Top

Diario Politico. Berlusconi appoggia Calderoli: “Sì, alle gabbie salariali legate al costo della vita”

agosto 9, 2009 di Redazione 

Anche oggi il giornale della politica italiana vi offre il diario serale, in cui sono riassunti i principali eventi politici italiani. La giornata è stata monopolizzata dalle dichiarazioni rilasciate dal Premier alla testata napoletana Il Mattino. Berlusconi ha parlato di rilancio del Meridione e di gabbie salariali, accogliendo la proposta leghista. L’altro evento che ha caratterizzato questa giornata di agosto, è stato la presa di posizione del Senatore a vita Francesco Cossiga a proposito della pillola Ru486. Ma leggiamo meglio. Il contributo stasera è di Gianni Galleri.

Nella foto Silvio Berlusconi

di Gianni GALLERI

Silvio Berlusconi concede un’intervista al quotidiano partenopeo e rilancia l’idea di una Agenzia del Meridione, coordinata però centralmente. Continua anche il dibattito sulla così detta pillola abortiva. A schierarsi è Francesco Cossiga che riprende le posizioni espresse ieri da Gasparri e bacchetta il Presidente della Camera, Gianfranco Fini.

Il New Deal «Un grande “New Deal rooseveltiano”, come un “piano Marshall” per il Sud». Con queste parole a proposito dell’Agenzia del Mezzogiorno, il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha animato la scena politica della seconda domenica di agosto. Lo ha fatto ai microfoni del quotidiano di Napoli “Il Mattino”, proponendo un piano di interventi per il rilancio e lo sviluppo del Meridione. Il premier ha poi motivato il suo paragone riferendosi al fatto che per riequilibrare le differenze fra regioni negli Usa post ’29, durante appunto il New Deal, «l’agenzia fu di livello federale, non dei singoli Stati: la Tennessee Valley Authority fu messa in piedi dal governo di Washington, non dal governatore del Tennessee». Berlusconi ha poi voluto sottolineare altri due aspetti della sua strategia nei confronti del Sud. La prima riguarda il federalismo fiscale, la seconda, che riprende una proposta della Lega Nord, approva le gabbie salariali, legate al costo della vita, ormai molto diverso fra Nord e Sud. «È con il federalismo fiscale che avremo una reale assunzione di responsabilità da parte delle classi dirigenti delle regioni meridionali». E ancora. «Quanto alle gabbie salariali, tutti condividono l’esigenza di rapportare retribuzioni e costo della vita al territorio. Legare i salari ai diversi livelli del costo della vita tra Nord e Sud risponde a criteri di razionalità economica e di giustizia».

La Pillola «Il Parlamento può intervenire sulla pillola Ru486, mentre Fini ha violato una “antica norma di correttezza istituzionale” intervenendo fuori dall’aula su una materia del genere» che secondo Francesco Cossiga, Senatore a vita, può entrare nella discussione delle Camere. Si schiera così a fianco di Mantovano e Gasparri, l’emerito Presidente della Repubblica, su quella che viene comunemente definita pillola abortiva. Proprio Cossiga ha anche presentato una interpellanza al suo ramo del Parlamento, che come però lui stesso ammette, probabilmente cadrà inascoltata. A motivo di ciò l’ex Presidente elenca con precisione le “squadre”: «la totalità dell’Opposizione, compresi i sempre più assenti “teodem”, sono favorevoli all’affermazione dei “nuovi diritti” e anche la maggioranza non credo voglia impegnarsi, a costo di spaccarsi. Oltre a Fini, ci sono i “finiani”, i massoni, i radicali e liberals del Popolo della Libertà». A Cossiga fa eco la vicepresidente del gruppo del Pdl al Senato, Laura Bianconi. «Gli va riconosciuto il merito di essere intervenuto in maniera precisa e puntuale su una questione molto delicata come quella della pillola Ru486. Il suo sostegno e le sue indicazioni sono molto preziose».

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom