Top

Domani è il giorno della Colletta Alimentare. Fare la spesa anche per chi non la può fare

novembre 27, 2009 di Redazione 

di Marco FATTORINI

L’iniziativa di solidarietà prenderà luogo l’ultimo sabato di novembre in oltre 7600 supermercati italiani. 100.000 volontari inviteranno le persone a donare alimenti non deperibili che saranno distribuiti a circa 1,3 milioni di indigenti

La Colletta Alimentare, organizzata dalla Fondazione Banco Alimentare, è giunta alla sua tredicesima edizione. Sabato 28 novembre infatti oltre 7600 supermercati d’Italia ospiteranno più di 100mila volontari che inviteranno le persone a “fare la spesa” per i più poveri, donando qualche prodotto (cibi non deperibili) e inserendolo nel sacchetto giallo che sarà distribuito all’entrata dei negozi proprio dai volontari della Colletta, riconoscibili per via della pettorina che indosseranno.
L’iniziativa benefica, che l’anno passato ha raccolto 8970 tonnellate donate da oltre 5 milioni di italiani, ha l’obiettivo di sensibilizzare ancora di più le persone a questo gesto di carità e alla condivisione dei bisogni di chi è in difficoltà.

I prodotti alimentari che si possono donare sono preferibilmente olio, omogeneizzati e alimenti per l’infanzia, tonno e carne in scatola, pelati e legumi in scatola. Il cibo raccolto sarà poi distribuito a circa 1,3 milioni di indigenti attraverso gli 8.000 enti convenzionati con la rete Banco Alimentare, si tratta perlopiù di mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza ecc.
La giornata della Colletta Alimentare gode dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, del patrocinio del Segretariato Sociale della Rai e della Giornata Mondiale dell’Alimentazione e si avvale della collaborazione di migliaia di volontari, giovani e anziani, in tutta la penisola.

Partecipare è facilissimo: basta recarsi nei supermercati che aderiscono all’iniziativa (sono 7600) e mettere nel sacchetto giallo consegnato dai volontari alcuni prodotti a scelta del cliente tra quelli segnalati dai volontari stessi. Per chi poi volesse aderire alla giornata come volontario è possibile chiamare lo 02.896.584.50 oppure visitare il sito www.bancoalimentare.it.
Un gesto semplice, elementare ma estremamente importante, a maggior ragione in un momento di crisi economica e povertà che colpisce sempre più famiglie in Italia e nel mondo. A dimostrarlo c’è, tra l’altro, un’indagine realizzata dalla Fondazione per la Sussidiarietà secondo la quale sono più di 3 milioni in Italia le persone che faticano ad acquistare cibo a sufficienza.

Marco Fattorini

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom