Top

Verso le Regionali. Sondaggi di Crespi/2 Lazio, Polverini a +10 su Veltroni/Marino

ottobre 28, 2009 di Redazione 

Il grande sondaggista ci spiega come il caso Marrazzo nella regione abbia fatto perdere al Pd ben cinque punti percentuali, riportandolo sotto il 30 per cento. E se prima era il centrodestra a dover lanciare la sfida, ora sono i Democratici e i loro alleati a dovere inseguire. Le due possibili candidate del Pdl (oggi Berlusconi ha promosso decisamente la sindacalista, bocciando contemporaneamente l’ipotesi di far votare il Lazio in un momento diverso dal resto del Paese) entrambe sopra il 40 per cento; l’ex sindaco di Roma e il senatore-chirurgo accreditati contro di loro di una decina di punti percentuali in meno, qualcosa meno per Veltroni dato leggermente più competitivo. Capiamo dunque come può andare la sfida in una delle regioni-chiave della prossima tornata elettorale in questa seconda puntata del viaggio nelle Regionali di marzo di Crespi Ricerche per il Politico.it. E a margine, la Calabria: Scopelliti verso la vittoria di L. CRESPI

Nella foto, la leader dell’Ugl Renata Polverini

Il blog di Luigi Crespi all’indirizzo http://luigicrespi.clandestinoweb.com

-

di LUIGI CRESPI

Era il 15 di settembre quando abbiamo fatto il primo sondaggio per le regionali occupandoci proprio del Lazio: poco più di un mese fa la nostra principale curiosità era quella di capire quale dei possibili nomi di candidati del centrodestra avrebbero avuto le migliori chances per affrontare le prossime elezioni contro Marrazzo e strappare la regione al centrosinistra.

Oggi Marrazzo coinvolto in una bufera che lo ha costretto alle dimissioni non è ovviamente più un’opzione possibile per il centrosinistra e allora abbiamo praticamente ricominciato da capo, ma a parti invertite, verificando notorietà e fiducia di possibili nomi del centrosinistra che dovrebbero sfidare la Meloni o la Polverini.

Da un punto di vista politico i dati in questo momento di maggiore interesse, al di là del toto candidati, sono le intenzioni di voto per quanto riguarda i partiti dove il PD che stava cominciando a recuperare qualche cosa in termini di consensi è ripiombato indietro di ben 5 punti rispetto all’ultimo sondaggio.

Si tratta di dati che risentono fortemente dell’emozione del momento perché rilevati proprio nel pieno dello scandalo Marrazzo.

Forse la settimana prossima, quando la sabbia si sarà posata e ripeteremo il sondaggio, potremmo trovarci di fronte a ulteriori cambiamenti.

LUIGI CRESPI

-

Le tabelle

 

 

-

-

-

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom