Top

Già oltre 1 milione di voti alle primarie Pd Alle 13. Marino: “E’ +20% rispetto al 2007

ottobre 25, 2009 di Redazione 

Una bella giornata di democrazia. E la prova che il popolo del centrosinistra è vivo. E aspetta, ora, solo un segnale dai propri vertici, anzi, prova a darlo loro con il voto di oggi che deciderà il prossimo segreta- rio del Partito Democratico. Un’affluenza che, secon- do le stime, alle 20, l’ora in cui i seggi verranno chiusi, potrebbe sfiorare i 4 milioni. E in questo quadro l’esito delle primarie torna completamente in discussione: qualunque potrebbe essere il verdetto che esce dalle urne. Salgono le quotazioni di France- schini, che in mattinata incassa la dichiarazione di voto di Nanni Moretti. Il racconto di questa prima parte di giornata nel servizio di Francesco Carosella.

Uno “scatto” dai seggi

-

di Francesco CAROSELLA

Ormai un milione di persone si è già riversato nei 9.800 seggi delle primarie in questa prima parte della giornata del Pd. Code in tutta Italia, per decidere chi tra Pierluigi Bersani, Dario Franceschini e Ignazio Marino sarà il nuovo segretario del Partito democratico. 70 mila i volontari al lavoro nei seggi, che saranno aperti fino alle 20. E’ possibile votare anche per i sedicenni muniti di carta di identità, per gli stranieri con permesso di soggiorno e per i cittadini europei residenti in Italia. In tarda serata, intorno alle 24, il partito sarà già in grado di comunicare i risultati ufficiosi dello scrutinio per i segretari nazionali, mentre per quelli regionali si dovrà attendere la mattinata di domani.

Si può votare versando due euro, presentando un regolare documento di identità e il certificato elettorale. Si vota su due diverse schede: la prima, azzurra, per il segretario e l’assemblea nazionale, e la seconda, di colore rosa, per il segretario e l’assemblea regionale. Una sola lista senza preferenze.

Affluenza che sembra soddisfare pienamente il coordinatore della mozione Franceschini, Piero Fassino: “Una partecipazione straordinaria, una bella giornata per la democrazia, una prova di vitalità e forza del Pd”. “A poche ore dall’apertura dei seggi – prosegue l’ex leader dei Ds – ovunque si registrano file piene di cittadini, a conferma di quanto le primarie siano strumento prezioso per coinvolgere gli elettori, dar loro voce e rendere manifesta la volontà di quanti vogliono battersi per un’alternativa politica alla destra”.

Arriva a sorpresa in mattinata l’endorsement di Nanni Moretti ai microfoni di Sky TG24: “Voterò Franceschini”. Non intende rilasciare altre dichiarazioni sulla sua preferenza il regista: “Andrò a votare perchè sono un tifoso delle primarie”. Giunge la risposta di Franceschini su Twitter: “Grazie Nanni! Prometto che dirò qualcosa di sinistra…”.

A mezzogiorno si rileva un’alta affluenza alle urne in Sicilia, “un afflusso superiore alle previsioni”, comunica il responsabile della consultazione elettorale nell’isola, e in Liguria, dove si sono dovute stampare 23 mila schede in più per consentire il voto del pomeriggio.

Tra tante notizie positive, per i Democratici, anche qualche brutta ombra: si apprende all’ora di pranzo che in mattinata è stato trovato un caricatore di pistola vuoto con minacce all’europarlamentare Debora Serracchiani, candidata alla segreteria regionale del Pd del Friuli Venezia Giulia, in un seggio a Trieste. La Digos della questura ha già concentrato le indagini su un pregiudicato triestino che si sarebbe già reso protagonista di episodi analoghi in passato.
Immediata risposta di solidarietà di Franceschini che ha subito telefonato alla Serracchiani: “Si tratta di un fatto gravissimo che condanniamo con forza”.

Episodio di rissa sfiorata a Massa, dove il presidente del seggio ha impedito alla scrutatrice di consegnare al sindaco Roberto Pucci le schede elettorali. I due, offesi a vicenda stavano per venire alle mani quando le forze dell’ordine li hanno separati ed hanno invitato il sindaco a lasciare il seggio.
A Messina arriva la denuncia di due candidati regionali per la mozione Bersani, Giuseppe e Francesca Natoli: “Alcuni esponenti del circolo che sostiene Dario Franseschini e il candidato alla segreteria regionale Giuseppe Lupo, pagano la prevista quota di due euro agli elettori”.

Ma l’andamento della prima parte della giornata è comunque positivo. Bersani: “Credo che le primarie abbiano risvegliato la nostra gente e consolidato la convinzione che noi siamo la normalità. In tutti i Paesi democratici ci sono partiti che discutono, in trasparenza, sul proprio futuro e sui propri vertici; solo noi in Italia abbiamo un partito con un padrone, ma è quella l’eccezione, noi siamo la regola, non facciamo i congressi per risolvere le nostre ‘beghe’, ma perchè pensiamo che nei partiti deve regnare la democrazia ed il confronto”.

Anche Marino commenta positivamente i dati dell’affluenza: “Oltre 876mila persone hanno già votato alle primarie del Pd alle 11.30: nel 2007 erano solo 600.000, un 20% di votanti in più quest’anno che rappresenta un dato straordinario”.

Hanno votato online dagli Stati Uniti Romano Prodi e sua moglie Flavia Franzoni, accedendo al servizio web messo a disposizione dall’organizzazione del Pd per gli iscritti e gli elettori temporaneamente residenti all’estero.

Francesco Carosella

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom