Top

Regionali 2010, analisi Crespi Ricerche /3 Calabria, Pd e Pdl tirano per giacca l’Udc

dicembre 22, 2009 di Redazione 

Il partito di Casini sarà decisivo per la sfida tra il governatore uscente Loiero, accreditato del 48%, e il sindaco di Reggio Scopelliti avanti ma di poco. E’ curioso come entrambi i coordinatori regionali si dicano sicuri dell’alleanza con i centristi. Ma l’ex presidente della Camera avverte: «Scioglieremo la riserva dopo l’Epifania e per qualcuno ci saranno doni, per altri del carbone». di LUIGI CRESPI

Nella foto, il candidato del centrodestra Giuseppe Scopelliti

-

di LUIGI CRESPI

La preparazione alle Regionali è ancora molto complessa al sud Italia e tutto ruota intorno alle trattative con l’Udc che, anche in Calabria, sta ancora decidendo se allearsi con il Partito Democratico oppure con il Popolo della Libertà e quindi fungere da autentico ago della bilancia. Proprio in Calabria il Pdl, intanto, ha formalizzato la candidatura del sindaco di Reggio, Giuseppe Scopelliti che ha dalla sua un confortante 52% nelle rilevazioni pre-elettorali.

Agazio Loiero, invece, è il favorito nella corsa interna al centrosinistra e i sondaggi lo vedono accreditato di un buon 48%. La sfida è dunque ad accaparrarsi proprio le simpatie dell’Udc e il vicecoordinatore vicario del Pdl calabrese, Antonio Gentile è chiaro.

“Siamo certi che l’Udc e le forze del riformismo cattolico e laico convergeranno su questa rivoluzione moderata. Siamo aperti al contributo di tutti, senza alcuna preclusione se non quella riservata ai fautori di un continuismo che da noi non troverà ospitalità”.

Ma dello stesso avviso è anche il Pd. “Dobbiamo dare vita ad una nuova alleanza di governo – dice il segretario regionale Carlo Guccione – Questa è una cosa che si ritiene strategica per l’apertura di una nuova fase che dia speranza e prospettiva allo sviluppo ed alla crescita dei nostri territori. Cerchiamo un’intesa con l’Unione di Centro considerate le continue scelte di abbandono e di penalizzazione del Governo nazionale nei confronti della Calabria e dell’intero Mezzogiorno. La proposta – continua il comunicato – è rivolta alla ricerca di avanzate convergenze politico-programmatiche”.

(3 – continua)

LUIGI CRESPI

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom