Top

Ipotesi voto, oggi vincerebbe Berlusconi Sondaggio Crespi, fiducia: su Napolitano

ottobre 6, 2009 di Redazione 

Ultimo rilevamento di Crespi Ricerche sul giornale della politica italiana. Pdl e Pd crescono entrambi di 1% ma stando così le cose la differenza (+12% per il Popolo della Libertà) rimane invariata. Lega in lieve ribasso (-1) ma comunque sopra il 10%, crollo Idv (dall’8% al 6%) dopo gli attacchi di De Magistris e Di Pietro al presidente della Repubblica. Concorre al calo anche il debutto del movimento di Grillo che si attesta al 3%. Giù tutte le sinistre; stabili Mpa, La Destra e Radicali. Per ciò che riguarda il sentimento di fiducia degli elettori, detto del capo dello Stato (64%), bene anche Fini (58%, +1 come Napolitano); tra i ministri sempre primo Brunetta (58%). Bocchino raggiunge Gasparri in testa alla corsa (ben poco esaltante) dei capigruppo. Tutti i dati presentati, co- me sempre, da Luigi Crespi in persona. Sentiamo.

Nella foto, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

Il blog personale di Luigi Crespi all’indirizzo http://luigicrespi.clandestinoweb.com

-

di LUIGI CRESPI

L’opposizione, anzi le opposizioni appaiono, secondo i dati rilevati, minoritarie e divise: UDC, PD e IDV non sono infatti testimoni di un unico progetto politico, mentre pur con grandi differenze, in termini elettorali, la maggioranza appare compatta, pertanto la proposta politica di Berlusconi riesce più credibile. Inoltre il dibattito che in questo momento ruota attorno alle primarie del Partito Democratico appare come cosa interna al partito, incapace di inserirsi nell’agenda politica e di coinvolgere gli elettori. E poi le notizie e le polemiche di questi ultimi mesi non sembrano scalfire il rapporto tra Silvio Berlusconi e l’opinione pubblica, tant’è che il dato di fiducia del premier avanza di un ulteriore punto percentuale attestandosi al 60% e il dato di fiducia nel Governo appare invariato (55%).

Per quanto riguarda le intenzioni di voto il PDL avanza di un punto e si attesta al 39%, la Lega ne perde uno e va al 10%. Anche il PD guadagna un punto e arriva al 27%.

L’Italia dei Valori invece perde 2 punti e va dall’8% del mese scorso al 6% rilevato ad ottobre, è il segnale che la politica delle urla non paga e soprattutto non pagano gli attacchi al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ottiene il massimo della fiducia ed è in crescita costante. E c’è la comparsa sulla scena politica del Movimento di Beppe Grillo che con il 3% ha un buon avvio e toglie consensi a IDV, Rifondazione (perde mezzo punto ed è al 2%) e Sinistra e Libertà (perde lo 0,3 ed è all’1,7%).

L’Unione di Centro stabile al 6,3%, come stabili sono i dati di MPA (1%), La Destra di Storace (1,5%) e Lista Pannella-Bonino (2,0%).

Le cariche istituzionali: un dato positivo per tutti i rappresentanti istituzionali. Il trend del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano è in costante crescita e si attesta al 64%. Bene anche il presidente del Senato, Renato Schifani, con il 51% e il presidente della Camera, Gianfranco Fini che arriva al 58% di fiducia.

Ministri: stabile in testa alla classifica Renato Brunetta al 58%, al secondo posto sempre Roberto Maroni al 55% seguito da Ignazio La Russa e Giulio Tremonti, entrambi al 51%.

Una pattuglia di ministri si attesta al 50%: si tratta di Stefania Prestigiacomo, Franco Frattini, Angelino Alfano e Mara Carfagna. Maria Stella Gelmini perde due punti e scende al 45%, scontando il momento critico dell’inizio dell’anno scolastico, così come Cludio Scajola che dal 46% passa al 44%, pagando forse per le polemiche sulla Rai. In crescita Giorgia Meloni al 48%, Gianfranco Rotondi al 45% e Roberto Calderoli che guadagna due punti e si attesta al 39%.

I capigruppo: stabile Gasparri al 34% raggiunto da Italo Bocchino che guadagna due punti rispetto allo scorso mese di settembre. Perde un punto Cicchitto, niente scosse per gli altri.

LUIGI CRESPI

Le tabelle

-

-

-

Commenti

3 Responses to “Ipotesi voto, oggi vincerebbe Berlusconi Sondaggio Crespi, fiducia: su Napolitano

  1. FRANCO DE CARLI on ottobre 15th, 2009 09.56

    molto interessanti e utili, non condizionano ma aiutano a capire.

  2. enrichetta on aprile 22nd, 2010 17.44

    Non riesco a capire il comportamento di Fini, a Berlusconi dico vai avanti nelle riforme: diminuire il costo della politica con un taglio dei parlamentari, riformare la giustizia, ma soprattutto dedicare tempo al progetto lavoro e diminuzione tasse. Vogliamo questo dall’attuale maggioranza e non le divisioni propina ta da Fini

  3. giuseppe peruzzi on giugno 17th, 2010 07.37

    sono un socialista craxiano piace molto la politica di berlusconi rigurardo alla economia ealla volonta di effettuare le riforme piace un po meno questa polemica con tutta la magistratura perche la stragrande maggioranza lavora in silenzio una volta stimavo molto fini io sono di un paese di destra e erano tutti finiani adesso ne saranno rimasti 10 o 20 non lo segue piu nessuno possibile che non lo capisce

Bottom