Top

Consigliere Pdl: intitolare strada di Roma a mamma Rosa A. Sarubbi

dicembre 2, 2009 di Redazione 

Motivazione: ha messo al mondo e cresciuto il Cavaliere, sostenendo- lo nella sua scelta di “scendere in campo”, e così facendo ha segnato (in positivo) gli ultimi sedici anni della storia del nostro Paese. La proposta è subito diventata oggetto/soggetto di gruppi e altre iniziative (ironiche) su Facebook. Il giornale della politica italiana vi racconta, e analizza, una vicenda che al di là del folklore parla del modo in cui una parte degli «augustales» (più o meno vicini) del presidente del Consiglio concepisce la sua figura e le stesse nostre istituzioni. Lo fa con il deputato del Partito Democratico come sempre fedele alla sua vocazione originale. il Politico.it è l’unico grande quotidiano a poter contare sulle collabotazioni e sui contributi quotidiani degli stessi protagonisti della nostra politica. Da non perdere. Sentiamo.

Nella foto, Silvio Berlusconi con la madre

-

di ANDREA SARUBBI*

Il testo che state per leggere – scrive su Facebook Paolo Masini, brillante consigliere comunale del Pd a Roma – non è tratto dalla sceneggiatura della prossima tournée di Benigni.

PREMESSO
- che nel febbraio 2008 si è spenta Rosa Bossi Berlusconi, madre del presidente del Consiglio dott. Silvio Berlusconi ed esempio di moglie e madre modello, il cui grande senso di responsabilità l’ha portata ad essere fortemente dedita alla famiglia, al marito Luigi Berlusconi, ai tre figli e ai nipoti;
- che Rosa Bossi Berlusconi è stata esempio di cristiana devota, i cui sentimenti di umana solidarietà l’hanno sempre avvicinata con estrema sensibilità ai problemi della gente e dei cittadini, non solo negli anni dell’impegno politico del primogenito Silvio;
- che la signora Berlusconi è stata una donna-patriota, che ha creduto nello stato come organo che persegue il bene comune, dell’intera comunità e non di un gruppo a detrimento delle legittime esigenze degli altri;
CONSIDERATO
- che la signora Rosa, da cristiana credente, ha riportato nella società i valori che rispecchiano i modelli di madre e donna;
- che in un momento di grande cambiamento, caos e confusione dell’Italia ha sentito per prima il richiamo al dovere e con grande senso di responsabilità di madre e cittadina ha partecipato, incoraggiando e determinando una scelta importante, quella della discesa in campo del primogenito. Una scelta che ha “scritto” 16 anni ad oggi della nostra storia, dando spazio a una nuova forma di politica mirante al sociale e al protagonismo fattivo dei giovani;
- che il principio di democrazia si esplica attraverso la libera condivisione di ideali e valori nel rispetto del prossimo. I cittadini italiani hanno sostenuto la scelta per prima riconosciuta e determinata dalla signora Rosa, avvertita dalla stessa in un momento di bisogno nazionale, e da Lei medesima supportata nonostante i rischi familiari che ne derivavano;
- che è necessario mantenere in vita i protagonisti comuni che hanno fatto la nostra Storia attraverso scelte semplici, coraggiose e responsabili con il ricordo cittadino;
SI CHIEDE
Al Sindaco che Roma Capitale dedichi una piazza o una strada al nome di questa grande ma semplice donna, che con il suo coraggio materno indirizzato alla volta del figlio come del Paese ha determinato il corso dell’ultima Storia d’Italia.

Appena avrete smesso di ridere, parliamone. Perché a me questa vicenda della mozione presentata in Campidoglio da alcuni consiglieri del Pdl fa venire in mente Sant’Elena, madre di Costantino: anche lei passata alla storia, ma almeno – a differenza di mamma Rosa – ebbe il merito di trovare, così dicono le cronache, i frammenti della croce di Cristo. Mamma Rosa, invece, ha solo il merito di aver messo al mondo l’imperatore e di averlo cresciuto come si cresce un figlio, e di averlo accompagnato nel momento delle scelte. Dice bene il procuratore Trifuoggi, nel fuorionda con Fini: il nostro uomo ha sbagliato epoca, doveva nascere un paio di millenni prima. Ed hanno sbagliato epoca anche i suoi fedelissimi, che sarebbero stati degli ottimi augustales: così si chiamavano gli addetti al culto imperiale, gli organizzatori dei giochi e delle cerimonie in onore dell’imperatore divinizzato, che inizialmente doveva essere defunto ma poi – per non scontentare il vivente – si decise di non far più caso al dettaglio. Ecco, allora l’anomalia vera della politica italiana in questo momento: il fatto, cioè, che ciò che resta (l’istituzione) venga messo in secondo piano da ciò che passa (l’uomo che ricopre quella carica). E che tutto giri intorno a quell’uomo, semidio o tiranno a seconda dei punti di vista, e che se non fai parte degli augustales sei automaticamente un cospiratore. Come il presidente della Camera, appunto.

ANDREA SARUBBI*

*Deputato del Partito Democratico

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom