Top

***La previsione***
IL FUTURO DELLA POLITICA ITALIANA
di GAD LERNER

dicembre 5, 2009 di Redazione 

Il giornale della politica italiana è il giornale di tutto il Paese. Non avrebbe ovviamente mai potuto soltanto simpatizzare per una manifestazione fortemente di parte quale il No Berlusconi day di oggi. Ma anche qualora non ci fosse stato il problema dei contenuti, ci sarebbe stato quello delle modalità: questo giornale ha l’ambizione di contribuire a comprendere i fenomeni e a delineare una proposta per il futuro. Nel giorno dunque in cui il “popolo dei blog” scende in piazza per tentare di accelerare la caduta del presidente del Consiglio, e la fine dell’era Berlusconi, con un muro, però, a separare i pensieri e la piattaforma di questa piazza da qualsivoglia visione e proposta per il domani, noi ci fermiamo invece a pensare e cerchiamo di capire cosa verrà dopo. Lo facciamo con il conduttore de L’Infedele, che delinea uno scenario altrimenti difficilmente prevedibile, ma che la lucidità di Lerner rende credibile e forse anche probabile. Buona visione.

Nella foto, Gad Lerner

-

di GAD LERNER

La prossima spaccatura della destra italiana sarà geografica e di rappresentanza sociale, più che personale.

Il dopo-Berlusconi vedrà Tremonti candidato da una Lega pigliatutto al Nord e protesa nella raccolta delle pulsioni antipolitiche lungo tutta la penisola, in quanto vera erede del berlusconismo. A lei Gianfranco Fini cercherà di contrapporre un movimento collegato al Partito Popolare Europeo, una destra più istituzionale. Il terzo incomodo, il Partito Democratico, rischia la marginalità in questa nuova forma di bipolarismo. Non c’è limite al peggio, il dopo-Berlusconi si annuncia prossimo ma non necessariamente liberatorio.

GAD LERNER

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom