Top

***L’intervento*** Io non ho paura. Io sono incazzata di CRISTIANA ALICATA

agosto 27, 2009 di Redazione 

Dopo avervi proposto l’interessante pezzo di Michele Savino, in merito ai dati dell’omofobia in Italia, vi invitiamo a leggere questo intervento di Cristiana Alicata. Con voce graffiante la giovane scrittrice ed esponente del Pd racconta, commenta e si indigna di fronte a certe pagine di cronaca, ma soprattutto riesce ancora una volta a fotografare la realtà della minoranza più pacifica del mondo. Tra indignazione e sdegno si può tuttavia leggere la speranza ed il sorriso di chi crede ancora, malgrado tutto, al cambiamento  e propone delle valide soluzioni per evitare che simili fatti si ripetano in futuro.

-

Nella foto, Cristiana Alicata

di Cristiana ALICATA

Dicono che adesso dobbiamo avere paura. Aggrediti due giovani al gay Village, in piena movida romana. Aggrediti due gay (di destra specifica la stampa). Bruciato il Qube a Roma che ospita Muccaassassina. Più di 140 aggressioni a gay e lesbiche dall’inizio dell’anno. E parlo di quelle soltanto riportate dalla stampa. Mancano all’appello genitori che portano i figli da psichiatri o esorcisti. Manca all’appello la violenza del rifiuto da parte delle famiglie. O la violenza della paura sul lavoro.
Io non ho paura. Io sono incazzata. Sono incazzata con il Governo e con i sindaci di destra che lasciano aperte le discoteche gay e ricevono ogni tanto per un thé le associazioni locali emanando contentini, basta che ce ne stiamo zitti e buoni. Sono incazzata con loro perché ciò di cui abbiamo bisogno è lo stanziamento di soldi nelle scuole per insegnare il rispetto del diverso che sia gay, lesbica, brufoloso, ciccione, portatore di handicap, musulmano o nero.
Sono incazzata con il Partito Democratico che dovrebbe essere in prima linea nel difendere gli ultimi, promuovere con le associazioni LGBT la manifestazione del 10 ottobre. Promuoverla. Non aderirvi soltanto. Non mandare delegazioni. Voglio vedere tutti e 3 i candidati segretari in prima fila con tutta la dirigenza.
Sono incazzata con le associazioni LGBT italiane che ancora non riescono a fondersi in un unico forte corpo, armato dei nostri sorrisi. Un corpo che tenga conto di tutte le diverse storie e provenienze ma diventi ricchezza per tutto il popolo LGBT, non business per pochi.
Sono incazzata perché ci sono dei posti in Italia dove una lesbica ed un gay stanno bene (Torino) e dei posti dove una lesbica ed un gay possono solo chiudersi in una discoteca e poco altro (vedi Roma). Per non parlare di posti dove non esiste nulla e l’unica speranza è andare via o tranciare la propria emotività.
Ma non ho paura. Sono incazzata. Che vengano pure a darci fuoco, ma quando la discoteca è piena. Un onda colorata gli si ritorcerà contro. Ne hanno timore. Che ce lo vengano a dire in faccia che gli facciamo schifo quando ci amiamo e ci baciamo come tutti coloro che si amano. Saranno travolti d’amore.
Noi non abbiamo paura. Noi siamo incazzati. Anche se siamo la minoranza più pacifica del mondo, da sempre.

CRISTIANA ALICATA

Commenti

One Response to “***L’intervento*** Io non ho paura. Io sono incazzata di CRISTIANA ALICATA

  1. Domenico D'Agostino on agosto 29th, 2009 02.23

    No, Cristiana, non hanno timore che qualcosa possa ritorcersi contro di loro. E non saranno mai travolti d’amore. Non come le persone normali, come te e me: tu lesbica, io etero, entrambi capaci di amare come possono gli esseri umani.
    La rabbia ti fa esclamare: “Che ce lo vengano a dire in faccia che gli facciamo schifo quando ci amiamo e ci baciamo come tutti coloro che si amano”.
    E’ ora, forse, di dirle senza rabbia queste parole. E’ ora che si sappia che “loro” sentono schifo verso coloro che si amano. Perché non amano l’amore. E’ ora che si sappia. Senza ipocrisie e senza consolatori luoghi comuni. Non hanno timori, loro. Solo odio e voglia di repulsione e di ribrezzo. Ciao

Bottom