Top

Fantapolitica. Di Pietro arrestato come mandante di Franco Laratta

dicembre 16, 2009 di Redazione 

L’on. Di Pietro è stato arrestato. E’ lui il mandante dell’aggressione a Berlusconi. Arrestati anche, per associazione a delinquere di stampo mafioso, E. Mauro, Scalfari, Santoro, Travaglio, le redazioni di Annozero, Repubblica, Unità, il Fatto. Ridotto l’utilizzo di Internet alle sole banche ed uffici pubblici. Spento Facebook e i giornali on line. Inoltre, per disposizione del Presidente del Consiglio e solo “per ragioni di sicurezza, al fine di garantire l’incolumità della sua persona, Il presidente della Repubblica non potrà lasciare il Quirinale per nessuna ragione”. Sempre per motivi di sicurezza, anche per evitare attentati, Camera e Senato della Repubblica non saranno convocati fino al 30 giugno 2012. [...]  *L’autore è deputato del Pd

Nella foto, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

-

di FRANCO LARATTA*

L´on. Di Pietro è stato arrestato. E´ lui il mandante dell´aggressione a Berlusconi. Arrestati anche, per associazione a delinquere di stampo mafioso, E. Mauro, E. Scalfari, Santoro, Travaglio, le redazioni di Annozero, Repubblica, l’Unità, il Fatto. Ridotto l´utilizzo di Internet alle sole banche ed uffici pubblici. Spento Facebook e i giornali on line. Chiuse tutte le trasmissioni di approfondimento di Raitre, definita “un covo di estremisti”. Vietati i cortei per tutto l´anno – tranne il 15 di agosto -, sospese tutte le manifestazioni politiche. Esplulsi tutti gli immigrati, con o senza permesso di soggiorno. Sciolta Idv, sospesa l’attività della CGil.

Il Governo, al rientro in attività del presidente Berlusconi dopo il vile e atroce attentato che lo ha paralizzato in vita, opere e attività per almeno 36 ore, ha preso queste decisioni nel corso di una riunione svoltasi alla presenza del Primo Presidente della Corte di Cassazione che ha controfirmato i decreti urgenti.

Molte le decisioni prese dal governo con decreto legge. Tra le altre, per disposizione del Presidente del Consiglio e solo “per ragioni di sicurezza, al fine di garantire l´incolumità della Sua persona, il presidente della Repubblica non potrà lasciare il Quirinale per nessuna ragione”. Al Capo dello Stato, sempre per ragioni di sicurezza, sono state tagliate le linee telefoniche e disattivata l’antenna satellittare del Quirinale. Palazzo Chigi ha tenuto a precisare che il Presidente sta bene e gode di buona salute. Sempre per motivi di sicurezza, anche per evitare attentati di cellule eversive vicine alla sinistra comunista e ad Al Qaeda, Camera e Senato della Repubblica non saranno convocati fino al 30 giugno 2012. Il Presidente della Camera, per garantirgli la massima sicurezza, è stato condotto in un luogo segreto, pare nei pressi di Castel sant´Angelo in Roma, il cui uso è stato concesso gentilmente dalla Santa Sede al Governo italiano.

Il Consiglio superiore della Magistratura è stato sciolto. I magistrati italiani sono stati collocati per metà in ferie obbligatorie sine die, in prepensionamento la restante parte. La giustizia, per disposizione del Presidente del Consiglio, sarà amministrata ai cittadini
dall’Ordine della sicurezza e della legalità del Popolo della Libertà, un organismo autonomo e indipendente appena varato dal Governo. Annullati tutti i processi in corso. Dichiarata l’Immacolata Verginità della fedina penale del Presidente del consiglio, ‘uomo senza macchia e senza peccato’ (per come sarà scritto nella nuova Carta Costituzionale che sarà votata dal Consiglio dei ministri nella prossima riunione a Palazzo Grazioli).

Il Santo Padre, secondo quanto riferisce Palazzo Chigi, ha riconosciuto quale “Atto miracoloso, sicuramente avvenuto per mano divina, lo scampato pericolo di morte del presidente Berlusconi nel corso della violenta aggressione commessa da un gruppo terroristico a Milano. Il modellino del Duomo di Milano, utilizzato per colpire il presidente, sarà esposto a lato dell´Altare Maggiore della Basilica di San Pietro per la venerazione e le suppliche dei fedeli. Il sangue – circa mezzo litro – perduto dal presidente Berlusconi in seguito all´attentato, è stato recuperato in un contenitore di vetro, e sarà esposto in san Pietro quale reliquia miracolosa”! Il Governo italiano ha inoltre garantito al Paese sicurezza e tranquillità.

Nel Paese regna la calma. Il clima di odio è cessato.

FRANCO LARATTA*

*Deputato del Partito Democratico

P.s.: Per un errore è stato omesso il titolo della rubrica: “Fantapolitica e non solo”!

Commenti

5 Responses to “Fantapolitica. Di Pietro arrestato come mandante di Franco Laratta

  1. Mario on dicembre 16th, 2009 23.06

    Quando uscì “La vita è bella” molti contestarono il film perchè dissero che non si può ridere su tutto. Io ne fui invece entusiata (e andai a vederlo con persone ebree che lo erano altrettanto), perchè il film non solo fa ridere ma essendo un capolavoro riesce anche a denunciare la follia nazifascista razzista. Personalmente penso che si può ridere di tutto e si può ironizzare su tutto.
    Poi bisogna saperlo fare. Perchè ci sono alcuni modi di ironizzare che non sono accettabili. Tra questi.
    Ironizzare per sminuire una persona attraverso un difetto fisico (atto vile e deplorevole che di solito fanno solo i bambini bulli o che si atteggiano a essere bulli).
    Ironizzare per sminuire le responsabilità morali di un atto (se si ride magari non ci si ricorda che in qualche maniera sono colpevole)
    Qui siamo nel secondo caso confermato dal fatto che a scrivere è stato un deputato e non un elettore.

  2. Davide on dicembre 17th, 2009 01.09

    Se voleva far ridere non fa ridere e per fare il comico non ha che da mettersi in coda a Grillo, Travaglio, Di Pietro e compagnia starnazzante.

  3. mario on febbraio 5th, 2010 04.30

    Ha ha ha per un attimo ci ho creduto :) Cercavo “di pietro” e google mi ha suggerito “di pietro arrestato” e sono arrivato qui.
    Pore siano in molti che cercano quella frase.

  4. Renato on febbraio 5th, 2010 11.19

    Penso la “colpa” sia di Francesca Fornario che una sera, ad Annozero, ha parlato per prima dell’arresto di Di Pietro in uno dei suoi mirabili pezzi satirici. Qualcuno cerca la satira, qualcun altro non avrà capito che si tratta di questo… Sta di fatto che, probabilmente, da allora s’è scatenata la caccia a informazioni sull’”arresto” di Di Pietro…

  5. tarlo on febbraio 6th, 2010 14.54

    Spero che la notizia diventi da fantapolitica a veragiustizia.

Bottom