Top

Diario Politico: i cinque immigrati eritrei sotto accusa. Ed il procuratore Di Natale chiosa «Si tratta di un atto dovuto»

agosto 24, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il Diario Politico di stasera si apre con il prosieguo della vicenda dei cinque eritrei che, scampati alla tragica morte in mare dei loro compagni di viaggio, sono stati oggi iscritti al registro degli indagati. Sull’immigrazione si è innescato da subito un contenzioso tra Roma e Bruxelles, di cui, se nell’edizione di ieri sera vi abbiamo riportato la posizione della Farnesina, oggi la replica arriva direttamente dall’Europa, il cui monito di Frattini non è rimasto inascoltato. A seguire, Formigoni e Calderoli in quel di Rimini rianimano il dibattito interno alla maggioranza sulle Regionali; “Con Casini o senza Casini?”. Ed infine le ultime dal Pd; oggi Franceschini, dopo una seria autoanalisi sembra pronto a ripartire e recuperare ciò che si è perduto nel corso degli anni. Read more

***L’intervento*** Scarti. di CRISTIANA ALICATA

agosto 24, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

In questi giorni nel dibattito socio-politico si è tornati a parlare del tema dell’immigrazione, soprattutto a seguito della tragedia in mare in cui ben 73 migranti hanno perso la vita. Molto ne abbiamo scritto sulle nostre colonne, dando principalmente spazio alla polemica innescata da Umberto Bossi, poi divampata nelle fila della Curia romana. Ora però non vogliamo riportarvi la cronaca di quanto si dice né di quanto si è detto. Vogliamo riflettere sul fatto umano prima ancor che politico, sull’atrocità dell’accaduto, e vorremmo farlo insieme a voi, attraverso le parole della ‘nostra’ Cristiana Alicata, nota esponente del Pd ma anche affermata scrittrice, impostasi nel panorama letterario italiano con “Quattro”. Read more

***L’opinione delle grandi firme*** Perché NON sono un ex berlusconiano pentito. di PAOLO GUZZANTI

agosto 24, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il giornale della politica italiana apre quest’ultima settimana di agosto con il ritmo incalzante di una polemica che, ormai possiamo dirlo, ci ha accompagnato per tutta l’estate. Paolo Guzzanti, dopo aver denunciato, nonché battezzato, il regime ‘mignottocratico’ dell’attuale maggioranza, (in quanto al “sex appeal della politica si è sostituita la politica del sex appeal”), si è visto piovere addosso una miriade di accuse, per lo più riguardanti il suo passato nelle file di Forza Italia. Come tenta di spiegare, a chi gli rivolge le spietate accuse, il fulcro del problema non riguarda Berlusconi, ma l’Italia e di conseguenza gli italiani, che dal ’94 non hanno smesso di votarlo. Read more

Bottom