Top

Ira del capo dello Stato per l’affondo del premier. Napolitano: ‘Un attacco violento’

dicembre 10, 2009 di Redazione 

Dura reazione del presidente della Repubblica alle parole di Berlusconi che a Bonn aveva sostenuto l’esistenza di un «partito dei giudici» che facendo sponda con la Consulta avrebbe minato la sovranità del Parlamento, come vi raccontiamo nel servizio a seguire. «Necessario uno spirito di leale collaborazione tra le istituzioni». Sentiamo.          

Nella foto, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi

-

di Francesco CAROSELLA

“In relazione alle espressioni pronunciate dal presidente del Consiglio in una importante sede politica internazionale, di violento attacco contro fondamentali istituzioni di garanzia volute dalla costituzione italiana, il presidente della repubblica esprime profondo rammarico e preoccupazione”.

Napolitano risponde duramente in un comunicato ufficiale diffuso dal Quirinale alle parole di Berlusconi contro giudici e Consulta nel corso del Popular Party Statutory Congress a Bonn.

“Il capo dello Stato continua a ritenere – prosegue il presidente della Repubblica – che, specie per poter affrontare delicati problemi di carattere istituzionale, l’Italia abbia bisogno di quello spirito di leale collaborazione e di quell’impegno di condivisione che pochi giorni fa il senato ha concordemente auspicato”.

Francesco Carosella

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom