Top

Offerto video hard con Mussolini e Fiore il Giornale: “Imbarbarimento nauseante”

novembre 27, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

«Quando si stappa l’ampolla dei veleni…», scrive il quotidiano di Feltri. Peccato che, dal caso Boffo a Fini, sia stato proprio il giornale della famiglia Berlusconi a mandarla in frantumi. «Il video è stato proposto anche a noi. Abbiamo risposto che no – è fermo il Giornale – non ci interessava nemmeno visionarlo». Oggi la denuncia del possibile ricatto. Da parte del Giornale. Che spara a tutta pagina la foto della Mussolini raccontando della vicenda hard. Il giornale della politica italiana vi racconta il caso. Con una vignetta di theHand. All’interno. Read more

Napolitano a Berlusconi e Anm: ‘Nessuno può abbattere il Governo. Basta tensioni

novembre 27, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Autorevole monito del capo dello Stato che invita (indirettamente) il premier a «non drammatizzare» e i giudici ad «attenersi alla loro funzione». Insomma, a non polemizzare. La risposta di Palamara: «Parole giuste, ma se ci attaccano vogliamo poter parlare». Unanime coro di consensi da tutto l’arco costituzionale. Fini: «Da condividere in toto». Bossi: «Giusto, stare più tranquilli». Bersani: «Tutti devono corrispondervi». «Il presidente della Repubblica conferma di essere superpartes», dicono dal centrodestra. E come ci rivelano periodicamente i sondaggi del nostro Luigi Crespi Napolitano è sempre più nel cuore degli italiani. Tutti. Il servizio di Francesco Carosella. Read more

L’editoriale. Minacce a Schifani da mafia di Reggio E. di A. Torchiaro

novembre 27, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il volto di Red e grande firma del giornale della politica italiana ana- lizza il caso della lettera minatoria giunta al presidente del Senato dalla cittadina emiliana. Mafia che dunque ha messo le radici anche nella bassa, scrive Torchiaro. Un fenomeno dovuto forse alla destinazione nelle carceri di alcuni boss, ipotesi che resta tale in quanto la collocazione dei mafiosi è segreta. Fenomeno che comunque comincia ad intrecciare e a contaminare, inevitabilmente, il tessuto economico locale. Un pezzo da non perdere. Read more

La riflessione. Io, cattolico Pd, vi dico la mia su Ru486 di A. Sarubbi

novembre 27, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il giornale della politica italiana è il giornale del dialogo, inteso nel suo senso più alto. Dialogo non come occasione per accordicchi tra maggioranza e opposizione, ma come momento di ascolto e di confronto e quindi di unità di fondo alla ricerca, se possibile, di soluzioni alte e condivise per il bene del Paese. Dialogo non può che essere, per il Politico.it, la parola chiave nel confronto tra laici e cattolici. E ciò è possibile a maggior ragione in un momento in cui questa “divisione” (che mettiamo tra virgolette proprio nella speranza che resti solo sul piano nominale, sulla carta) è trasversale nella politica italiana. Interessa particolarmente a questo giornale, dunque, indagare le ragioni degli uni e degli altri e in particolare mettere in luce le posizioni della “terra di mezzo” della politica dell’etica in Italia: «i laici del Pdl e i cattolici del Pd», che per la commistione tra la sensibilità etico-(non) religiosa, appunto, e quella politica, oltre che per l’appartenenza a parti che hanno nella seconda una spiccata caratterizzazione da una parte o dell’altra per ciò che riguarda i temi toccati dalla prima, sono non solo i più naturali fautori di quel dialogo e di quella condivisione ma anche i portatori, forse, della posizione che più di tutte può, oggi, fare bene all’Italia. In questa chiave ecco l’ennesima, bellissima riflessione del deputato del Partito Democratico ed ex conduttore del programma di Raiuno “A sua immagine”. Un grande modo per cominciare la giornata sul giornale della politica italiana. Buonissima lettura.
Domani la Colletta Alimentare di M. FATTORINI Read more

Domani è il giorno della Colletta Alimentare. Fare la spesa anche per chi non la può fare

novembre 27, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

di Marco FATTORINI

L’iniziativa di solidarietà prenderà luogo l’ultimo sabato di novembre in oltre 7600 supermercati italiani. 100.000 volontari inviteranno le persone a donare alimenti non deperibili che saranno distribuiti a circa 1,3 milioni di indigenti

La Colletta Alimentare, organizzata dalla Fondazione Banco Alimentare, è giunta alla sua tredicesima edizione. Sabato 28 novembre infatti oltre 7600 supermercati d’Italia ospiteranno più di 100mila volontari che inviteranno le persone a “fare la spesa” per i più poveri, donando qualche prodotto (cibi non deperibili) e inserendolo nel sacchetto giallo che sarà distribuito all’entrata dei negozi proprio dai volontari della Colletta, riconoscibili per via della pettorina che indosseranno.
L’iniziativa benefica, che l’anno passato ha raccolto 8970 tonnellate donate da oltre 5 milioni di italiani, ha l’obiettivo di sensibilizzare ancora di più le persone a questo gesto di carità e alla condivisione dei bisogni di chi è in difficoltà.

I prodotti alimentari che si possono donare sono preferibilmente olio, omogeneizzati e alimenti per l’infanzia, tonno e carne in scatola, pelati e legumi in scatola. Il cibo raccolto sarà poi distribuito a circa 1,3 milioni di indigenti attraverso gli 8.000 enti convenzionati con la rete Banco Alimentare, si tratta perlopiù di mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza ecc.
La giornata della Colletta Alimentare gode dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, del patrocinio del Segretariato Sociale della Rai e della Giornata Mondiale dell’Alimentazione e si avvale della collaborazione di migliaia di volontari, giovani e anziani, in tutta la penisola.

Partecipare è facilissimo: basta recarsi nei supermercati che aderiscono all’iniziativa (sono 7600) e mettere nel sacchetto giallo consegnato dai volontari alcuni prodotti a scelta del cliente tra quelli segnalati dai volontari stessi. Per chi poi volesse aderire alla giornata come volontario è possibile chiamare lo 02.896.584.50 oppure visitare il sito www.bancoalimentare.it.
Un gesto semplice, elementare ma estremamente importante, a maggior ragione in un momento di crisi economica e povertà che colpisce sempre più famiglie in Italia e nel mondo. A dimostrarlo c’è, tra l’altro, un’indagine realizzata dalla Fondazione per la Sussidiarietà secondo la quale sono più di 3 milioni in Italia le persone che faticano ad acquistare cibo a sufficienza.

Marco Fattorini

Bottom