Top

***L’opinione delle grandi firme***Ora Bossi detta anche la politica estera di GAD LERNER

luglio 31, 2009 di Redazione 

Quest’oggi, in apertura di giornata, ilPolitico.it vio offre un pungente intervento del grande giornalista Gad Lerner. Inserendosi nel dibattito sul Afghanistan – l’intenzione di portare l’italia fuori dal Paese trapelata dalle parole di Bossi e poi smentita dal premier Berlusconi – Lerner ci dà la sua opinione con la consueta dose di provocazione che lo contraddistingue. Da non perdere!

 

-

Nella foto, il giornalista Gad Lerner

di Gad LERNER

Credo che le cose vadano più o meno così: il lunedì sera, alla cena di Arcore, il primo ministro confida i suoi dubbi e le sue difficoltà. L’amico Umberto Bossi registra in silenzio e poi ci costruisce la sua strategia: incalzare Berlusconi cavalcando in anticipo obiettivi politicamente dirompenti ma popolari.
E’ andata così anche sulla “exit strategy” dall’Afghanistan, tema delicatissimo perchè concerne le alleanze internazionali dell’Italia e riguarda direttamente gli interessi vitali di India, Cina e Iran. Cioè la pace o la guerra nel mondo.
Che la guerra afghana sia impossibile da vincere, è vero. Che sia necessario un compromesso con un settore dei talebani, è altrettanto vero. Ma questo modo di cavalcare l’opinione pubblica, esattamente come sulle ronde e gli sbarchi a Lampedusa, sembra fatto apposta per fare dell’Italia una variabile impazzita dell’Unione europea, coltivandone una suicida vocazione isolazionista. E nello stesso tempo lancia un messaggio inequivocabile: Berlusconi, sempre più debole, è condannato a inseguire Bossi sul suo terreno. Probabilmente i leghisti vedono avvicinarsi i tempi del dopo-Berlusconi e si posizionano con abilità, in attesa di passare all’incasso fin dalle regionali della primavera 2010.

GAD LERNER

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom