate voi “bamboccioni” di P. Calorenne

gennaio 18, 2010 by Redazione · 2 Comments 

E’ la coordinatrice nazionale dei giovani dell’Italia dei Valori. Dalle colonne del giornale della politica italiana si rivolge al ministro della Pubblica amministrazione che nei giorni scorsi aveva (provocatoriamente) lanciato la proposta di una legge che obbligasse i giovani a lasciare la famiglia (ovvero sia la casa dei genitori) a 18 anni. Calorenne invita Brunetta a prendere atto delle condizioni in cui sono costretti a muoversi i ragazzi di oggi e, evitando «facili generalizzazioni», a dare semmai loro una risposta, politica. Ascoltiamo. Read more

Braccio di ferro nel Pdl sulla giustizia. Ma anche l’opposizione è divisa. Retroscena

gennaio 18, 2010 by Redazione · 1 Comment 

I processi di Berlusconi. E’ questo il tema dominante di queste prime settimane di nuovo anno per la politica italiana. Le Regionali promettono una tregua fino ad un certo punto, specie se nel Pdl dovesse prevalere la linea dei falchi, che spingono per trovare soluzioni subito. Il “no” dei giudici di Milano alla richiesta di rinvio del dibattimento su Mediaset, arrivato stamane, potrebbe riportare sul tavolo anche il per ora abortito “blocca processi”. Falchi e colombe nel partito del premier, dunque, trattativisti e oltranzisti tra i Democratici. Il giornale della politica italiana vi racconta gli scontri e le divisioni sotterra- nee nei due partiti maggiori, intorno al tema giustizia (ad personam). La firma è di Pietro Salvatori.            Read more

La richiesta di ‘perdono’ (mancata) su Pio XII. Tra Ratzinger e Israele ora cala il gelo

gennaio 18, 2010 by Redazione · 1 Comment 

La visita di Benedetto XVI alla sinagoga di Roma. Sullo sfondo non solo la Shoah e i «silenzi (quelli di Pacelli) che pesano come macigni», ma anche questioni giuridiche e diplomatiche. Che vi raccontiamo. Peres: «Non c’è concordia totale ma ho rispetto per lui». In patria infuria la polemica. Ce ne parla, come sempre, la nostra Désirée Rosadi. Read more

L’esclusiva. Torna Rosa nel Pugno E Pannella candidato. Contro il Pd

gennaio 17, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

il Politico.it è in grado di svelarvi i contenuti di un accordo tra Radicali e socialisti per dare vita, alle Regionali, ad una lista che ricorda in tutto e per tutto quella presentata (senza troppo successo) alle politiche del 2006. Ma il piatto forte è un altro: in Campania il vecchio Marco sarebbe pronto a correre contro il (probabile) candidato Democratico e attuale sindaco di Salerno De Luca. Nonostante l’accordo nel Lazio con la Bonino. Come a dire: i Radicali cambiano il pelo (le forme delle loro battaglie) ma non il vizio… Una soluzione che, se confermata, non mancherà di scatenare un putiferio. Ma gli “strateghi” di Torre Argentina: Pannella toglierebbe voti non al Pd ma a Caldoro e al centrodestra… Ci racconta tutto il volto di Red e grande firma di E Polis e del giornale della politica italiana. Solo su il Politico.it. Read more

Il ritratto del personaggio della settimana SERGIO MARCHIONNE di Luca Lena

gennaio 16, 2010 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il giornale della politica italiana vi racconta ogni giro di boa settimanale il protagonista de, appunto, gli ultimi sette giorni. Il nostro vicedirettore individua le linee-forza che dalle origini del personaggio innervano tutto il suo percorso professionale. Le sue scelte. Scegliere è il mestiere, duro, dell’amministratore delegato della Fiat. Che questa settimana ha confermato che «Termini Imerese non farà più auto». Il che significa posti di lavoro in meno. Altre persone senza più un impiego. Un terremoto, a suo modo, che in altri momenti sarebbe rimasto per giorni al centro delle cronache e che un altro, terremoto, purtroppo, questa settimana ha mandato in secondo piano. Ma il nostro compito è stare sulla nostra, attualità. Raccontare il Paese. Se possibile fornire qualche chiave di lettura (anticipata) per il futuro. Vicini alle persone che rimarranno a casa per la “chiusura” dello stabilimento siciliano, vi portiamo nella real politik (aziendale) dell’italiano trapiantato (da ragazzo) in Canada, da dove ha cominciato il suo cammino verso il Lingotto. La firma, appunto, come sempre, è di Luca Lena. E qui Marchionne illustrato come ogni settimana da Pep Marchegiani.            Read more

Pagina successiva »

Bottom