Top

Berlusconi aggredito. Il commento Solidarietà al premier di G. Lerner

dicembre 13, 2009 di Redazione 

Il conduttore de “L’Infedele”, spesso su posizioni critiche nei confronti del presidente del Consiglio, in una indiretta risposta a Di Pietro e a quanti nella maggioranza hanno accusato il centrosinistra ci spiega come possa essere pericoloso attribuire la responsabilità dell’aggressione allo stesso Berlusconi o all’opposizione. Sentiamo.

Nella foto, Gad Lerner

-

di GAD LERNER

Di fronte a un’aggressione violenta non può esservi alcun distinguo nella condanna del vile gesto e nella solidarietà a Silvio Berlusconi. Divergenze politiche e critiche di ogni genere passano in secondo piano. Parlavo di tintinnar di sciabole, nei giorni scorsi. L’ufficio di presidenza del Pdl aveva lasciato trapelare (e poi rettificato) un’allusione al clima di guerra civile. Contribuiamo tutti a spegnere l’incendio. Irresponsabile è chi attribuisce al premier la responsabilità indiretta dell’accaduto. Altrettanto pericolosa (e falsa) è l’attribuzione di un gesto compiuto da uno squilibrato in cura da dieci anni per problemi psichiatrici all’opposizione.

GAD LERNER

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom